Attualità

Coronavirus: Speranza, firmato ordinanza per stop mascherine all’aperto dal 28 giugno

Le notizie sul Coronavirus di martedì 22 giugno in tempo reale

Coronavirus: bollettino del 21 giugno 2021
  • In Brasile 2.131 morti e 87 mila contagi in 24 ore

    Continua a correre l’epidemia di Covid-19 in Brasile. Nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 2.131 morti e 87.822 nuovi contagi. Il bilancio totale sale a 504.717 vittime a fronte di 18.054.653 casi accertati dall’inizio della pandemia.

  • Tunisia, oltre 100 morti in 24 ore

    Continua a peggiorare la situazione sanitaria in Tunisia. Secondo i dati forniti dal ministero della Sanità relativi al 21 giugno, sono stati 2.345 i nuovi casi confermati su 7.414 test effettuati, con una percentuale di test positivi salita al 31,63% e 105 i decessi nelle 24 ore di tempo considerate. Tassi di contagio particolarmente alti in alcune regioni, che hanno costretto il governo domenica scorsa a decretare il lockdown generale in quattro governatorati del Paese, ovvero Kairouan, Siliana, Zaghouan e Beja, dove il tasso di incidenza dei contagi da covid-19 ha superato i 400 casi per ogni 100.000 abitanti negli ultimi quattordici giorni. La Tunisia ha registrato dall’inizio della pandemia 387.773 contagi e 14.223 decessi. L’aumento dei ricoveri preoccupa le autorità sanitarie perché è vicino il limite delle capacità ricettive degli ospedali. La campagna di vaccinazione nazionale, cominciata il 13 marzo scorso, procede piuttosto a rilento, con 1.609.651 persone ad aver ricevuto almeno una dose del vaccino e 428.011 anche la seconda, su una popolazione di circa 12 milioni di abitanti.

  • Bennett a israeliani, evitate viaggi non necessari

    Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha esortato i suoi concittadini ad evitare i viaggi all’estero non essenziali, dopo che è stata registrata una ripresa dei contagi di coronavirus. “Per ora non è un ordine, ma una richiesta”, ha detto il premier, ricordando che il nuovo focolaio scoppiato a Binyamina ha avuto origine da una famiglia che si era recata a Cipro, paese non considerato ad alto rischio. All’aeroporto le mascherine sono obbligatorie e Bennett ha consigliato di tornare ad indossarle in tutti i luoghi chiusi. In Israele c’è preoccupazione per la diffusione della variante delta, responsabile per il 70% dei nuovi casi. Ieri sono stati confermati 125 nuovi contagi, più del doppio del giorno precedente e il livello più alto dal 20 aprile, ricorda Times of Israel.

  • Speranza: risultati campagna in Italia straordinariamente positivi

    “I risultati della campagna vaccinale in Italia sono straordinariamente positivi. E’ la strada giusta e la sfida più importante per far ripartire il Paese”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, a ’Cartabianca’ su Rai3.

    Genitori con i figli minori all'hub vaccinale Acea in occasione dell'Open Day Junior, Roma, 12 giugno 2021 (Ansa)

  • Speranza: firmato ordinanza stop mascherine all’aperto

    “La mascherina è e resta uno strumento fondamentale. Ho appena firmato un’ordinanza dove si dispone che cade l’obbligo di usarla sempre all’aperto. Va indossata necessariamente solo quando non si può rispettare il distanziamento ma resta un punto fondamentale della nostra strategia”.

    L'ordinanza

    Visualizza

    Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, a ’Cartabianca’ su Rai3. “E’ vero che i nostri numeri sono migliori rispetto a un mese fa ma non dobbiamo considerare chiusa la partita”. Il divieto decadrà dal 28 giugno.

  • Merkel, sforzi ricompensati ma pandemia non è ancora finita

    La cancelliera tedesca Angela Merkel ha salutato il calo dei contagi di covid in Germania, ma ha avvertito che quanto accade nel mondo indica che il pericolo non è ancora superato. “Alcuni sforzi sono stati ben ricompensati”, tuttavia “la pandemia non è ancora finita”, ha detto la cancelliera incontrando i parlamentari del suo partito Cdu-Csu prima della pausa estiva, secondo quanto riferito alcuni presenti. Merkel ha sottolineato che molti paesi non hanno ancora vaccini e ha esortato ad una rapida produzione. Tuttavia ha ribadito la sua contrarietà a sollevare i brevetti, affermando che le compagnie devono poter essere in grado di sviluppare altri vaccini in futuro.

  • Vaccini, a Caserta superato il mezzo milione di prime dosi

    Fra gli hub di Caserta è provincia è stato superato il mezzo milione di prime dosi di vaccino anti-Covid. Il totale, come emerge dal report di fine giornata dell’Asl, è di 745.063: 515.922 le prime dosi, 229.141, quelle di richiamo. Sono stati assistiti 39.556 ultraottantenni, 64.480 nella fascia 70-79, 80.658 nella fascia 60-69, 97.204 nella fascia 50-59 e 93.127 pazienti fragili.

  • Giani, al fianco del 17enne di genitori no vax che chiede il vaccino

    “Soli 17 anni e una grande maturità! Un ragazzo fiorentino, dopo che i genitori no vax gli hanno negato il consenso per il vaccino, intende arrivare fino al tribunale pur di farsi vaccinare, proteggendo se stesso e tutta la comunità, genitori compresi. Grazie per la tua determinazione, la Toscana è al tuo fianco!” Lo afferma il presidente della Toscana, Eugenio Giani, su Facebook.

  • Costa, dal 22 agosto negli stadi il 25% del pubblico

    Dal 22 agosto il campionato di calcio potrà ripartire con il 25% del pubblico in presenza negli stadi: lo ha detto il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, nella trasmissione ’Punto Nuovo Sport Show’ di Radio Punto Nuovo. Del campionato con gli stadi aperti, ha detto ancora “abbiamo parlato questa mattina con il ministro Speranza e per la prossima stagione vi posso dare la notizia che partirà dal 22 agosto con il 25% di pubblico in presenza”. Costa ha aggiunto che “ci sarà una graduale progressione” e si prevede di “arrivare nelle settimane successive con incremento percentuale. La prossima stagione, quindi sarà con il pubblico in presenza e non inferiore al 25%. Ci vuole prudenza, senso di responsabilità, ma non è mai mancato nei cittadini italiani”. Sugli Europei di calcio, infine, Costa ha osservato: “non vedo alternative a Londra per le gare, da cittadino europeo, mi auguro che tutto rimanga così. Sarebbe un bene per tutti che non ci siano situazioni complicate in Europa”

  • Piemonte, Priority Vax da Novara si estende a tutta la regione

    Prima giornata, oggi, di somministrazione del vaccino agli over 60 senza prenotazione e ‘senza fila'. E l'iniziativa, chiamata ‘Priority Vax', partita in via sperimentale da Novara, prima città in Piemonte, che ha incontrato il favore di quanti per vari motivi non si sono ancora vaccinati, ora fa scuola e diventa un modello da replicare su tutta la regione. Sono state una quarantina le persone che, residenti a Novara e provincia, questa mattina si sono presentate, dalle 8.30 alle 13 all'hub vaccinale del salone Borsa e che, senza prenotazione, hanno ricevuto una dose di vaccino Johnson&Johnson. E mentre a Novara il ‘Priority Vax' proseguirà, con il medesimo orario, fino a domenica compresa, da lunedì 28 il ‘modello novarese' verrà adottato in tutta la regione Piemonte. “Questa iniziativa ha avuto un buon successo – afferma l'assessore regionale alla Ricerca applicata Covid, Matteo Marnati - e credo sia la strada giusta per agevolare e incentivare gli over 60 a vaccinarsi con una dose di Johnson senza aspettare lunghe file”. “Il successo del modello novarese – aggiunge l'assessore alla Sanità , Luigi Icardi – premia l'immunizzazione dei soggetti che statisticamente corrono i maggiori rischi in caso di contagio. E molto importante che le persone con più di 60 anni colgano al più presto questa possibilità, contribuendo ad accelerare il percorso verso l'immunità di gregge».

  • In Piemonte il 25 open night per cittadini di tutta la regione

    Domani alle ore 9 si apriranno su www.ilPiemontetivaccina.it le prenotazioni per l'Open night che si svolgerà venerdì 25 giugno presso l'hub Nuvola Lavazza di Torino dalle 20 alle 2. Possono aderire cittadini da tutto il Piemonte dai 18 anni in su che non hanno ancora un appuntamento per la prima dose o che hanno la convocazione dopo il 5 luglio. I vaccini usati saranno Pfizer o Moderna.

  • Friuli Venezia Giulia, 25 casi variante Delta

    Sono 96 i campioni analizzati, dei quali 67 hanno evidenziato la presenza di una variante. Nello specifico, 35 casi sono di tipo Alpha, 25 Delta e 2 Gamma mentre le restanti appartengono alla categoria “altro”. E’ l’esito del sequenziamento compiuto in Fvg, un “lavoro molto puntuale”, come lo ha definito il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Dei 67 casi rilevati, la maggior parte (27) proviene da contagio familiare, mentre 12 hanno a che fare con i rifugiati presenti in regione e 6 da contagi tra amici. “Tutto ciò ci fa dire - conclude Riccardi - quanto sia fondamentale il lavoro di tracciamento che stiamo facendo, oltre a ricordare l’importanza per coloro che hanno prenotato l’inoculazione della seconda dose che si presentino all’appuntamento fissato in agenda. Solo in questo modo potremmo continuare a tenere sotto controllo la diffusione del contagio, in particolar modo quello legato alle varianti”.

  • Mazzeo, avere sempre a disposizione la mascherina

    “Ora è ufficiale, dal 28 giugno non ci sarà più l’obbligo della mascherina all’aperto nelle regioni in zona bianca. Un altro piccolo pezzetto di normalità conquistata. Sarà bello poterci ’rivedere in faccia’ e ritrovare i nostri sorrisi dopo tanti mesi in cui abbiamo dovuto, giustamente, tenerli nascosti. Ma se anche all’aperto potremo farne a meno, non dimentichiamo mai di portarla con noi per tutte quelle situazioni in cui sarà ancora necessario indossarla”.

    Lo afferma il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Antonio Mazzeo, su Facebook. Nel post Mazzeo ricorda che “i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore sono 25, il numero più basso dal 17 agosto. Con zero casi registrati nella provincia di Prato e nelle città di Pisa, Livorno, Massa, Carrara, Pistoia, Siena e Grosseto. Grazie alla campagna vaccinale stiamo dando un duro colpo al Covid-19 e speriamo davvero che presto sia solo un bruttissimo ricordo. Vacciniamoci tutti e, insieme, ce la faremo!”

  • Gb, 11.625 contagi, mai così tanti da metà febbraio

    Le autorità sanitarie britanniche hanno registrato nelle ultime 24 ore 11.625 nuovi casi di coronavirus. Si tratta del numero più alto dalla metà di febbraio. I nuovi decessi sono stati 27, portando il totale a 128.008 morti dall’inizio della pandemia. Dati separati dellUfficio nazionale di statistiche segnalano invece che i decessi per i quali compare il Covid-19 sul certificato di morte sono stati 153mila.

  • Rilevati a Modena tre casi di variante Delta

    Rilevati anche a Modena casi di Covid variante Delta. I contagiati sono tre giovani di età comprese tra i venti ed i trent’anni. A confermarlo è Davide Ferrari, direttore del dipartimento di Sanità Pubblica dell’Ausl di Modena. “Abbiamo avuto ieri il riscontro di tre casi di variante Delta, tre persone che hanno tra i venti ed i trent’anni. Due di questi probabilmente sono stati contagiati da un convivente che è rientrato dall’estero. L’altro caso invece si è contagiato fuori regione”. I tre, aggiunge Ferrari, “sono in isolamento domiciliare, quindi da un punto di vista sintomatologico non sono casi gravi. Sono persone che non si sono ancora vaccinate e sono state prese in carico immediatamente dal servizio di igiene pubblica, che quindi ha posto in isolamento i contatti stretti e sta facendo l’indagine epidemiologica. La situazione - conclude - è sotto controllo, non possiamo parlare di focolaio”.

  • Lombardia, oggi 126 casi e 1 morto

    In Lombardia ci sono 126 nuovi casi di Covid-19 e un vittima nelle ultime 24 ore. I dimessi e i guariti, da ieri, ammontano a 317, portando gli attualmente positivi a quota 13.455 (-192), secondo i dati della Protezione civile. In Lombardia, il tasso di positivi sui 27.289 tamponi processati è pari allo 0,4%. I ricoverati diminuiscono, anche se di poco: in terapia intensiva ci sono 73 persone rispetto a ieri (-4), nei reparti ci sono 389 pazienti Covid, due in meno di ieri. Nella provincia di Milano ci sono 35 casi, di cui 20 a Milano città. A Bergamo c’è 1 caso, a Brescia 16, a Monza 11. Como ne conta 8; Cremona 5, Lecco 6; Lodi 1; Mantova 4; Pavia 7. A Sondrio si segnala 1 caso, a Varese 22.

  • Turchia presenta il suo vaccino: si chiama Turkovac

    Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che si sta sviluppando il primo vaccino locale contro il coronavirus, che si chiamerà Turkovac. La prima dose della terza fase di sperimentazione del vaccino è stata somministrata oggi a un volontario da parte del mini durante una videoconferenza tenuta dal ministro della Sanità Fahrettin Koca, da Erdogan e diversi professori. Secondo quanto ha riferito il ministro, i test delle fasi 1 e 2 hanno mostrato sicurezza del vaccino e risposta immunitaria. Il vaccino è «l’orgoglio della nazione», ha detto. La Turchia sta usando attualmente il vaccino di Pfizer-BioNTech e quello cinese Sinovac. Verrà poi usato anche il vaccino russo Sputnik V.

  • Covid: Ricciardi: «Giusta sospensione ex lege sanitari non vaccinati»

    «È giusto sospendere i sanitari non vaccinati contro Covid. Va ringraziata la Federazione degli Ordini dei medici (Fnomceo). E vanno ringraziati i sindacati medici che stanno facendo l’interesse da una parte dei cittadini e dell’altra stanno difendendo la reputazione, la dignità e la professionalità della categoria». Lo sostiene Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute per l’emergenza coronavirus e docente di Igiene all’università Cattolica di Roma, in merito all’avvio delle sanzioni per i sanitari che non si sono immunizzati a due mesi dall’introduzione dell’obbligo.

  • Zambia, «Terza ondata devastante, obitori pieni»

    Le autorità sanitarie dello Zambia hanno espresso preoccupazione per l’aumento dei morti correlati al coronavirus, mentre il Paese continua a combattere contro la terza ondata della pandemia. Il segretario permanente per la Salute Kennedy Malama, citato dalla Bbc, ha evidenziato ieri una ridotta capacità degli obitori, affermando che il numero di decessi giornalieri per Covid-19 nel Paese è «senza precedenti». Malama ha inoltre descritto la terza ondata come «devastante», con 47 vittime registrate solo domenica. «Il numero di decessi giornalieri per Covid-19 non ha precedenti. Segnaliamo 407 decessi in sole tre settimane della terza ondata», ha aggiunto in una nota. L’ondata di contagi coincide con le campagne per le elezioni generali del 12 agosto, iniziate lo scorso 12 maggio. Lo Zambia segnala finora 129.033 contagi e 1.691 morti.

  • In Liguria un morto e 10 nuovi positivi su oltre 5mila tamponi

    Sono 10 i nuovi positivi al Covid-19 individuati nelle ultime 24 ore in Liguria, a fronte di 2.950 tamponi molecolari effettuati nelle ultime 24 ore, ai quali si aggiungono altri 2.253 tamponi antigenici rapidi. In particolare, un caso è stato identificato ad Imperia, 3 a Savona, 5 a Genova e uno a La Spezia. Sempre a La Spezia si è registrato un decesso. Nessun paziente è residente in regioni diverse dalla Liguria.

  • In Italia 835 casi e 31 vittime

    In Italia si registrano il 22 giugno altri 835 casi e 31 vittime di coronavirus, a fronte di 192.882 tamponi effettuati.
    Per approfondire: il bollettino odierno

  • Recovery: Draghi, giornata di orgoglio per Italia

    «Vorrei ringraziare la presidente per essere qui con noi a Roma. La sua visita segna l’approvazione da parte della commissione del Pnrr. È una giornata di orgoglio per il nostro Paese» Lo dice il premier Mario Draghi in conferenza stampa con la presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen dagli studi di Cinecittà.

    Il presidente del Consiglio Mario Draghi e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen durante il loro incontro a Cinecittà oggi. (ANSA/ETTORE FERRARI/POOL)

  • In Friuli Venezia Giulia 8 casi e nessun decesso

    Oggi in Friuli Venezia Giulia su 3.454 tamponi molecolari sono stati rilevati 8 nuovi contagi - di cui uno riguardante un migrante richiedente asilo a Trieste - con una percentuale di positività dello 0,23%. Sono inoltre 1.501 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 7 casi (0,47%). Nella giornata odierna non si registra alcun decesso; inoltre non risultano esserci più persone ricoverate nelle terapie intensive, cosa che non accadeva dal 29 agosto del 2020. I pazienti in altri reparti invece sono stabili e pari a 9 unità. Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. I decessi complessivamente ammontano a 3.799, con la seguente suddivisione territoriale: 818 a Trieste, 2.011 a Udine, 676 a Pordenone e 294 a Gorizia. I totalmente guariti sono 93.673, i clinicamente guariti 5.642, mentre quelli in isolamento oggi scendono a 4.370. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 107.493 persone con la seguente suddivisione territoriale: 21.409 a Trieste, 50.726 a Udine, 21.050 a Pordenone, 13.094 a Gorizia e 1.214 da fuori regione. Infine, non si registrano positività tra il personale del Sistema sanitario regionale né tra gli ospiti e gli operatori delle strutture residenziali per anziani.

  • In Scozia allentamento restrizioni dal 19 luglio

    Tutta la Scozia passerà al livello zero di misure anti Covid a partire dal 19 luglio, cancellando quindi molte delle restrizioni imposte con la pandemia. Lo ha annunciato la first minister scozzese Nicola Sturgeon, che si allinea così a quanto deciso dal premier Boris Johnson relativamente all’Inghilterra, dove la fine delle restrizioni è stata posticipata dal 21 giugno al 19 luglio a causa dell’insorgenza della variante indiana.

    La first minister scozzese Nicola Sturgeon. (J Mitchell / POOL / AFP)

  • In Campania sequenziati 82 casi variante indiana

    Casi di varianti inglesi, indiane, brasiliane e colombiane del Sars-Cov-2 sono stati rilevati in Campania attraverso le attività settimanali di sequenziamento previste dal piano di sorveglianza genomico della Regione Campania e condotto dall’Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno, dall’ospedale Cotugno afferente all’Azienda ospedaliera dei Colli e dal Tigem. L’Unità di crisi della Regione Campania informa che sono stati esaminati 321 campioni di soggetti risultati positivi al Covid-19 con tampone molecolare e dalle indagini è emersa la presenza di 170 varianti inglesi, 82 varianti indiane, 36 varianti brasiliane, 6 varianti colombiane e 23 europee. Sono in corso ulteriori approfondimenti epidemiologici e sullo stato vaccinale dei soggetti presi in esame.

  • Gb, 27 vittime nelle 24 ore

    Oggi nel Regno Unito sono state riportate 27 vittime da Covid-19. Ieri il conto era stato di 5 decessi.

  • Brusaferro: numero tamponi non vada sotto certa soglia

    «Con il ministero della Salute stiamo mettendo a punto degli strumenti per raccomandare che, anche in una fase con una circolazione limitata» del virus «il numero dei tamponi non vada sotto una certa soglia proprio per mantenere alta la capacità d’individuare». Così Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità, in audizione in commissione Sanità al Senato, sullo stato delle attività di testing, tracciamento, sorveglianza e sequenziamento per il contrasto della pandemia e sulla vaccinazione dei minori anti Covid-19. «È chiaro che con questa incidenza il Servizio sanitario nazionale può garantire l’identificazione precoce dei casi, il tracciamento e anche il sequenziamento dei virus che vengono isolati», aggiunge.

  • Abruzzo, solo 13 nuovi casi e nessun decesso

    Solo 13 i nuovi casi di Covid-19 accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Sono emersi dall’analisi di 1.978 tamponi molecolari: è risultato positivo lo 0,66% dei campioni. Il tasso di positività odierno è il più basso registrato dalla scorsa estate. Scendono gradualmente i ricoveri, che passano dai 45 di ieri ai 43 di oggi. Non si registrano decessi recenti: il bilancio delle vittime è fermo da quattro giorni a 2.509. I nuovi positivi hanno età compresa tra 11 e 68 anni. Gli attualmente positivi sono 1.136 (-81): 41 pazienti (-2) sono ricoverati in ospedale in area medica e due (invariato, senza nuovi ingressi) sono in terapia intensiva, mentre gli altri 1.093 (-79) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. I guariti sono 70.990 (+94). Dei 74.635 casi complessivamente accertati in Abruzzo, 18.952 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+3), 19.418 in provincia di Chieti (+9), 18.171 in provincia di Pescara (invariato), 17.379 in provincia di Teramo (+2) e 587 fuori regione (-2), mentre per 128 (+1) sono in corso verifiche sulla provenienza.

  • Germania, 32% tedeschi è stato completamente vaccinato

    Il 31,6 per cento dei tedeschi è stato completamente vaccinato contro il covid, e il 51,2 per cento ha ricevuto una dose di vaccino, rende noto l’Istituto Robert Koch. Anche la Cancelliera Angela Merkel ha ricevuto nei giorni scorsi la sua seconda dose di vaccino (una dose di Moderna che segue la prima con AstraZeneca) ha reso noto oggi un portavoce del governo. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 455 nuovi contagi e 77 decessi. Il tasso di incidenza è di otto casi su 100mila persone negli ultimi sette giorni.

  • Chiuse indagini sul Billionaire, pm Tempio Pausania contestano epidemia colposa

    Epidemia colposa per il Billionaire. La procura di Tempio Pausania, a quanto riporta il Messaggero, avrebbe notificato la chiusura indagine al rappresentante legale della struttura. Il reato di lesioni colpose è invece stato contestato ai gestori del Phi Beach e del Country Club, altri due locali tra i più importanti della Costa Smeralda, in Sardegna. Secondo i pm sardi il Billionaire, l’estate scorsa, non avrebbe adottato tutte le misure appropriate per evitare che si diffondesse il virus tra i dipendenti. In tutto risultarono positivi 14 lavoratori del locale di Flavio Briatore. Per quanto concerne Phi Beach e Country Club i gestori non fornirono, secondo la procura, mascherine in numero sufficiente ai dipendenti. E alcuni presidi che consegnarono ai lavoratori non erano nemmeno dei Dpi, ma solo mascherine prive di efficacia filtrante con il logo dei rispettivi locali.

  • Variante Delta Gb, «Dati incoraggianti su decessi e ricoveri»

    I dati dell’ultima settimana sulla pandemia nel Regno Unito appaiono «incoraggianti» nonostante il rimbalzo dei contagi alimentato dalla variante Delta. Lo ha detto il ministro della Sanità, Matt Hancock, sottolineando che da un lato l’incremento pare rallentare, dall’altro il numero dei ricoveri in ospedale segue una progressione «meno veloce» e il numero dei morti giornalieri resta in media «molto basso». «Dobbiamo rimanere vigili e osservare i dati in particolare dalla prossima settimana», ha puntualizzato Hancock, sottolineando tuttavia come l’accelerazione dei vaccini si stia rivelando «efficace» anche contro questa mutazione.

    Il ministro della Sanità inglese Matt Hancock. (Steve Reigate/Pool via AP)

  • In Campania 94 nuovi casi, 5 morti, 23 ricoveri in terapia intensiva

    Sono 94 i nuovi casi di coronavirus registrati ieri in Campania su 7.357 tamponi molecolari analizzati. Nel bollettino odierno diffuso dall’Unità di crisi della Regione Campania sono inseriti 5 nuovi decessi, 2 dei quali avvenuti nelle ultime 48 ore e 3 avvenuti in precedenza, ma registrati ieri. In Campania sono 23 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, 274 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza.

  • In Calabria 17 nuovi contagi, terapie intensive stabili, +385 guariti e 1 morto

    Secondo il bollettino sull'emergenza Covid-19 diffuso dal dipartimento Tutela della salute della Regione Calabria, sono 17 i nuovi contagi registrati, +385 guariti e 1 morto (per un totale di 1.220 decessi). Il bollettino, inoltre, registra 383 attualmente positivi, 381 in isolamento, 2 ricoverati e, infine, terapie intensive stabili (per un totale di 11).

  • Obiettivo Biden su vaccinazioni non sarà centrato

    La Casa Bianca si prepara ad ammettere che l’obiettivo di Joe Biden di vaccinare il 70% degli americani entro il 4 luglio, il giorno dell’Indipendenza, non sarà centrato. Al 21 giugno gli americani vaccinati sono il 65%. Lo riportano i media americani, secondo i quali l’ammissione sarà fatta pubblicamente a breve quando Jeffrey Zients, il coordinatore della task force per il Covid, affermerà che serviranno «alcune settimane in più» per centrare il target.

  • D’Amato (Lazio): «In arrivo sms per scaricare green pass da Lazioescape»

    «Tutti coloro che hanno completato il percorso vaccinale riceveranno un sms con le istruzioni per scaricare il certificato anche dalla piattaforma Lazioescape accessibile con il proprio codice fiscale e le credenziali ricevute via sms. Questo è un servizio in più che si aggiunge al fascicolo sanitario elettronico accessibile tramite Spid». Lo sottolinea l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato nel bollettino quotidiano.

  • Cina, restrizioni all’ingresso per un altro anno

    La Cina potrebbe mantenere in vigore le restrizioni agli ingressi nel paese adottate per frenare il coronavirus per un altro anno, in parte per il timore legato alle varianti, in parte per evitare problemi in vista degli eventi più importanti pianificati nel paese. A scriverlo è il Wall Street Journal, ricordando le Olimpiadi invernali di febbraio prossimo e il 20mo Congresso del Partito comunista cinese in programma per l’autunno 2022. I nuovi visti per entrare in Cina sono per lo più limitati a coloro che hanno fatto il vaccino cinese, per gli altri vige la regola delle due settimane in quarantena in hotel. La Cina non ha ancora approvato nessuno dei vaccini occidentali approvati dall’Oms. Non è ancora chiaro se Pechino seguirà il Giappone nella decisione di non consentire la presenza di spettatori stranieri per i giochi di febbraio.

  • Prima volta da marzo 2020 meno di 300 morti in Usa

    Per la prima volta da marzo 2020, negli Usa ci sono meno di 300 morti al giorno per il covid. Secondo i dati della Johns Hopkins University, il numero medio di decessi giornalieri è sceso a 293, mentre nel gennaio di quest’anno era stato raggiunto il picco di oltre 3.400 decessi ogni 24 ore.

  • Quasi 1,05 mld di dosi somministrate in Cina

    Alla data di ieri, in tutta la Cina sono state somministrate quasi 1,05 miliardi di dosi di vaccini anti Covid-19. Lo ha reso noto oggi la Commissione Sanitaria Nazionale.

  • Merkel, finale europei a Londra? Uefa sia responsabile

    «La Gran Bretagna è una zona a rischio variante del virus. Tutti quelli che arrivano da lì devono stare 14 giorni in quarantena e le eccezioni sono davvero pochissime. Io credo, anzi non credo, spero che la Uefa agisca in modo responsabile. Non troverei positivo che ci fossero stadi pieni lì». Lo ha detto Angela Merkel, rispondendo a una domanda in conferenza stampa a Berlino su se ritenga responsabile che la Uefa consenta la semifinale e la finale degli Europei in Gran Bretagna.

  • Variante brasiliana accertata in Sardegna: oggi vertice con Roma

    Un caso di variante brasiliana è stato accertato su un cagliaritano che, per motivi di salute, si è presentato al pronto soccorso del Policlinico di Cagliari. La trafila classica, che naturalmente comprende anche il tampone, ha consentito ai medici di appurare la presenza della variante brasiliana del coronavirus. L’uomo aveva alcuni dei classici sintomi del virus ed è stato subito trasportato all’ospedale Binaghi. Ieri, sempre al policlinico, è stato scovato un nuovo caso di variante delta. Oggi è in programma una riunione tra l’istituto superiore di Sanità e i vertici dell’Aou di Cagliari e Sassari per fare proprio il punto sulle varianti del virus. Sempre oggi partiranno le verifiche su un alto numero di tamponi positivi, nel laboratorio di Monserrato, per verificare l’eventuale presenza di altre varianti.

  • Ema: «Ok a due nuovi siti per produzione vaccino Pfizer»

    Il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Ema ha approvato «due ulteriori siti di produzione per il vaccino Pfizer». Un sito, è a Reinbek, in Germania, ed è gestito da Allergopharma GmbH & Co. KG. L’altro a Stein, in Svizzera, ed è gestito da Novartis Pha. La previsione dell’Ema è che questi «due nuovi siti supporteranno la continua fornitura del vaccino Comirnaty (Pfirzer-BioNTech) nell’Unione Europea». I siti «saranno operativi immediatamente», precisa l’Ema.

  • Bolsonaro contro media: «In estasi per 500 mila morti»

    Altissima tensione tra il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, e la stampa locale sulla gestione della pandemia di coronavirus: il capo dello Stato prima è stato criticato dall’Associazione brasiliana della stampa (Abi), che in una nota l’ha definito «pazzo e allucinato», poi è stato oggetto di un durissimo editoriale del quotidiano Estado de S.Paulo, che lo ha sostanzialmente accusato di aver tentato la strada dell’immunità di gregge contro il Covid come una sorta di «selezione naturale». Ieri a Guaratinguetà, nell’entroterra di San Paolo, Bolsonaro ha avuto un aspro battibecco con una giornalista di TV Vanduardia, affiliata alla Rede Globo, la principale emittente del Brasile. Alla domanda sul perché non stesse usando la mascherina durante un evento pubblico, il leader di estrema destra ha risposto seccato: «Vado come voglio, dove voglio». Poi ha insultato Rede Globo, definendo i suoi reporter «mascalzoni che non aiutano affatto, che distruggono la famiglia brasiliana, che distruggono la religione». Alla base del nervosismo di Bolsonaro, gli attacchi subiti dai media e dall’opposizione negli ultimi giorni per le vittime del Covid, che sabato nel Paese hanno battuto la soglia delle 500 mila. Per il presidente, le tv si starebbero comportando come «pompe funebri», andate «in estasi quando sono stati raggiunti i 500mila morti». «Fuori controllo, disturbato, allucinato, pazzo: una qualsiasi di queste espressioni potrebbe essere usata per qualificare il comportamento del presidente che insulta i giornalisti», ha scritto Abi, che in un comunicato ufficiale ne ha poi chiesto le dimissioni.

  • Discoteche, Viminale intervenga, abusivi fanno ballare

    «Ci aspettiamo di poter riaprire il 4 luglio, perché andare oltre sarebbe insostenibile. Ci aspettiamo buonsenso. Il Governo non ci faccia perdere il primo week end di luglio perché le nostre attività sono aperte al massimo due volte a settimana. Per il Paese quella data non cambierebbe nulla, ma a noi tanto. Anche perché la gente già va lo stesso a ballare in decine di locali che, tra l’altro, sono aperti senza green pass. Quindi ci facciano riaprire dal 4 luglio e il ministero dell’Interno vigili sull’abusivismo». Così Maurizio Pasca, presidente del Silb, associazione di categoria dei locali con sale da ballo.

  • A Mosca al bar solo se vaccinati o con test negativo

    Il sindaco di Mosca, Serghiei Sobyanin, ha annunciato che dal 28 giugno potranno andare a bar e ristoranti solo le persone con un pass che attesti che sono state vaccinate, o sono state malate di Covid negli ultimi sei mesi o hanno fatto un test negativo negli ultimi tre giorni. Lo riporta l’agenzia di stampa statale russa Ria Novosti.

  • Test discoteca San Marino: «Nessun contagio, Italia riapra»

    «L’esperimento di sabato scorso, in una discoteca all’aperto con 2.700 persone entrate con il “protocollo green pass” nel maxi-parcheggio di un campo di tiro al volo a San Marino, dimostra che si può riaprire anche in Italia. Al momento non mi risultano contagi dopo quell’evento e nessuno dei miei dipendenti ora è positivo. Se non si riapre sarò costretto a replicare a San Marino, nonostante io abbia tre locali in Italia, dove invece si può ripartire. Ma il problema è politico: ormai siamo considerati degli untori». Così Tito Pinton, l’organizzatore della “festa-esperimento” in discoteca a San Marino sabato scorso.

  • Seconda dose con Moderna per Merkel, prima dose con Az

    Angela Merkel ha ricevuto la seconda dose di vaccino anti-Coronavirus pochi giorni fa. A renderlo noto è stato un portavoce del governo tedesco, precisando che la cancelliera - vaccinata il 16 aprile con Astrazeneca - ha fatto il richiamo con Moderna.

  • Franco (Economia): con ritorno a normalità, fase di forte ripresa economica

    “Viviamo una fase di riduzione dai contagi e forte ripresa dell’economia, con la riapertura delle attività economiche e il ritorno a una vita più normale”. Così il ministro dell’Economia e delle Finanze Daniele Franco durante la presentazione della moneta dedicata alle professioni sanitarie presso il Museo dalla Zecca dello Stato.

  • Blangiardo (Istat): nel 2020 Covid non ha frenato natalità e invecchiamento in Italia

    Andando a vedere i dati regionali, se si esclude la Lombardia nel 2020 c’è stato un aumento di abitanti nonostante il Covid. Il Covid non frenato il processo di invecchiamento e non ha condizionato nel 2020 la natalità”. Così Gian Carlo Blangiardo, presidente di Istat, durante il Forum Pa.

    Per approfondire:  Covid, Istat: nel 2020 mortalità più alta mai registrata dal dopoguerra

  • Medico over80 radiato: “Non mi serve vaccino, inutile anche nei giovani”

    “Se mi sono vaccinato contro Covid? No, non penso di averne bisogno”. Dario Miedico, il camice bianco finito sotto accusa per posizioni critiche espresse verso le vaccinazioni, giudicato ’no-vax’ e radiato dall’Ordine dei medici di Milano nel 2017, decisione confermata in ’secondo grado’ (dalla commissione centrale Cceps) a maggio di quest’anno, non nasconde le sue idee. L’epidemiologo over 80 non ritiene necessario per lui immunizzarsi contro Covid, così come “la stragrande maggioranza delle persone che si stanno vaccinando adesso, cioè i giovani, che penso si espongano a un rischio rilevante e non conosciuto, a fronte di una patologia modesta a cui in genere vanno incontro, in rarissimi casi” con Sars-CoV-2. “È un attacco pesante alla salute”, conclude l’ex medico. Proprio nei giorni in cui sono in corso le ricognizioni sui sanitari che non si sono vaccinati contro Covid, e la Federazione nazionale degli Ordini dei medici comunica ai presidenti degli organi provinciali che per i camici bianchi che non assolvono l’obbligo vaccinale scatta la sospensione ’ex lege’, Miedico annuncia la sua personale battaglia in Cassazione contro la radiazione che lo ha colpito 4 anni prima.

  • Von der Leyen:variante Delta preoccupa, sarà dominante

    “La variante delta ci preoccupa. È molto più contagiosa. E diventerà dominante: è solo una questione di tempo”. Lo ha detto la presidente della commissione europea, Ursula von der Leyen, in conferenza stampa a Berlino con Angela Merkel. La presidente ha però sottolineato che il vaccino protegge e aiuta ad avere decorsi della Covid più lievi e che le generazioni più anziane sono ormai protette.

  • Von der Leyen: 25,6 mld alla Germania

    Alla Germania saranno versati 25,6 miliardi in sovvenzioni. Lo ha confermato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in conferenza stampa a Berlino con Angela Merkel.

  • Australia, nuovo focolaio a Sydney, contagi da variante Delta

    L’Australia deve far fronte all’emergere di un nuovo focolaio di Coronavirus a Sydney. Le autorità hanno disposto il ripristino dell’obbligo delle mascherine per alcuni locali al chiuso. Dieci casi di contagio sono stati certificati in nottata, per un totale di 21 infezioni nella zona di Bondi Beach. Gladys Berejiklian, premier del New South Wales, ha detto che i responsabili sanitari si attendono un’estendersi del focolaio dopo i due casi relativi a persone che non avevano avuto contatti fisici con persone contaminate.

    Per circoscrivere il rischio, è stato reintrodotto l’obbligo delle mascherine sui messi di trasporto pubblico e nei negozi in una parte della città. All’origine del focolaio ci sarebbe una persona che lavora per alcune compagnie aeree e che sarebbe stata contaminata dalla variante Delta. “Bisogna riconoscere che questa variante Delta è un campione olimpionico del salto da una persona all’altra”, ha dichiarato alla stampa la premier Gladys Berejiklian.

  • India: dopo il Covid allarme “fungo nero”, già 2.100 morti

    Le autorità sanitarie in India sono in allarme per un aumento significativo nel continente di casi di “fungo nero”, un’infezione rara chiamata mucormicosi, che ha un tasso di mortalità del 50%. Lo riporta il New York Times. Nelle ultime 3 settimane sono salite a 30.000 le persone contagiate da questa infezione e, con gli ospedali sotto pressione a causa del Covid , si teme che i malati di fungo nero non ricevano le cure adeguate. Secondo i dati forniti dai diversi Stati sono già 2.100 le vittime della mucormicosi anche se il ministero della Sanità non ha fornito cifre ufficiali.

  • Mattarella, per Italia nuovo inizio, non ritorno a condizioni pre-pandemia

    Tutte le iniziative e le attività di ricerca e innovazione del Politecnico di Milano, come l’inaugurazione del nuovo Campus di architettura, «sono indicazioni che presentano l'immagine di un ateneo proiettato verso il futuro». E questo nuovo inizio per la facoltà di architettura «sottolinea una proiezione verso il futuro, in sintonia con il momento che il Paese attraversa, un momento di nuovo inizio, non di ritorno alle condizioni precedenti alla pandemia , ma di un inizio su condizioni diverse, nuove e più adeguate alla realtà che ci si presenta e ci si presenterà in futuro». Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la cerimonia di inaugurazione del nuovo campus di architettura del Politecnico di Milano. Il campus, nato da un'idea dell'architetto Renzo Piano, è stato poi progettato da Ottavio Di Blasi – Odb&Partners. Il presidente era stato accolto dal rettore Ferruccio Resta, dalla ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa, dal sindaco di Milano Giuseppe Sala, dal governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana, dal prefetto Renato Saccone e da Renzo Piano.

  • Consulta: Illegittima 2/a proroga stop sfratto casa principale debitore

    È illegittima la seconda proroga (dal 1° gennaio al 30 giugno 2021) della sospensione di ogni attività nelle esecuzioni aventi ad oggetto l'abitazione principale del debitore. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale con la sentenza 128 depositata il 22 giugno (redattore il giudice Giovanni Amoroso) pronunciandosi su questioni di legittimità sollevate dai Tribunali di Barcellona Pozzo di Gotto e di Rovigo relative all'articolo 13, comma 14, del decreto-legge 31 dicembre 2020, n. 183 (“milleproroghe”). In particolare, la Corte ha ritenuto non più proporzionato il bilanciamento tra la tutela giurisdizionale del creditore e quella del debitore nelle procedure esecutive relative all'abitazione principale di quest'ultimo in considerazione del fatto che i giudizi civili (e quindi anche quelli di esecuzione), dopo l'iniziale sospensione generalizzata, sono ripresi gradualmente con modalità compatibili con la pandemia . Al contrario, la sospensione prevista dalla norma impugnata è rimasta immutata negli stessi presupposti ed è stata ulteriormente prorogata a partire dal 1° gennaio 2021 per ulteriori 6 mesi.

  • Istat, Coldiretti: Spinta da record export alimentare (+5,3%)

    È record storico per le esportazioni alimentari Made in Italy che fanno segnare un aumento del 5,3% nel primo quadrimestre del 2021 dopo che lo scorso era stato raggiunto un valore di oltre 46,1 miliardi, il massimo di sempre, nonostante la pandemia . Lo ha reso noto il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel commentare i dati Istat sull'aumento del fatturato industriale ad aprile in occasione della presentazione di Macfrut e Fieravicola 2021 al ministero delle Politiche agricole. «Con l'avanzare della campagna di vaccinazione, la riapertura delle attività di ristorazione e la fine della guerra sui dazi - sottolinea Prandini - cresce la domanda di Made in Italy a tavola nel mondo e le grandi fiere internazionali rappresentano un elemento strategico per far conoscere ed apprezzare le eccellenze italiane a istituzioni, stakeholder e operatori di mercato».

  • Risalgono contagi in Israele, oltre 100 nuovi casi, prima volta da aprile

    Il direttore generale del ministero della Salute, Chezy Levy, ha spiegato che circa il 70% delle nuove infezioni in Israele sono riconducibili alla variante Delta. Nella metà dei casi, ha precisato, si tratta di bambini, mentre un terzo delle persone contagiate è vaccinato contro il Covid-19 . La scorsa settimana in Israele è stato revocato l’obbligo di indossare la mascherina, ma poi da domenica in 2 città è tornato l’obbligo nelle scuole dopo la scoperta di focolai negli istituti. Le autorità hanno anche deciso di potenziare la capacità di controllo con i test per i viaggiatori negli aeroporti. A causa del crescente numero di infezioni e della diffusione della variante Delta, in Israele si raccomanda la vaccinazione per la fascia d’età 12-15 anni. Nel Paese, con circa 9 milioni di abitanti, 5,5 milioni di persone hanno ricevuto almeno la prima dose del vaccino anti-Covid e più di 5,1 milioni hanno completato la vaccinazione.

  • Locati (avvocato vittime): «Pronte 2.099 pagine contro Governo e Regione Lombardia»

    Un faldone di 2.099 pagine di documenti è pronto ad essere depositato presso il Tribunale Civile di Roma dal team dei legali che rappresentano 500 familiari delle vittime Covid e guidato dall’avvocato Consuelo Locati. «Si tratta di un lavoro di ricerca certosina - annuncia Locati - che abbiamo messo insieme in maniera ordinata a partire dal piano segreto ai verbali della task force e che evidenzia uno stato protratto di negligenze e omissioni oltre che di violazioni di legge». Il team dei legali nei mesi scorsi ha portato alla luce e depositato presso la Procura di Bergamo il rapporto dell’ex ricercatore Francesco Zambon, dando il via all’inchiesta sul piano pandemico. Ed è riuscito a entrare in possesso delle autovalutazioni mandate negli anni sia all’Oms che all’Unione Europea sullo stato della preparazione pandemica. «La causa civile chiama in causa le responsabilità trasversali della politica e delle istituzioni - sottolinea Locati - e chiede che si assumano le proprie responsabilità davanti ai cittadini che erano chiamati a proteggere e tutelare e di cui, invece, hanno violato sia il diritto alla salute che quello alla vita». La prima udienza della causa civile si terrà l’8 luglio prossimo presso il Tribunale Civile di Roma.

  • Speranza: 46,5mln dosi somministrate. Vaccinazione vera svolta

    «La vera svolta per la lotta alla Covid-19 - ha spiegato il ministro della Salute Roberto Speranza intervenendo alla presentazione dello studio “I Cantieri per la Sanità del Futuro” Censis-Janssen Italia - è sicuramente la vaccinazione che ci ha permesso di fare una campagna poderosa; 46,5mln di dosi somministrate, più di un italiano su due ha avuto la prima dose. Il 21 giugno ne abbiamo fatte circa 540mila. Sono ancora numeri molto significativi di una campagna che procede e che è il vero strumento e la vera leva per chiudere una stagione così drammatica per aprirne una così diversa. Ora continuare la battaglia con energia e determinazione».

  • Russia 546 morti, come a febbraio. Record a Mosca

    La Russia ha documentato 546 morti per Covid-19 nelle ultime 24 ore, rispetto ai 440 del giorno prima. Questo è il più alto numero di morti giornalieri dall’11 febbraio, secondo i dati forniti dal centro di crisi federale anti-coronavirus. Il bilancio complessivo delle vittime del coronavirus in Russia raggiunge 130.347 persone. Il tasso di letalità preliminare sale al 2,44%. Le nuove infezioni, sempre nelle 24 ore, sono state 16.715 rispetto ai 17.378 casi registrati un giorno prima. Mosca resta sempre al centro della terza ondata, con 6.555 nuovi casi e 86 morti, ovvero un record dall’inizio della pandemia.

  • Fipe Confcommercio, nel Lazio -3,2 miliardi per ristorazione

    «Il 2020 della ristorazione italiana si è chiuso con 34,6 miliardi di euro di perdite, circa il 36% dell'intero fatturato annuo del settore. Per il Lazio la perdita è stata di 3,2 miliardi di euro, di cui quasi 2,5 miliardi di euro solo nella città di Roma». È quanto emerge dai dati Fipe Confcommercio sui «Pubblici esercizi di Roma tra crisi e ripartenza». «Nei primi 3 mesi del 2021 il settore ha perso altri 5,8 miliardi di euro sul periodo corrispondente del 2020 e si può stimare che 400 milioni siano stati persi dai pubblici esercizi della Capitale».

  • Vaccini: tutto pronto per prime dosi in farmacie Sardegna

    I tempi sono ormai maturi per l’arrivo dei primi vaccini anti Covid nelle farmacie della Sardegna: Federfarma ha già firmato l’accordo con la Regione ora si attende solo il via libera da parte dell’assessore della Sanità Mario Nieddu. «Se ci saranno disponibilità di vaccini e verranno emanate subito le direttive dalla settimana prossima potremmo iniziare le somministrazioni”, annuncia all’Ansa il presidente regionale di Federfarma Pierluigi Annis. Dopo verranno raccolte le adesioni delle farmacie (già 300 su 600 quelle che si erano rese disponibili in una prima ricognizione) e dovranno essere comunicati alle Assl di riferimento i farmacisti vaccinatori. «Bisognerà intanto capire quali vaccini potremmo somministrare e - aggiunge Annis - se inoculeremo l’intero ciclo o faremo solo richiami. Attendiamo le indicazioni ufficiali anche per organizzare la logistica: noi siamo pronti». Intanto nell’Isola ieri sono state somministrate 14mila dosi, 5.211 prime inoculazioni e 8.796 richiami, che portano il totale complessivo delle vaccinazioni a 1.219.283 su 1.416.104 consegnate dalla struttura commissariale, pari all’86,1%. la percentuale di sardi che hanno ricevuto almeno una dose (o monodose) è pari al 52,39% della popolazione, mentre la seconda dose è stata somministrata al 22,39% dei residenti o domiciliati in Sardegna.

  • Coldiretti, senza mascherine risparmio da 40milioni nei campi

    La fine dell’obbligo delle mascherine dal 28 giugno fa risparmiare almeno 40 milioni di euro nelle campagne nel secondo semestre dell’anno, un periodo nel quale si concentrano le attività di raccolta della verdura e della frutta. A mettere in evidenza il taglio dei costi per le imprese agricole è un’analisi della Coldiretti sugli effetti del provvedimento. Una scadenza importante per circa 1 milione di lavoratori nelle campagne dove gran parte delle attività si svolge all’aria aperta con la possibilità di rispettare le distanze. Proprio perché spesso in aree isolate e con ampi spazi all’aperto, continua la Coldiretti, le fattorie italiane sono forse i luoghi più sicuri per difendersi dal contagio che in agricoltura riguardano lo 0,3% delle 156.766 denunce di infortunio da Covid-19 al lavoro registrate dall’Inail in Italia al 28 febbraio 2021. Anche per questo il 17% degli italiani ha scelto di trascorrere le vacanze estive 2021 in campagna, parchi naturali e oasi, tra verde ed enogastronomia, coniugando la voglia di normalità con la garanzia di stare in sicurezza senza rischiare gli affollamenti.

  • Europei: ministro salute Gb a Draghi, «finale si farà a Wembley»

    «La finale degli europei in programma l’11 luglio “si terrà a Wembley», come previsto. Lo ha detto il ministro della Sanità britannico John Hancock, replicando a quanto sostenuto ieri dal premier Mario Draghi, secondo cui si sta lavorando per non far svolgere la finale nei Paesi dove si registra un aumento dei contagi, come il Regno Unito.

  • Costa, entro il 10 luglio apriamo le discoteche


    «Entro i primi 10 giorni di luglio le discoteche potranno aprire e penso che il criterio del green pass possa essere applicato anche alle discoteche». Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, su Rtl 102.5 durante il programma Non Stop News che ne ha diffuso il testo. «Ho appena avuto un colloquio su questo con il ministro Speranza. Questa settimana - ha precisato - indicheremo una data in cui le discoteche potranno tornare a fare le loro attività, perché questo settore è ad oggi, rimasto l’unico senza avere una prospettiva e credo sia dovere della politica dare una risposta anche a questo».

  • Industria, Istat: ad aprile il fatturato sale del 3,3% e torna a livelli pre-Covid

    Ad aprile 2021 il fatturato dell'industria, al netto dei fattori stagionali aumenta del 3,3%, in termini congiunturali. Lo riferisce l’Istat, spiegando che la crescita è più marcata sul mercato interno (+4%) rispetto a quello estero (+1,7%) e che l’indice «mostra a partire dalla fine dello scorso anno una dinamica congiunturale in continua crescita, salendo ad aprile ben al di sopra dei livelli precedenti la crisi». Nella media del trimestre febbraio-aprile l'indice complessivo è cresciuto del 4,8% rispetto al trimestre precedente.Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 21 come ad aprile 2020), il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 105,1%, in ragione del confronto con il dato estremamente basso di aprile 2020.

  • Covid, Bulgaria: 43% popolazione è stato esposto al virus

    Il 43% della popolazione in Bulgaria (circa 7 milioni di abitanti) sarebbe stato esposto al Covid-19 dall’inizio della pandemia. Lo rileva uno studio condotto da Cibalab, una grande catena di laboratori di analisi nel Paese balcanico. Come ha precisato in una conferenza stampa Nedyalko Kalacev, direttore della Cibalab, lo studio è stato condotto su dei campioni selezionati casualmente. Risulta che il 43% delle persone è stato esposto al Covid-19 in una forma o in un’altra. Gran parte di queste persone, esposte al virus durante la prima ondata, ha attualmente un discreto livello di anticorpi. Solo il 4 per cento dei test mostra un basso livello di anticorpi.

  • Coldiretti: con stop mascherine filiera risparmierà 40 milioni

    Non solo aria di libertà per tutti ma anche taglio dei costi per le imprese con la fine dell'obbligo delle mascherine, che fa risparmiare almeno 40 milioni di euro nelle campagne nel secondo semestre dell'anno in cui si concentrano le attività di raccolta della verdura e della frutta oltre alla vendemmia e alla raccolta delle olive. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sugli effetti del superamento dell'obbligo di indossare la mascherina all'aria aperta nel rispetto del distanziamento a partire dal 28 giugno.

  • Variante Delta, individuato focolaio tra Piacenza e Cremona

    Un focolaio di variante Delta del coronavirus è stato isolato tra Piacenza e Cremona. Lo riporta il quotidiano ’La Libertà’, spiegando che gli investigatori anti-Covid dell'Asl di Piacenza in sei giorni hanno sequenziato, rintracciato e isolato 24 casi della variante, tutti provenienti dal polo logistico piacentino, anche se non tutti lavoratori del polo. Due le aziende coinvolte con 10 dipendenti infettati dalla variante Delta. Gli altri 14 sono amici, conoscenti o parenti stretti. Diversi abitano nel Cremonese.

  • Sudafrica, allo studio hub per produrre localmente vaccini mRna

    Il Sudafrica si prepara a produrre localmente vaccini anti Covid-19 con tecnologia mRNA. La produzione sarà coordinata dall’Istituto statale Biovac. A dare la notizia è stato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, che sta assistendo il paese nell’operazione. L’Oms è in contatto con diverse imprese farmaceutiche per realizzare l’hub produttivo, anche se per ora si tratta di «piccole e medie aziende». «Stiamo discutendo con le aziende più grandi con comprovata tecnologia mRNA, speriamo che salgano a bordo», ha aggiunto. I vaccini mRNA potrebbero essere prodotti in Sud Africa entro 9-12 mesi, secondo le stime dell’Oms.

  • Caso mascherina, Bolosnaro al giornalista: «Chiudi la bocca»

    Nuovo attacco alla stampa di Jair Bolsonaro, che ha ordinato di «chiudere la bocca» ad un giornalista che gli chiedeva perché fosse andato senza mascherina a Guarantinguetá, nello stato di Sao Paulo. «Vado dove voglio e come voglio, chiudi la bocca», ha replicato il presidente che in precedenza è stato multato dalle autorità dello stato di Sao Paulo per non aver indossato la mascherina. Ma l’ira di Bolsonaro non si è fermata qui, ed ha cominciato a scagliarsi contro la testata Globo a cui fa capo la tv Vanguardia per la quale lavora il giornalista che aveva posto la domanda, definendola «stampa di merda». «Stai zitto, sono persone senza vergogna, fanno un giornalismo senza vergogna», ha detto. All’attacco hanno risposto il giornalista e Globo con un comunicato in cui si afferma che «non sarà con le urla o con l’intolleranza che il presidente potrà ostacolare o inibire il lavoro della stampa in Brasile».

  • Uk studia piano per consentire maggiori libertà a doppi vaccinati

    Il ministro della salute del Regno Unito, Hancock Dice, ha reso noto che il Paese sta lavorando a un piano per consentire maggiori libertà alle persone che hanno già ricevuto due dosi di vaccino anti Covid-19.

  • Covid, il vaccino cubano Abdala è efficace al 92%

    Il vaccino cubano Abdala contro il coronavirus presenta un grado di efficacia del 92,28% nei test clinici condotti dal Centro di ingegneria genetica e biotecnologia dell’Avana. Lo ha reso noto su twitter il leader cubano Miguel Diaz-Canel: «Colpiti da due pandemie (il covid e l’embargo Usa), i nostro scienziati hanno superato tutti gli ostacoli e ci danno dato due vaccini molto efficaci, il Soberana 02 e Abdala». Domenica, lo stesso presidente aveva parlato di un’efficacia del primo vaccino del 62%. A questo punto sarà presentata la richiesta per l’uso d’emergenza alle autorità sanitarie dell’isola.

  • India, 8,62 milioni dosi somministrate in 24 ore: nuovo record giornaliero

    L’India ha somministrato 8,62 milioni di vaccini nelle ultime 24 ore. Si tratta di un dato record, quando a somministrazioni effettuate in un solo giorno nel Paese. Intanto, il numero dei nuovi casi continua a scendere, toccando la quota minima da marzo 2021.

  • L’allarme dell’Oms: nazioni più povere a corto di vaccini

    Molti dei Paesi più poveri che hanno ricevuto i vaccini contro il Covid-19 attraverso l’iniziativa Covax non hanno più dosi per portare avanti la campagna di immunizzazione. E’ l’allarme lanciato dall’Oms. Secondo il consigliere del direttore generale dell’Agenzia dell’Onu, Bruce Aylward, il programma Covax ha consegnato 90 milioni di dosi a 131 paesi ma queste non bastano per proteggere le popolazioni, soprattutto in un momento in cui l’Africa si sta preparando per una terza ondata.

  • Coronavirus, ieri in Italia 495 nuovi casi e 21 vittime

    Sono stati 495 i nuovi casi di positività al coronavirus registrati nella giornata di ieri, lunedì 21 giugno, con 81.752 tamponi effettuati, e quindi un tasso di positività dello 0,61%. Le vittime sono state 21. Ancora in calo, seppur modesto, il numero delle persone ricoverate in terapia intensiva: 385 con 9 ingressi del giorno. Risultano dimessi o guariti nelle 24 ore 11.320 pazienti, per un totale dall'inizio della pandemia di 4.049.316. Infine, i casi totali registrati in Italia sono 4.253.460.

    PER APPROFONDIRE:
    La mappa dei contagi
    Vaccini in tempo reale
    Vaccini nel mondo
    Tutto quello che ha scoperto la scienza

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti