ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSupercar

Bmw 3.0 CSL, edizione limitata per festeggiare i 50 anni della divisione M

Solo 50 esemplari, 560 cavalli di potenza e cambio manuale

di Simonluca Pini

3' di lettura

Nata per celebrare i 50 anni della divisione Bmw M, l'esclusiva Bmw 3.0 CSL ha tutte le carte in regola per diventare uno dei modelli più ambiti prodotta dal marchio di Monaco di Baviera. Prodotta in soli 50 esemplari numerati, la 3.0 CSL è stata sviluppata con l’intento di combinare il meglio di cinque decenni di esperienza nelle corse della Bmw M GmbH in una sola automobile. Derivata dalla M4, la 3.0 CSL è la più potente Bmw M omologata per l'utilizzo su strada grazie ai 560 cavalli di potenza mostra uno stile unico sviluppato per garantire le migliori prestazioni e un piacere di guida ai vertici della categoria che rende onore alla storica Bmw CSL degli anni '70.

Bmw 3.0 CSL, tutte le foto della BMW M da collezione

Bmw 3.0 CSL, tutte le foto della BMW M da collezione

Photogallery12 foto

Visualizza

Bmw, cosa significa CSL

La versione stradale dell’auto da corsa, diventata un simbolo del piacere di guida incentrato sull’essenziale deve il nome CSL alla combinazione di lettere che nella designazione originale del modello rappresentava “Coupé, Sport, Leichtbau” (Lightweight), il riassunto conciso della ricetta di successo della due porte sportiva. All’epoca la vettura fu soprannominata “Batmobile” per via dell’ampia ala posteriore utile a ottimizzare l’aderenza delle ruote posteriori che non venne approvata per l’uso su strada e quindi poteva essere rimossa e riposta nel bagagliaio quando il veicolo non veniva usato in pista. Caratteristica che si ritrova sulla 3.0 CSL, che presenta un’ala posteriore che traduce l’aspetto caratteristico della “Batmobile” in un linguaggio di design moderno. Progettato per generare ulteriore downforce e quindi ottimizzare la trazione sull’asse posteriore, il deflettore racchiude l’intera sezione posteriore diventando così un elemento visivo dominante. I quattro tubi di scarico disposti a forma di freccia al centro della grembialatura posteriore presentano un silenziatore in titanio particolarmente leggero e forniscono un ulteriore accento di sportività. Il sei cilindri 3,0 litri della 3.0 CSL deriva dall'unità dell’attuale M4 Gt3 del Dtm. La versione con tecnologia M TwinPower Turbo ulteriormente sviluppata esclusivamente per la 3.0 CSL offre una potenza massima di 560 cavalli e 550 Nm, stabilendo il nuovo record per i modelli sei cilindri di Bmw M con omologazione stradale. Il cambio manuale a sei rapporti e la trazione esclusivamente posteriore assicurano un piacere di guida particolarmente intenso e la massima sportività.

Loading...

Bmw 3.0 CSL, tre mesi per costruirla

La produzione delle 50 Bmw 3.0 CSL richiederà circa tre mesi. Ognuno di essi è creato con assoluta dedizione all’eccellenza con un elaborato processo di produzione presso la sede esterna dello stabilimento di Dingolfing del Bmw Group a Moosthenning, Bassa Baviera; oltre a numerose automobili Bmw M, vi si producono le Serie 7 e componenti di carrozzeria per Rolls-Royce Motor Cars. Gli esclusivi componenti interni in plastica rinforzata con fibra di carbonio (Cfrp) sono prodotti a mano sia a Monaco che presso la fabbrica di componenti del Bmw Group a Landshut da specialisti appositamente assegnati.

Verniciatura old School

Come le auto da competizione, anche le tenute dei piloti, i veicoli da trasporto e tutte le altre attrezzature del team presentavano strisce uniformi in blu, viola e rosso su sfondo bianco: una novità per l’epoca e un marchio di fabbrica riconosciuto a livello mondiale ancora oggi. La Bmw 3.0 CSL riprende questa tradizione con una verniciatura in Alpine White uni e una decorazione a strisce nei colori Bmw M GmbH. Le linee della carrozzeria riflettono efficacemente le superfici dinamiche, mettendo così ancora più in evidenza l’estetica potente della coupé. Sia il colore di base che le strisce M, note in gergo tecnico come livrea, sono applicate in gran parte a mano, con un impegno di tempo e di lavoro estremamente elevato. Un totale di 22 parti individuali vengono verniciate con un processo appositamente studiato. Particolare attenzione viene prestata alla disposizione estremamente precisa delle aree delle superfici della carrozzeria e delle strisce della livrea rifinite in carbonio a vista. In generale, la maggior parte degli esterni in Alpine white uni comprende componenti in carbonio, che vengono dipinte a mano da specialisti. Il materiale high-tech è visibile solo nelle scritte sul tetto e sull’alettone posteriore. A tal fine, queste aree devono essere esposte durante il processo di verniciatura. Per posizionare con precisione le strisce della livrea, i verniciatori utilizzano una mascheratura con proiezione laser e pellicole di contorno personalizzate. Ogni componente con verniciatura in livrea ha un tempo di lavorazione di sei giorni. In questo lasso di tempo, completa fino a otto processi di verniciatura, ciascuno con le necessarie fasi di lavoro intermedie, come la carteggiatura e la mascheratura delle strisce di colore. Il risultato è un totale di 134 processi di verniciatura per ogni veicolo, per un totale di 6.700 sequenze di lavoro manuale nel reparto verniciatura per l’intera piccola serie del modello speciale.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti