ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLattiero caseario

Arborea investe su innovazione di prodotto, sostenibilità e benessere animale

Rilancio dei prodotti di capra e formaggi duri (anche all’estero) e nuovi gusti per A-Yo, lo yogurt a base di un mix di latte sardo di pecora e mucca.

di Davide Madeddu

Latte Arborea

2' di lettura

Nuovi prodotti alimentari e innovazione. Il Gruppo Arborea punta a rafforzare la presenza e distribuzione nel mercato sardo e, allo stesso tempo, guarda allo scenario nazionale e intenzionale. Sono gli obiettivi del gruppo sardo cui aderiscono 190 aziende agricole socie, e considerato terzo player nazionale nel latte Uht e leader nel comparto lattiero-caseario in Sardegna).

«Nei prossimi mesi puntiamo a rafforzare la sostenibilità delle nostre produzioni - dice Remigio Sequi, presidente di Latte Arborea -, proseguendo il percorso virtuoso che ci ha portato a conseguire recentemente la certificazione di Benessere animale, con l'obiettivo di migliorare ulteriormente la qualità della vita e del lavoro dei nostri allevatori».

Loading...

Quanto alle novità, una riguarda la produzione dello yogurt. In campo l’introduzione di tre varianti di A-Yo, il primo yogurt prodotto in Italia con un mix di latte di mucca e pecora, 100% sardi. Le nuove referenze (Stracciatella, Nocciola e Vaniglia) “Gusti Golosi come un gelato” saranno distribuite assieme a tutta la gamma a livello nazionale. Previsto, inoltre, un restyling grafico della linea di yogurt intero, magro e senza lattosio. E poi quella che riguarda, nell'abito dei prodotti ovicaprini, il marchio Girau.

Nel 2022 l'azienda punterà, da un lato, a rafforzare la leadership nazionale e a incrementare ulteriormente la penetrazione del latte fresco a lunga durata (Esl) e dello yogurt di capra e, dall'altro, a completare la gamma del latte Uht intero di capra, inserendo i formati da mezzo litro e da un litro.
Novità infine anche tra gli assortimenti di formaggi stagionati con il restyling del Gran Campidano, «prodotto esclusivamente con latte vaccino Arborea, stagionatura minima di 14 mesi, senza conservanti e naturalmente privo di lattosio».

Inoltre veste grafica rinnovata anche per la linea premium della Mozzarella Isolabella, prodotta «col metodo tradizionale della filatura ad acqua e rigorosamente con latte vaccino sardo, nelle varianti Mozzarella Fresca e Bocconcini Freschi, che vedrà un'iniziale commercializzazione in Sardegna».

Il fatturato Arborea nel 2020 ha raggiunto la soglia di 193,7 milioni di euro, il dato più alto in oltre 60 anni di storia, con una crescita rispetto all’anno precedente del 5,7%. Nel 2021 è stato consolidato il risultato nonostante la flessione dei consumi post covid e quest’anno si punta ai 200 milioni.

La coop punta a raggiungere entro il 2022 una distribuzione ponderata del 66% rispetto all'intero sistema produttivo nazionale. «Il piano di sviluppo per il 2022 è parte integrante di un programma finalizzato all'innovazione di prodotto e all'aumento della quota di mercato della Cooperativa in Sardegna, nella penisola e all'estero, da realizzare nei prossimi anni – commenta Andrea Agostini, direttore generale 3A –. In Sardegna il focus sarà sull'aumento di capillarità dal punto di vista distributivo, spinto dalle nuove referenze dedicate al mercato regionale che rinnoveranno e rinforzeranno il portafoglio dell'azienda. Nella Penisola, invece, Arborea punterà a presidiare il mercato nazionale con allargamenti distributivi dedicati in primis al latte vaccino e a quello alimentare ovi-caprino e, in secondo luogo, alla mozzarella». Sui mercati esteri, invece, si punterà «a incrementare la distribuzione di formaggi duri, mascarpone e panna in Asia, Africa e Nord America».


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti