Test drive

BMW serie 2 Active Tourer, ecco com’è, come va e quanto costa la nuova generazione

La seconda serie della monovolume BMW è ispirata da molte innovazioni stilistiche, funzionali, tecnologiche e legate alla digitalizzazione portate al debutto dalla iX, il suv nativo elettrico che ha aperto un capitolo tutto nuovo della casa bavarese

di Massimo Mambretti

BMW 220i Active Tourer MSport

4' di lettura

È versatile e funzionale come la precedente, ma è tutta un'altra cosa: ecco come definire la nuova BMW serie 2 Active Tourer. Infatti, è il primo modello della casa bavarese che segue il solco stilistico, concettuale e tecnologico tracciato dal suv elettrico iX che ispirerà anche tutte le prossime BMW.

Le foto della prova della Bmw 220i Active Tourer

Le foto della prova della Bmw 220i Active Tourer

Photogallery11 foto

Visualizza

BMW serie 2 Active Tourer, la monovolume adesso fa un po' la crossover

La nuova Active Tourer si basa sempre sull'architettura della precedente, quella che ha dato vita all'attuale generazione della Mini e a tutti i modelli compatti a trazione anteriore di casa BMW, ma si presenta con un look totalmente differente. L'aspetto è fortemente improntato dallo stile minimalista che ha originato la iX e utilizza richiami del mondo crossover per mascherare l'impostazione da monovolume, oggi poco sugli scudi. La linea è caratterizzata da superfici levigate che si raccordano morbidamente, dalla grande calandra che conferisce al frontale un'espressione aggressiva e dai muscolosi parafanghi posteriori che danno un tocco di sportività alla linea. Dimensionalmente la nuova Active Tourer è solo un poco più robusta della precedente, poiché è lunga 4,39 metri e larga 1,82 metri. L'abitacolo è spazioso, arredato sulla falsariga di quello della iX utilizzando componenti poco invasive e un'esile penisola fra i sedili anteriori per ospita il selettore del cambio a doppia frizione e pochi interruttori fisici. Posteriormente si ritrova la selleria con schienali regolabili che, a richiesta, può scorrere per 13 centimetri per modulare lo spazio a favore dei passeggeri piuttosto che della capacità del bagagliaio. Quella delle versioni con motore termico spazia da 470 a 1.455 litri, quella delle nuove proposte mild-hybrid è influenzata dalla batteria sotto il piano di carico e, quindi, va da 415 a 1.405 litri.

Loading...

BMW serie 2 Active Tourer, concentrato di digitalizzazione e innovazioni

La Active Tourer allunga il raggio d'azione del grande widescreen introdotto dalle BMW native elettriche. In questo caso è formato dal display configurabile da 10,25” della strumentazione e da quello orientato verso chi guida da 10,7” del sistema di infotainment, che integra lo standard 5G. La digitalizzazione si basa sul sistema operativo BMW 8.0, manda fuori gioco molti tasti fisici nonché la manopola con cui si gestisce su molte BMW l'infotainment, permette di attivare molte funzionalità in maniera semplice anche attraverso comandi vocali, connette continuamente la vettura con il mondo esterno e interagisce via wireless con Apple Car Play e Android Auto.

Questa BMW porta al debutto tra i motori a benzina a tre cilindri di 1,5 litri del gruppo bavarese un sistema mild-hybrid a 48 V con un motore elettrico da 19 cavalli. Il sistema permette alla 220i di offrire una potenza di 170 cavalli e alla 223i che utilizza un quattro cilindri di 2 litri di sviluppare 218 cavalli. A queste versioni si aggiungono proposte non ibride con motori turbo a tre cilindri: la 218i a benzina con 136 cavalli e la turbodiesel 218d con 150 cavalli. Verso l'estate arriveranno le serie 2 Active Tourer ibride plug-in: la 225e con 245 cavalli e la 230e con 326 cavalli. Saranno le prime BMW non full-electric che sfrutteranno motori elettrici asincroni derivati da quelli della iX e della i4.

BMW serie 2 Active Tourer, come va la 220i MSport

La metamorfosi della serie 2 Active Tourer è ben percepibile anche a livello dinamico, perché la nuova generazione si comporta egregiamente in ogni situazione. È maneggevole, composta e confortevole in ogni situazione specie nel caso della 220i nell'allestimento MSport da 40.200 euro, che di serie offre anche le sospensioni adattive elettroniche. Il comportamento favorisce un feeling molto diretto tra auto e chi guida anche sui percorsi ricchi di curve dove, a dispetto sia della seduta un po' alta e delle sembianze, la 220i Active Tourer si muove con la stessa spigliatezza delle consanguinee sportive. Su questo fronte si riversa anche il rendimento del tre cilindri elettrificato impresso dall'erogazione fluida e dalla capacità di sfoderare un carattere vivace quando viene sollecitato, grazie al contributo della potenza che mette in campo l'unità elettrica. Il suo apporto permette al tre cilindri non solo di spingere la 220i sino a 221 all'ora ma anche di farle tagliare il traguardo dei 100 orari in 8”1, oltre che di propiziare una percorrenza media di 16,9 chilometri con un litro. Alla fine del test di 150 chilometri svolto in parte in città e in parte in autostrada e su strade statali, navigando dalla configurazione vettura più eco-friendly alla più sportiva, nel computer di bordo abbiamo visualizzato una media di 14,7 chilometri con un litro.

BMW serie 2 Active Tourer, versioni e prezzi

Tutte le serie 2 Active Tourer sono offerte negli allestimenti base, Luxury e MSport che si distinguono oltre che per gli specifici equipaggiamenti, che sempre comprendono molti dispositivi di sicurezza e assistenza alla guida e il sistema operativo BMW 8.0, anche per la differenziazione estetica, in particolare anteriormente. La famiglia è formata dalle versioni a benzina 218i il cui listino parte da 34.600 euro, dalla 220i i cui prezzi muovono da 36.500 euro e dalla 223i ordinabile a partire da 40.000 euro con la trazione anteriore e da 42.100 con la trazione integrale xDrive. Il listino della turbodiesel 218d prende le mosse da 37.900 euro.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti