ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSalvataggi a rischio

Alibaba “cavaliere bianco” di Suning, a vincere è la speculazione

Festeggia il mercato locale dei bond all’ipotesi di alleanza tra il colosso in crisi dell’e-commerce di Hangzhou e l’indebitata società di Zhang Jindong

di Rita Fatiguso

3' di lettura

Funzionerà? Due problemi non fanno la soluzione. Alibaba, il gigante dell’e-commerce costretto dalle autorità di Pechino a una radicale trasformazione societaria e con la sua icona Jack Ma sparita dalla scena pubblica, dovrebbe risollevare le sorti di Suning, altro colosso sull’orlo del fallimento e con il suo altrettanto carismatico fondatore Zhang Jingdong condannato da una Corte di Pechino al congelamento delle azioni per tre anni. Il matrimonio è tutto in salita. Per il momento, a guadagnare dall’effetto-annuncio è l’altrettanto problematico circuito dei bond locali cinesi.

Jack Ma invitato a un Summit Wto

Alibaba-Suning, la speculazione fa affari

A guadagnarci, per il momento, sono le quotazioni nel mercato locale dei bond di Suning Holdings Group Co.schizzate alle stelle. Un circuito ad altissimo rischio di default, come ben sanno le autorità di Pechino che tengono ben fermi i fari sull’andamento dei bond municipali sempre ad alto rischio sistemico.

Loading...

L’annuncio che Alibaba potrebbe essere il cavaliere bianco in grado di salvare dal baratro l’indebitato gruppo dello Jangsu, principale azionista dell’Inter, ha dato fuoco alle polveri della speculazione. L’intervento sarebbe in cordata (in precedenza si era parlato di un intervento a sè, da parte di un fondo della municipalità locale, ma la mossa non ha avuto seguito) con il governo di Shenzhen.

Alibaba entrerebbe nella componente retail di Suning, nata come catena di prodotti per la casa con oltre 1.600 punti vendita in tutto il Paese, un marchio molto amato dalle famiglie cinesi e poi convertito all’e-commerce e non solo. Suning è diventata nel tempo una holding sterminata con interessi in campi lontanissimi dall’attività delle origini.

Le quotazioni di Suning sono salite alle stelle, specie quelle della piattaforma e-commerce Suning.com che hanno guadagnato l’1,9% arrivando a 99,31 yuan, toccando i massimi dall’agosto dell’anno scorso.

Le grane di Suning a corto di liquidità

Questo non risolverà certo le grane di Suning sempre più a corto di liquidità. Suning Appliance Group Co., un’altra unità dell’impero Suning fondata dal miliardario cinese Zhang Jindong, invitato anche al 13esimo Congresso nazionale del popolo ma al quale una Corte di Pechino ha appena congelato le azioni per tre anni, ha rimandato il pagamento di oltre 5 miliardi di yuan in scadenza a febbraio.Ben 887 milioni di yuan (pari a 137 milioni di dollari) al 7,3% con scadenza 2023 sono stati rimborsati in extremis grazie all’intervento di una cordata di investitori

Suning Appliance ha ancora un titolo obbligazionario da 600 milioni di dollari in scadenza a settembre e altri 24 miliardi di yuan di titoli onshore in scadenza nel 2022 e nel 2023. Suning.com deve rimborsare o rifinanziare 1,7 miliardi di yuan di titoli locali entro agosto. I 500 milioni di dollari dovuti da Suning International Group in scadenza nel 2022 saranno trasferiti in tempo utile, stando a quanto ha dichiarato la società.

Zhang Jindong al 13esimo Congresso del popolo

I vantaggi per l’e-commerce di Alibaba

Come si potrà notare, la situazione di Suning è particolarmente delicata sul versante finanziario. Anche per il “cavaliere bianco” Alibaba i tempi sono duri, i motivi diversi, ma altrettanto in grado di condizionare il futuro della società.

La società di e-commerce nata ad Hangzhou ha sconfinato nel terreno della finanza utilizzando il grimaldello dell’e-commerce . Per queste ragioni Pechino ha avviato una profonda trasformazione del settore imponendo nuove regole, la separazione di attività finanziarie da quelle e-commerce, l’adesione alla nuova legge anti-monopolio e tutta una serie di altri onerosi adempimenti. In più è intervenuta anche l’Antitrust con multe e nuove regole. La stella di Jack Ma è tramontata. Ma la società resta fortissima nelle vendite online e può ricavare nuovi profitti grazie al boom delle vendite in streaming.

Suning ha certamente subito perdite nella componente retail, ma puntare gli occhi sulla componente sana dell’azienda dello Jangsu può aiutare a valorizzare la componente vendite di prodotti nella modalità e-commerce. Per questa ragione Alibaba potrebbe trovare un valore aggiunto reale entrando nel capitale di Suning.

Non sappiamo se matrimonio sarà se i fondatori presenzieranno, uno è sparito, l’altro non se la passa meglio.

Soprattutto non sappiamo cosa potrebbe fare l’Antitrust cinese. Riformata tre anni fa, è scatenata peggio di quella Occidentale. E non starà a guardare davanti a una simile concentrazione nell’e-commerce.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti