Circolare ministeriale

Circolare della Salute: ecco quali vaccini fatti all’estero saranno validi in Italia

Secondo quando previsto nel provvedimento, vengono riconosciuti ai fini dell’emissione della certificazione verde Covid-19

di Nicola Barone

Fda autorizza in Usa terza dose vaccino Pfizer per over 65

2' di lettura

È stata diffusa, dal ministero della Salute, la nota che stabilisce l’equivalenza di vaccini anti SARS-CoV-2/COVID somministrati all’estero. In particolare sono riconosciuti come equivalenti a quelli effettuati nell’ambito del Piano strategico nazionale dei vaccini per la prevenzione delle infezioni da SARS-CoV-2 i seguenti vaccini, somministrati dalle autorità sanitarie nazionali competenti estere: quelli per i quali il titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio è lo stesso dell’Unione europea (alla nota è allegato l’elenco); Covishield (Serum Institute of India), prodotti su licenza di AstraZeneca; R-CoVI (R-Pharm), prodotto su licenza di AstraZeneca; Covid-19 vaccine-recombinant (Fiocruz), prodotto su licenza di AstraZeneca.

Validità ai fini dell’emissione del Green pass

Secondo quanto previsto nel provvedimento che porta la firma di Giovanni Rezza, tali vaccini sono considerati validi ai fini dell’emissione della certificazione verde Covid-19 a favore dei cittadini italiani (anche residenti all’estero) ai i loro familiari conviventi e ai cittadini stranieri che dimorano in Italia per motivi di lavoro o studio, indipendentemente dal fatto che siano iscritti al Servizio sanitario nazionale o al Sasn (Assistenza sanitaria al personale navigante), nonché tutti i soggetti iscritti a qualunque titolo al Servizio sanitario nazionale che sono stati vaccinati all’estero contro il SARS-CoV-2.

Loading...

In Francia sì parziale ai vaccini cinesi

Intanto la Francia apre parzialmente ai vaccini cinesi. Le persone vaccinate all’estero con vaccini cinesi potranno beneficiare del pass sanitario francese, a condizione di ricevere una dose supplementare di Pfizer/BioNTech o Moderna. Questi individui, precisa il governo di Parigi, potranno ottenere il pass sanitario «7 giorni dopo la somministrazione di una dose complementare di un vaccino RNA messaggero», vale a dire Pfizer/BioNTech o Moderna, recita un decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Allo stato attuale, sono quattro i vaccini anti Covid autorizzati nel territorio dell’Unione europea dall’Agenzia europea del farmaco e dalla Commissione Ue: Pfizer/BioNTech, Moderna, AstraZeneca et Janssen (Johnson & Johnson). Al livello mondiale, l’Oms ne riconosce altri: i vaccini cinesi Sinopharm e Sinovac, come anche versioni equivalenti di AstraZeneca prodotte all’esterno dei confini Ue (come il vaccino Covishield indiano). Il vaccino russo Sputnik IV, invece, non viene ancora riconosciuto dall’Unione europea né dall’Oms. Fino ad oggi, i vaccinati con i vaccini cinesi non potevano ottenere il pass francese senza rifare una vaccinazione completa con un vaccino riconosciuto dalle autorità locali.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti