La giornata dei mercati

Semestre record per le Borse. Milano "fa 13", in Europa molti rialzi a doppia cifra

Boom grazie alle campagne vaccinali. Passo falso nell'ultima seduta a causa dei timori sulla variante Delta: il Ftse Mib chiude in calo dell'1,01%

di Flavia Carletti e Paolo Paronetto

La Borsa, gli indici del 30 giugno 2021

4' di lettura

Pur non replicando le performance di gennaio-marzo, i listini azionari europei – spinti dal successo delle campagne vaccinali e dalla progressiva riduzione delle restrizioni – hanno allungato ancora nel corso della primavera segnando record assoluti e relativi nel mese di giugno e chiudendo quasi tutti con rialzi in doppia cifra da inizio anno.

Quello chiuso mercoledì è inoltre il quinto trimestre consecutivo di rialzo per le Borse europee. Nel periodo gennaio-giugno, le performance migliori spettano a Parigi e ad Amsterdam (rispettivamente +17,23% e +16,8%), ma anche Francoforte e Milano, con un incremento del 13% circa, hanno portato i propri indici di riferimento rispettivamente al nuovo top storico (sopra 15700 punti per il Dax30) e ai massimi dall’ottobre 2008. Nel dettaglio, il Dax30 tedesco ha guadagnato il 13,21%, mentre il Ftse Mib milanese ha messo a segno un +12,9%. Poco sotto il 10% l’aumento di Londra (+8,93%) e Madrid (+9,26%).

Loading...

La reazione timorosa dei mercati alla corsa dell’inflazione, soprattutto in Usa, le potenziali conseguenze della diffusione della variante Delta e i ribilanciamenti di portafoglio dopo la lunga corsa sono stati i fattori principali alla base della frenata delle ultime due settimane (-2% circa l’Eurostoxx50). A metà giugno del resto, oltre ai picchi di Francoforte e Milano, anche Amsterdam e Zurigo hanno aggiornato i record storici mentre il Cac di Parigi ha rivisto i livelli del 2000.

Passo falso nell'ultima seduta: Milano chiude a -1,01%

Le buone performance dei listini sono state solo marginalmente intaccate dal passo falso registrato nella seduta di mercoledì 30 giugno. I listini continentali sono stati penalizzati dai timori legati alla diffusione della variante Delta del Covid e dal conseguente aumento dell’avversione al rischio. Le vendite hanno colpito in primo luogo i settori più ciclici, come banche e auto, ma anche i titoli delle utility e dell’energia, nonostante il rialzo del prezzo del petrolio. A pesare sul mercato sono anche gli aggiustamenti di portafoglio di fine trimestre e semestre, nonché le nuove indicazioni arrivate da rappresentanti della Fed, come Christopher Waller, secondo cui non è escluso un rialzo dei tassi nel 2022 ed è invece necessario ragionare sulla riduzione del programma di acquisti sui mercati.

Il FTSE MIB milanese ha così perso l'1,01%. Sul comparto automotive, il peggiore in Europa, pesano le cattive notizie arrivate dall'Ohio per Volkswagen sul caso dieselgate: la Corte Suprema locale ha stabilito che il procuratore generale dello Stato può perseguire il gruppo per il caso dieselgate al di là delle sanzioni già stabilite a livello federale. A Milano, nel settore, perdono terreno Pirelli & C e Stellantis.

Wall Street poco mossa, in 6 mesi S&P +14%

Continua invece a guadagnare terreno Wall Street dopo la pubblicazione del dato sull'occupazione nel settore privato, aumentata a giugno più di quanto atteso dagli esperti, ma meno di quanto registrato a maggio. Nel mese che sta per concludersi sono stati creati 692.000 posti di lavoro, mentre le stime erano per la creazione di 550.000 posti di lavoro. Il dato di maggio e' stato rivisto da +978.000 a +886.000, comunque il miglior mese dallo scorso settembre. Già nella seduta di martedì 29 giugno S&P 500 e Nasdaq hanno messo a segno nuovi record.

Sul fronte macro, l'evento più atteso della settimana statunitense è il rapporto ufficiale sull'occupazione, in programma venerdì: gli economisti si aspettano un aumento di 683.000 posti di lavoro a giugno. Un guadagno, dopo i 559.000 di maggio, che però sarebbe ancora al di sotto del milione di posti di lavoro che alcuni esperti si auguravano per la ripresa post-Covid.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Corre Unipol, Safilo giù dopo annuncio aumento di capitale

A Milano sul FTSE MIB spicca il rialzo di Unipol dopo che alcune cooperative già nel capitale del gruppo bolognese hanno comprato un ulteriore 1% del capitale attraverso il veicolo Koru ad un prezzo massimo di acquisto superiore del 6,6% alla chiusura di martedì 30 giugno. In scia bene Generali. Vendite sulle utility (Enel) e sulle infrastrutture energetiche (Snam Rete Gas, Italgas, Terna). Fuori dal listino principale, crollo per Safilo Group che ha lanciato un aumento di capitale da 135 milioni di euro finalizzato a rimborsare un prestito soci da 90 milioni e a cogliere eventuali opportunità di crescita.

Asta BTp con tassi in calo, spread scende a 102 punti

Buona domanda e rendimenti in calo per i BTp. Nel dettaglio il Tesoro ha emesso la nona tranche del BTp a 5 anni scadenza 01/04/2026 per 3 miliardi a fronte di una richiesta pari a 4,124 miliardi. Il rendimento è sceso di 5 centesimi attestandosi allo 0,12%. Collocata anche la 11ma tranche del BTp a 10 anni scadenza 01/08/2031: a fronte di richieste per 2,332 miliardi l'importo emesso è stato pari a 1,5 miliardi mentre il rendimento si è attestato all'1,56%. Riaperto anche il BTp decennale scadenza 01/04/2031: la 12ma tranche, assegnata per 1,5 miliardi a fronte di una domanda totale pari a 2,348 miliardi, ha spuntato un rendimento lordo dello 0,81 per cento.

Sul mercato secondario, chiusura in calo per lo spread tra BTp e Bund nelle ultime fasi della seduta. Il differenziale di rendimento tra il decennale benchmark italiano e il pari durata tedesco ha segnato un'ultima posizione a 102 punti base, in ribasso di 3 centesimi rispetto ai 105 punti del finale di ieri. In netta flessione anche il rendimento dei BTp benchmark decennale che ha terminato gli scambi allo 0,82% dallo 0,88% del closing della vigilia.

Si rafforza il dollaro, petrolio in rialzo dopo calo scorte Usa

Sul mercato valutario, il dollaro si rafforza sotto quota 1,19 per un euro. Il biglietto verde è indicato a 1,1849 (da 1,1906 ieri in chiusura) e vale 110,98 yen (da 110,47), mentre il rapporto euro/yen è a 131,58(131,54). Salgono i prezzi del petrolio dopo il netto calo delle scorte di greggio Usa. La scorsa settimana le riserve americane hanno registrato una contrazione di 6,718 milioni di barili a 452,342 milioni di unità, contro attese per -3,850 milioni di barili. Secondo i dati diffusi dal dipartimento dell'Energia, gli stock di benzina sono aumentati di 1,522 milioni di barili a 241,572 milioni di barili, contro attese per un dato in ribasso di 0,9 milioni. Le scorte di distillati, che includono il combustibile da riscaldamento, hanno registrato un ribasso di 0,869 milioni di barili a 137,076 milioni di barili, contro stime per un rialzo di 1 milione. L'utilizzo della capacita' degli impianti è aumentato dal 92,2% al 92,9%. Il future agosto sul Wti sale dello 0,36% a 73,24 dollari al barile, mentre l'analoga consegna sul Brent segna +0,35% a 75,02 dollari.


(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti