ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTutela alimentare

Coldiretti: la proroga dell’obbligo di etichetta salva il Made in Italy

Il decreto interministeriale proroga fino al 31 dicembre 2023 l’obbligo dietichettatura di origine dei cibi

di Giovanni Uggeri

1' di lettura

Bene la proroga alla vigilia di Natale delle etichette salva-spesa Made in Italy, con l’obbligo di indicare la provenienza dell’ingrediente principale dei prodotti in vendita, dal latte alla passata di pomodoro, dai formaggi ai salumi fino a riso e pasta. È quanto afferma la Coldiretti, nel commentare la firma del decreto interministeriale che proroga fino al 31 dicembre 2023 i regimi sperimentali dell’indicazione di origine. «Un passo determinante - spiega la Coldiretti - per impedire che vengano spacciati come Made in Italy prodotti ingredienti di bassa qualità provenienti dall’estero che non rispettano i nostri paramenti di qualità».

L’etichettatura di origine obbligatoria dei cibi è una battaglia storica di Coldiretti ed è stata introdotta per la prima volta in tutti i Paesi dell’Ue nel 2002; un modo che garantisce trasparenza su molti prodotti base della dieta degli italiani che rappresentano circa ó della spesa, ma resta ancora anonima l’origine dei legumi in scatola, della frutta nella marmellata o nei succhi, del grano impiegato nel pane, biscotti o grissini senza dimenticare la carne o il pesce venduti nei ristoranti. «In questi giorni di festa chiediamo di sostenere il consumo di prodotti alimentari Made in Italy per aiutare l’economia, il lavoro ed il territorio nazionale in un momento di difficoltà» chiede il presidente della Coldiretti Ettore Prandini, nel sottolineare l’importanza di «aiutare una filiera che vale 580 miliardi di euro, dà lavoro a 4 milioni di persone in 740 mila aziende agricole, 70 mila industrie alimentari e 360 mila locali della ristorazione».

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti