Via Nazionale

Bankitalia: Pil 2021 +5,1%, due punti arriveranno dal Pnrr. Assunzioni compenseranno sblocco licenziamenti

Bollettino trimestrale di Via Nazionale: restano elementi di incertezza dall'evoluzione della pandemia

di Carlo Marroni

(foto imagoeconomica)

3' di lettura

Migliora di nuovo la stima del Pil per il 2021. Il Bollettino trimestrale della Banca d'Italia rileva che sulla base delle proiezioni macroeconomiche per l'economia italiana nel triennio 2021-23 il prodotto accelererebbe con una «crescita in media d'anno attualmente valutabile al 5,1 per cento». Nei due anni successivi la crescita si attesterebbe sul 4,4 nel 2022 e del 2,3 nel 2023. Si tratta di quindi di un live miglioramento sia rispetto alle proiezioni di un mese fa (4.9-5%) sia da quando detto dal Governatore Ignazio Visco all'assemblea Abi, quando aveva parlato del 5%.

Quattro punti Pil nel triennio da misure sostegno e rilancio, due punti dal Pnrr

«Tali proiezioni dipendono dalle ipotesi che si consolidi il miglioramento sanitario nazionale e globale, che prosegua il deciso sostegno della politica di bilancio e che si mantengano favorevoli le condizioni monetarie e finanziarie» precisa il Bollettino, confermando le condiziono più volte esplicitate. «Questo quadro è fortemente dipendente dall'efficacia delle misure di sostegno e rilancio che innalzerebbero il livello del PIL di circa 4 punti percentuali cumulati nel triennio di previsione; circa la metà di tale effetto è attribuibile agli interventi del PNRR».

Loading...

Elementi di incertezza da pandemia e attuazione del Recovery

La sintesi del Bollettino trimestrale ricorda che «elementi di incertezza rispetto alle proiezioni di crescita sono legati all'evoluzione della pandemia, alle modalità di attuazione dei progetti connessi al PNRR nonché alla risposta dei consumi». In Italia nel 2° trimestre la crescita si è accentuata e sarebbe stata superiore all'1 per cento sul periodo precedente. Sale l'inflazione in giugno all'1,3 per cento, ma al netto di energia e alimentari resta tuttavia molto debole (0,3 per cento); non vi è evidenza di rilevanti effetti di ulteriore trasmissione dei costi energetici ai listini di vendita di beni e servizi finali; non emergono segnali di incrementi significativi dei salari.

Assunzioni compenseranno sblocco licenziamenti

«L’impatto della rimozione dei provvedimenti di blocco dei licenziamenti sull’occupazione complessiva viene in larga misura compensato dalle nuove assunzioni», stima la Banca d’Italia. «Nel prossimo triennio le ore lavorate aumenterebbero di oltre l’11% riportandosi alla fine del 2022 sui valori precedenti la pandemia. Anche il numero di occupati» è previsto espandersi «nei prossimi trimestri, tornando al di sopra dei livelli pre-crisi entro i primi sei mesi del 2023». Il tasso di disoccupazione, in aumento nel 2021 (al 10,5%), si ridurrebbe in seguito, collocandosi al 9,9% nel 2023.

Il contributo alla ripresa dagli investimenti

La ripresa sarebbe caratterizzata da un forte contributo degli investimenti. Nella media dell'anno, gli investimenti aumenterebbero del 15,2 per cento nel 2021, dell'8,7 nel 2022 e del 5 nel 2023. Alla fine del triennio il rapporto tra investimenti e PIL si riporterebbe, dopo oltre un decennio, in prossimità dei livelli precedenti la crisi finanziaria del 2008-09: vi contribuirebbe in misura significativa la componente pubblica, il cui peso sul prodotto tornerebbe in linea con la media europea dopo oltre un decennio.

Resta alta la propensione al risparmio, ridotti afflussi turistici

I consumi sarebbero tornati a crescere nel secondo trimestre ma si mantiene elevata la propensione al risparmio che risente ancora di motivi di carattere precauzionale. Nel 1° trimestre si sono ridotti gli afflussi turistici; i dati della telefonia mobile forniscono pero' segnali di una ripresa delle presenze estere in Italia dalla fine di Aprile. E' proseguita la crescita dei prestiti alle societa' non finanziarie e alle famiglie; la domanda di credito delle imprese, per la maggior parte assistito da garanzie pubbliche ha riflesso oltre esigenze di ristrutturazione del debito e moti vi precauzionali l'intenzione di finanziare la ripresa degli investimenti.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti