Grandi eventi

Confindustria, in dicembre a Milano imprese a confronto: riparte Connext

Alberto Marenghi, vice presidente di Confindustria: road show di domani a Firenze, «il sistema sta dimostrando grande coesione intorno al progetto e, dopo la pausa estiva, seguiranno le tappe di Confindustria Dispositivi Medici a Milano, Pescara, Reggio Emilia, Brescia, Bari, Palermo, Venezia, Torino e tante altre»

di Nicoletta Picchio

(Imagoeconomica(

3' di lettura

L'appuntamento sarà a dicembre, al Mico di Milano. Torna Connext, una grande occasione di confronto per le imprese, per stringere relazioni e creare alleanze, per essere più competitive e vincenti. È la seconda edizione, dopo che quella del 2020 è stata annullata per la pandemia. «C’è voglia di ripartire», dice Alberto Marenghi, vice presidente di Confindustria per l'Organizzazione, Sviuppo e Marketing associativo, annunciando il road show di domani a Firenze, il primo, che vedrà la squadra di presidenza di Confindustria in prima linea per illustrare i driver in cui è articolata l’edizione del 2021, le sue potenzialità e l’impegno dell’organizzazione nel creare occasioni di business. «Il sistema sta dimostrando grande coesione intorno al progetto e, dopo la pausa estiva, seguiranno le tappe di Confindustria Dispositivi Medici a Milano, Pescara, Reggio Emilia, Brescia, Bari, Palermo, Venezia, Torino e tante altre».

I risultati della prima edizione sono andati oltre le aspettative: «sono nate centinaia di partnership, sia nel corso dell’evento che sulla piattaforma digitale, il vero asset dell’iniziativa. Collaborazioni che hanno generato innovazione, valore e occupazione», continua Marenghi, citando i dati 2019: 7mila imprenditori al Mico di Milano, quasi 500 espositori, 2.500 B2B organizzati. Per questa edizione l'offerta viene potenziata: «siamo pronti ad accogliere 750 espositori, 5mila richieste di B2B, oltre 150 laboratori/eventi, 120 imprese internazionali e oltre 4mila visitatori confermati».Nonostante il Covid la piattaforma virtuale ha continuato ad essere attiva: «Tutte le imprese che avevano aderito sono rimaste sul Marketplace, animato con ulteriori iniziative nel corso dell’anno e stanno riconfermando la loro presenza, insieme a nuove adesioni che riceviamo ogni giorno. Lo spazio virtuale, infatti, offre opportunità che vanno ben oltre l’evento di Milano: quella digitale è ormai una dimensione imprescindibile per il business».

Loading...

Per l'edizione 2021, spiega Marenghi, è stato rivisto l’impianto tematico del progetto alla luce dello scenario attuale. Saranno quattro i filoni guida della manifestazione: Fabbrica Intelligente, Città del Futuro, Pianeta Sostenibile, Persone Scienze della Vita e Progresso.

La Fabbrica Intelligente è la sede della digitalizzazione dei processi produttivi, dell’integrazione e interconnessione di tecnologie abilitanti e di filiere, intese come chiave per affrontare l’emergenza.

Nello spazio Città del Futuro i progetti di rigenerazione urbana e mobilità sostenibile si collegano con le grandi infrastrutture digitali per soddisfare le esigenze dei nuovi stili di vita e di lavoro.

Pianeta Sostenibile valorizza sviluppo tecnologico e sistemi efficienti nella produzione e nell’utilizzo di energia verde, così come modelli di economia circolare delle aziende e di business continuity adottati dalle comunità.

Nel driver Persone, Scienze della Vita Progresso la filiera delle Life Sciences assume una centralità strategica per salvaguardare la salute dei cittadini e per rilanciare l’economia. «Puntiamo quest’anno ad un evento in presenza, ma con un’ampia componente virtuale. Tra le novità un’area Expo digitale con gli stand espositivi riprodotti in 3D. In questo modo sarà possibile visitare tutti gli stand in tempo reale e realizzare gli incontri B2B anche da remoto, moltiplicando le opportunità di incontro. Inoltre, in questa edizione daremo centralità alle Startup, con iniziative dedicate e una Call nazionale sui 4 driver, che consentirà loro di connettersi con il mondo manifatturiero e di premiare progetti innovativi e sostenibili».

A confermare l'interesse sono le adesioni che stanno arrivando: «tutti i “Big Player” stanno confermando la partecipazione. Abbiamo quasi esaurito lo spazio fisico disponibile al MiCo e assegnato diversi pacchetti “full digital”, che prevedono presenza solo digitale. La Community coinvolta, rispetto alla scorsa edizione, sarà ancora più ampia e vedrà in campo Pmi e grandi aziende, imprese famigliari e multinazionali, reti di impresa, Università, centri di ricerca, cluster tecnologici, Digital Innovation Hub e Competence Center, enti di formazione, gli attori del credito e della finanza, la Pa, associazioni e Camere di Commercio».

Quanto alle presenze internazionali «abbiamo coinvolto in particolare i Paesi del Mediterraneo e dell’Europa ma, con il supporto delle rappresentanze internazionali di Confindustria, di BusinessMed e ICE Agenzia, ci aspettiamo aziende da tutto il mondo».Si punterà anche su filiere e reti di impresa: «sono temi centrali nella nuova edizione di Connext perchè partenariati e reti tra imprese sono essenziali nelle nuove modalità di competizione sui mercati. La pandemia ci ha insegnato che è necessario accorciare le filiere produttive e gestire in maniera autosufficiente le produzioni strategiche nazionali nello scenario di riferimento europeo».

Connext è aperto anche ai non associati: «Per loro abbiamo definito modalità di partecipazione dedicate. Nella scorsa edizione molte realtà esterne al Sistema hanno scelto di associarsi dopo aver preso parte all’iniziativa. Siamo convinti che la nostra capacità di fare Network sia il miglior biglietto da visita per chi ancora non conosce il nostro mondo, non a caso il networking è uno degli asset del nuovo piano di rafforzamento al marketing di Confindustria, appena presentato, sul quale punteremo dall’autunno per rafforzare la base associativa».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti