ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAudizione alla Camera

Banche: Franco, l’uscita da Mps e Bari con tempi sostenibili

Il ministro dell’Economia: l’uscita da Monte dei Paschi e Popolare Bari con tempi sostenibili

Mps, Franco: "Obiettivo Governo è restituire banca al mercato"

2' di lettura

L’aumento di capitale di Mps «va realizzato entro il 2022» e solo dopo tale operazione il ministero dell’Economia valuterà l’uscita da capitale della banca. A dirlo il ministro dell’Economia Daniele Franco durante un’audizione la Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema bancario. Franco ha spiegato che solo dopo tale operazione - di cui si terrà conto in termini di valore nella vendita della banca - «verosimilmente» il Mef valuterà la cessione della sua partecipazione in Mps.

Franco ha anche ricordato che la trattativa che il Mef sta avendo con la Commissione europea sula dilazione dei termini per la cessione di Mps punta anche a far sì che le misure compensative chieste da Bruxelles a fronte del mancato raggiungimento degli obiettivi «siano realistiche e non tali da compromettere il piano industriale della banca». Il piano approvato dal cda prevede un aumento di 2,5 miliardi di euro.

Loading...

L’uscita da Mps e Popolare Bari con tempi sostenibili

«Il Mef, come investitore paziente, - ha detto anora Franco - deve prestare la massima attenzione affinché i piani e le strategie ed eventualmente l’uscita dello Stato avvenga in modo sostenibile per aziende e per sistema economico». Così Franco sui tempi di dismissioni delle partecipazioni pubbliche in Mps e nella Popolare di Bari. Il ministro ha spiegato che il Mef sta negoziando una «congrua dilazione» con la Commissione europea sui tempi di dismissione delle quote rispetto al termine di fine 2021, e che per Mps ciò accadrà «solo dopo la realizzazione dell’aumento capitale e dopo l’avvio delle iniziative di contenimento dei costi e miglioramento dell’efficienza definite dal piano industriale». I tempi di dismissione «dipenderanno dai progressi su questi due profili».

Popolari Bari, possibile cessione dopo il risanamento

Quanto alla Banca popolare di Bari, ora partecipata da Mcc, è «assolutamente importante» ha sottolineato Franco, che «prosegua la sua azione di contenimento dei costi e recupero della capacità di effettuare impieghi su scala più ampia. Superata questa fase, si potrà considerare il ritorno alla vendita della partecipazione statale che però presuppone il superamento delle difficoltà attuali». Franco ha ribadito che l’aggregazione della popolare con Mcc «può fornire un contributo importante allo sviluppo delle regioni meridionali, dove c’è carenza di banche rilevanti e a volte difficoltà» con un tessuto imprenditoriale fatto prevalentemente di pmi e dove «la qualità del credito tende ad essere meno buona che nel resto del Paese».

Solvibilità e redditività del settore soddisfacente

Le banche italiane evidenziano nell’ultimo anno «una solvibilità e una redditività soddisfacente», ha riferito il ministro dell’Economia. Aggiungendo che la «qualità del credito è stabile, l’incidenza dei deteriorati si è ridotta e lo scorso anno la redditività è migliorata». Franco nell’audizione ricorda che l’esposizione diretta delle banche italiane verso la Russia è di 29 miliardi pari allo 0,7% delle attività finanziarie». Il ministro aggiunge che le nuove misure di sostegno pubbliche italiane, autorizzate dal nuovo Temporary Framework della Ue, verranno calate nella normativa italiana da un prossimo decreto che avrà un orizzonte fino al prossimo 31 dicembre.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti