Attualità

Coronavirus oggi. Omicron: allo Spallanzani donna curata con monoclonali

Nuovo record di contagi nel Regno Unito: oltre 93mila. Unione europea, in 14 mesi 820mila bambini positivi con sintomi. Il generale Figliuolo: in arrivo 5 milioni di dosi, oltre metà Pfizer

Figliuolo: «Tra guariti e prima dose di vaccino abbiamo raggiunto quasi 90% popolazione»
  • Fauci: «Vaccino per minori tra i 5 e gli 11 anni è sicuro ed efficace»

    I vaccini per i bambini dai cinque agli undici anni «sono sicuri. Tutte le informazioni che abbiamo, tutti i dati, indicano che i vaccini sono molto sicuri nei minori. Non ci sono stati casi problematici finora, per cui questo vaccino si sta dimostrando sicuro ed efficace nei minori in quella fascia d'età». Lo ha detto Anthony Fauci, immunologo e chief medical advisor della Casa Bianca, a ‘e-Venti' su Sky TG24. L'incidenza di miocarditi, ha aggiunto, «è minima, soprattutto nei bambini tra i cinque e gli undici anni non abbiamo visto casi di miocardite, quando li riscontriamo sono rari e soprattutto nei ragazzi adolescenti o alla fine dei vent'anni».
    Fauci, parlando della variante Omicron, ha anche aggiunto: «Di sicuro sappiamo che è più contagiosa, non siamo sicuri del tutto che sia meno grave. Sappiamo che in Sudafrica sembra che i contagiati abbiano meno probabilità di andare in ospedale e contrarre malattia grave, ma questo forse è dovuto al fatto anche che molti in Sudafrica hanno già contratto la alfa o la beta e quando sono guariti hanno tenuto un livello di immunità che li protegge, non necessariamente dal contagio, ma forse dal contrarre la malattia grave. Questa è una domanda ancora senza risposta, non si sa se il virus in sé è intrinsecamente meno virulento oppure le persone hanno un livello di immunità che evita la gravità». Sempre su Omicron, Fauci ha sottolineato che «vediamo in tanti Paesi del mondo, ma soprattutto in Sudafrica, che l'Omicron si sta diffondendo in modo rapidissimo, sta per diventare la variante dominante. Negli Stati Uniti vediamo un aumento rapido di Omicron, soprattutto nell'area di New York City, dove c'è un tempo di raddoppio di tre giorni. Ci aspettiamo che nelle prossime settimane Omicron diventi la variante dominante negli Stati Uniti».

  • In Italia somministrate in totale oltre 104 milioni di dosi

    Sono 104.269.620 in totale le dosi di vaccino anti-covid somministrate dall’inizio della campagna vaccinale, 3.640.570 in più rispetto all’ultima settimana, secondo quanto emerge dal report settimanale vaccini anti-covid della struttura commissariale all’emergenza, guidata dal generale Francesco Paolo Figliuolo. Sono 46.040.186 le persone over 12 che hanno completato il ciclo vaccinale, 47.777.687 si sono sottoposte ad almeno una dose, 13.877.852 le persone che si sono già inoculate la dose booster.

    Per approfondire:Vaccini in tempo reale

  • New York: 21.027 casi Covid in 24 ore, record da inizio pandemia


    Nello stato di New York sono stati registrati 21.027 casi di Covid nelle 24 ore della giornata di giovedì, un record dall’inizio della pandemia. Lo afferma l’ufficio del governatore Kathy Hochul. «Il balzo dei casi di Covid ci ricorda che la pandemia non è finita. Il vaccino è ancora la nostra migliore arma per sconfiggere il virus», osserva Hochul.

  • La Germania inserisce Francia e Danimarca tra le aree a rischio

    Il governo tedesco classifica Francia e Danimarca come aree ad alto rischio a partire da domenica a causa dell’elevato numero di infezioni da Coronavirus. Lo stesso vale per Norvegia, Libano e Andorra, ha annunciato oggi il Robert Koch Institut. Chiunque provenga da un’area ad alto rischio e non sia stato completamente vaccinato o sia guarito deve essere messo in quarantena per dieci giorni e può sospenderla con un test negativo non prima di cinque giorni dopo l’ingresso.

  • Macron annulla visita in Mali per emergenza sanitaria

    A causa del Covid-19 , il presidente francese Emmanuel Macron ha annullato la visita che aveva in programma di effettuare in Mali per incontrare il presidente transitorio e celebrare il Natale con le truppe francesi. L’annuncio è stato dato dall’Eliseo. “Questa decisione è stata presa per coerenza tra le misure annunciate a livello nazionale e l’agenda internazionale del presidente e con l’intento di non esporre il nostro dispositivo militare in un momento di degradazione della situazione sanitaria nella Francia metropolitana”, ha spiegato l’Eliseo al termine di un consiglio di difesa dedicato alla crisi convocato per decidere nuove misure preventive contro il diffondersi della variante Omicron.

    Il Presidente francese Emmanuel Macron (John Thys/Reuters)

  • Da lunedì 20 in Austria nuove misure restrittive in ingresso

    L’Austria impone nuove misure restrittive in ingresso per frenare la diffusione della variante Omicron del Coronavirus . Stando a quanto annunciato dal ministero della Salute di Vienna, fino a nuovo ordine nel paese potranno entrare solo quanti possono dimostrare di avere fatto la tripla vaccinazione o di essere guariti dal Covid-19.
    Chi non ha il certificato vaccinale dovrà presentare un test Pcr negativo o dovrà mettersi in quarantena immediatamente dopo l’arrivo. La quarantena verrà ultimata solo dopo che un test effettuato dopo l’arrivo sarà risultato negativo. Le nuove norme entreranno in vigore lunedì 20 dicembre.

    Coronavirus: il bollettino del 17 dicembre 2021
  • In Spagna 33mila nuovi casi in 24 ore

    Sono 33.359 i nuovi casi di Covid notificati in Spagna dal governo. L’incidenza su 14 giorni cresce ancora, raggiungendo i 511 contagi ogni 100.000 abitanti. Ieri era di 472,9. Il bollettino odierno del Ministero della Sanità riporta inoltre che il tasso di occupazione ospedaliera è del 5,35% nei reparti ordinari (stabile rispetto a ieri) e del 14,3% nelle terapie intensive (+0,11%).
    Le morti da inizio pandemia sono almeno 88.708 (41 sono state aggiunte ai dati odierni). Sul fronte vaccini, nelle ultime 24 ore sono state iniettate oltre 450.000 dosi: ora il 69,9% degli over 60 vaccinati ha ricevuto la dose extra. Non sono ancora stati resi noti dati nazionali sulla campagna di vaccinazione dei bimbi tra i 5 e gli 11 anni, partita mercoledì.

    Coronavirus, terapie intensive al 9,6%, aree mediche al 12,1%, 241 casi ogni 100mila abitanti
  • L’Irlanda stabilisce coprifuoco alle 20 per pub e ristoranti fino al 31 gennaio

    Il primo ministro irlandese Micheal Martin ha annunciato l’istituzione di un coprifuoco alle 20:00 per pub, bar e ristoranti fino alla fine di gennaio per combattere la diffusione della variante Omicron del coronavirus . Non saranno più consentiti eventi al chiuso la sera dopo le 20:00 e ci sarà una riduzione della capienza degli eventi che accolgono il pubblico. “Fino alla fine di gennaio per combattere variante Omicron”.

    Il primo ministro irlandese Micheal Martin (Kenzo Tribouillard\Ap)

  • Omicron: allarme esperti, negli Usa in arrivo “bufera virale”

    È in arrivo negli Stati Uniti “una bufera virale” con la continua diffusione della variante Omicron del covid che si sta aggiungendo alla Delta, oggi ancora la dominante nell’Unione. La sanità americana rischia di essere messa a durissima prova. Nell’ultimo mese i tassi di mortalità per il Sars-Cov2 è salito dell’8% con 1.268 decessi al giorno.
    A lanciare un sonoro segnale d’allarme sono vari esperti di alto livello: Omicron potrà colpire milioni di persone a breve - ha dichiarato Michael Osterholm, direttore del Centro ricerche e cure per le Malattie Infettive della University of Minnesota alla Cnn, aggiungendo: “Siamo alla vigilia di una bufera virale, nelle prossime 3-8 settimane vedremo milioni di americani contagiati dal virus del covid, siamo nella situazione di una potenziale tempesta.
    Osterholm ha espresso “forte preoccupazione per la possibilità reale che un quarto o un terzo dei nostri lavoratori della sanità si ammalino a loro volta”. Per Andy Slavitt, consigliere del presidente Biden sulla pandemia, nonostante oggi ci siano strumenti per contrastare il covid che non esistevano l’inverno scorso, come i vaccini “un gennaio molto duro” aspetta l’ America. Con i ricoveri in impennata, scuole in chiusura, anche Brodway ha iniziato a cancellare gli show. E da oggi hanno iniziato a formarsi lunghe code di attesa per farsi il test del covid nelle principali città Usa da New York, a Boston a Miami.

    Anthony Fauci, Direttore del Istituto nazionale di malattia infettive (Epa/Tasos Katopodis)

  • Primo ministro francese Castex: «Omicron dominante a inizio 2022»

    «Calcoliamo che la variante Omicron diventerà dominante in Francia già ad inizio del 2022, come è oggi in Gran Bretagna»: lo ha detto il primo ministro francese, Jean Castex, in un discorso ai francesi dalla sede del governo, palazzo Matignon. Il premier - che ha invitato tutti a intensificare la vaccinazione - ha aggiunto che «già adesso si registrano in Francia alcune centinaia di casi». Castex ha anche annunciato che a partire dal 3 gennaio, la dose booster sarà possibile i già al quarto mese successivo al richiamo del vaccino anti-coronavirus.

  • In Irlanda coprifuoco dalle 20 per pub e ristoranti

    Coprifuoco in Irlanda per pub, ristoranti, bar e ristoranti degli hotel ed eventi al coperto, inclusi eventi di intrattenimento, culturali, comunitari e sportivi. Lo ha annunciato il premier Micheál Martin. Il coprifuoco sarà dalle 20 ed entrerà in vigore dalla mezzanotte di domenica, il che significa che si applicherà da lunedì in poi.

  • Pfizer: «Pandemia durerà fino al 2024»

    L’azienda farmaceutica Pfizer stima che la pandemia da coronavirus andrà avanti fino al 2024. Lo ha dichiarato il direttore scientifico Mikael Dolsten in una videoconferenza. Allo stesso tempo Dolsten ha spiegato che i dati in loro possesso dimostrano come il vaccino contro il Covid-19 sviluppato insieme a BioNTech funzioni meglio con tre dosi. L’azienda farmaceutica, ha aggiunto, sta anche sperimentando un vaccino più leggero per i bambini tra i due e i quattro anni.

  • Da domenica in Danimarca chiusi cinema, teatri e musei

    Nuove restrizioni in Danimarca a partire da domenica alle 8. Il Parlamento ha approvato le misure annunciate dalla premier Mette Frederiksen che prevedono la chiusura di teatri, cinema, sale da concerto, parchi di divertimento, musei e gallerie d’arte in tutto il paese per contenere la diffusione del coronavirus. I negozi di dimensioni inferiori a 2.000 metri quadrati e i ristoranti dovranno limitare il numero di clienti e i ristoranti dovranno servire gli ultimi pasti e le bevande alcoliche alle 22 e chiudere alle 23. Il governo danese consiglia ai cittadini di limitare i contatti sociali durante le vacanze di Natale e ha esortato le aziende pubbliche e private a far lavorare i dipendenti da casa, ove possibile.

  • Omicron: allo Spallanzani donna curata con monoclonali

    «All’Istituto Spallanzani» di Roma «è stata curata una delle 6 persone nelle quali è stata diagnosticata» una forma di «Covid-19 da variante Omicron nella regione Lazio. L’analisi molecolare del virus è stata effettuata presso il Laboratorio di Virologia dell’Istituto» capitolino, comunica l’Inmi che precisa: «Si tratta di una donna di circa 50 anni con fattore di rischio, vaccinata a luglio, con una sintomatologia non grave nella quale la diagnosi è stata fatta rapidamente dopo la comparsa dei sintomi. Per la terapia è stato utilizzato sotrovimab, un anticorpo monoclonale di seconda generazione che, in esperimenti di laboratorio, si era dimostrato potenzialmente attivo su Omicron». «Nei giorni successivi all’infusione si è osservato un rapido miglioramento dei sintomi e una repentina discesa della carica virale di Sars-CoV-2 già dopo 4 giorni - sottolinea la direzione dello Spallanzani - con quasi completa negativizzazione virologica ad appena 8 giorni dal trattamento. La persona al momento sta bene, a casa». «Pur se si tratta di un singolo caso - commentano dall’Inmi - questa esperienza positiva dimostra come anche sulla nuova variante vi siano trattamenti disponibili, antivirali di prossima introduzione e anticorpi monoclonali di nuova generazione e sui quali andrebbero accelerate le procedure di validazione».

  • Brusaferro, ad oggi 55 i casi Omicron in Italia, quasi tutte le regioni con Rt sopra 1

    «La variante Omicron sta crescendo anche nel nostro Paese alla giornata di oggi nella piattaforma che raccoglie le sequenze del virus vengono segnalate 55 varianti Omicron identificate». Lo ha affermato il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro commentando i dati del monitoraggio settimanale. «Per quanto riguarda l’Rt quasi tutte le Regioni sono sopra il valore di 1, con variabilità che possono diventare particolarmente ampie soprattutto per quelle con una dimensione più piccola», ha proseguito Brusaferro. «Per quanto riguarda l’andamento dell’incidenza nelle ultime 3 settimane siamo passati da 155 casi per 100mila abitanti in 7 giorni la prima settimana, la scorsa 176 e questa settimana 241 casi per 100mila abitanti», prosegue.

  • Oggi in Italia 28.632 nuovi casi e 120 decessi

    Sono 28.632 i test positivi al coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. I decessi sono stati 120.

    L’articolo completo

  • A Milano provincia 2.075 casi, 590 a Monza

    Sono 2.075 i nuovi positivi al Covid registrati in provincia di Milano nelle ultime 24 ore, di cui 790 a Milano città. Lo rende noto Regione Lombardia. Quanto alle altre province, a Bergamo si registrano 281 casi, a Brescia 561, a Como 339, a Cremona 129, a Lecco 103, a Lodi 139, a Mantova 188, a Monza 590, a Pavia 262, a Sondrio 81 e a Varese 562.

  • Viminale, rafforzare controlli in vista del Natale

    «Ulteriore rafforzamento dei dispositivi di vigilanza sull’intero territorio nazionale in vista delle prossime festività natalizie». È quanto disposto nel corso del Comitato Nazionale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto al Viminale dal ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. I prefetti sono stati invitati a convocare «apposite riunioni dei Comitati provinciali, anche per predisporre specifici servizi di prevenzione in prossimità dei luoghi di culto delle diverse confessioni, degli aeroporti e dei porti, delle stazioni ferroviarie e delle reti viarie».

  • Monitoraggio, incidenza più alta a 324 tra bimbi 0-9 anni

    Le fasce di età che registrano i più alti tassi di incidenza settimanali per 100.000 abitanti sono quelle pediatriche (324, 0-9 anni; 302, 10-19 anni) e quelle tra 30 e 49 anni (215, 30-39 anni; 243, 40-49 anni). Il dato emerge dal monitoraggio settimanale della cabina di regia. Una «più elevata copertura vaccinale, in tutte le fasce di età, anche quella 5-11 anni, il completamento dei cicli di vaccinazione ed il mantenimento di una elevata risposta immunitaria attraverso la dose di richiamo rappresentano - si legge - strumenti necessari a contenere l’impatto dell’epidemia anche sostenuta da varianti emergenti».

  • In Sardegna 315 nuovi positivi e un decesso

    In Sardegna si registrano oggi 315 ulteriori casi confermati di positività al Covid, sulla base di 3.434 persone testate. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 9, due in più di ieri. I pazienti ricoverati in area medica sono 114, cioè 4 in meno di ieri. 3.696 sono i casi di isolamento domiciliare, 190 in più di ieri. Si registra il decesso di una donna di 92 anni, residente nella Città Metropolitana di Cagliari.

  • Rezza, a Natale prudenza ed evitare grandi aggregazioni

    «Data la situazione epidemiologica e la predominanza della variante Delta, che è molto trasmissibile, e soprattutto l’iniziale circolazione della variante Omicron che sta correndo in alcuni paesi europei, è bene, in vista delle vacanze natalizie, cercare di evitare grandi aggregazioni, mantenere comportamenti prudenti ed effettuare la dose di richiamo di vaccino per aumentare la nostra protezione». Così il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, commentando in un videomessaggio i dati del monitoraggio settimanale della Cabina di regia.

  • Comune Sardegna si blinda, si entra solo con Green pass

    Capoterra (Città Metropolitana di Cagliari) blindata per evitare il contagio del Covid: uscita e ingresso dal paese sono consentiti esclusivamente ai possessori di Green pass. Senza documento verde, accesso e uscita sono autorizzati solo per motivate esigenze quali attività lavorativa, salute e reperimento di beni di prima necessità. È uno dei punti chiave della nuova ordinanza del sindaco Beniamino Garau in seguito ad un focolaio che aveva portato subito alla chiusura delle scuole e lo stop alle feste natalizie. Green pass anche per cerimonie religiose e “rafforzato” per bar, ristoranti, circoli, sale giochi anche all’aperto.

  • Aifa, 23.578 curati con monoclonali, salgono prescrizioni

    Netta tendenza alla crescita per le prescrizioni di anticorpi monoclonali contro Covid-19 in Italia. Negli ultimi 7 giorni monitorati dall’Agenzia italiana del farmaco Aifa, dal 10 al 16 dicembre, le richieste di farmaco sono state 2.608 contro le 1.917 della settimana precedente, con una media giornaliera in aumento dell’37,48% (372,57 contro 271,00), per un totale di 23.578 a partire dal 10 marzo, quando questi medicinali sono stati autorizzati in via emergenziale in Italia. Sono 225, in aumento, le strutture di 21 regioni o province autonome che hanno prescritto queste terapie.

  • In Friuli Venezia Giulia 809 nuovi contagi e 7 decessi

    Oggi in Friuli Venezia Giulia su 8.384 tamponi molecolari sono stati rilevati 701 nuovi contagi, con una percentuale di positività dell’8,36 %. Sono inoltre 16.113 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 108 casi (0,67%). Oggi 7 persone decedute: 3 uomini di 77, 76 e 65 anni di Trieste (deceduti in ospedale), una donna di 78 di Pordenone (ospedale), una di 86 di Roveredo (ospedale), una di 88 anni di Budoia (ospedale) e un uomo di 89 di Visco (ospedale). Le persone ricoverate in terapia intensiva scendono a 31; si riducono i pazienti in altri reparti a 286. Lo rende noto il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi.

  • Puglia seconda regione con incidenza casi più bassa

    Dopo il Molise, la Puglia è la regione italiana che, questa settimana, fa registrare l’incidenza più bassa di infezioni Covid-19: secondo il report della Cabina di regia nazionale sulla pandemia Covid-19. In Puglia ci sono 79,2 contagi ogni 100mila abitanti, lontana dai 566,8 casi registrati nella Provincia autonoma di Bolzano e 498,9 casi registrati in Veneto, le due aree più colpite in questa fase. Anche il tasso di occupazione dei posti letto negli ospedali in Puglia resta sotto i limiti fissati dal ministero: nelle terapie intensive il tasso è pari al 4,6%, nei reparti di Medicina è del 5,1%. Dati che confermano la permanenza della Puglia in zona bianca per almeno un’altra settimana.

  • Gb, nuovo record di contagi: oltre 93mila

    Ancora record di contagi nel Regno Unito: oggi sono 93.045, mentre ieri erano stati 88376. I decessi sono 111; ieri 146.

  • In Trentino un decesso e 267 contagi, 22 pazienti in rianimazione

    In Trentino oggi un decesso e 267 nuovi contagi da Covid, 102 le persone ricoverate di cui 22 in rianimazione, 4 in più rispetto a ieri. «Per quanto riguarda il decesso si tratta di un’anziana vaccinata ma affetta da altre patologie - fa sapere l’azienda sanitaria provinciale di Trento -. A due giorni dal nostro ingresso in zona gialla, l’appello a vaccinarsi si fa ancora più forte: ci avviciniamo al milione di somministrazioni, ma bisogna fare di più». Tra i nuovi casi 8 riguardano piccolissimi con meno di 2 anni ed altri 8 bambini in fascia 3-5 anni. Ancora di più, 27, i casi in fascia 6-10, e poi 11 casi in fascia 11-13 e 16 fra chi ha 14-18 anni. Salgono poi a 46 le classi in quarantena. Le vaccinazioni stamane hanno raggiunto quota 954.083 somministrazioni, comprese 385.929 seconde dosi e 141.319 terze dosi.

  • Nuovo picco di contagi e decessi in Calabria

    Sono 573 i nuovi casi covid in Calabria. Nelle ultime 24 ore il bollettino conta anche 6 decessi (2 a Catanzaro e Cosenza, uno a Crotone e Reggio). Quattro in più di ieri i ricoveri nelle aree mediche degli ospedali dove invece le terapie intensive guadagnano due posti letto. Il tasso di positività risulta del 6,85 % in virtù degli 8.363 tamponi effettuati.

  • In Piemonte 2.510 nuovi casi, +43 ricoverati

    Anche in Piemonte continua il trend di crescita dei nuovi casi Covid e dei ricoverati. Il bollettino dell’Unità di crisi della Regione riporta oggi 2.510 contagi, con un tasso di positivi del 3,8%. I tamponi processati sono 65.382, di cui 54.846 antigenici. Dei nuovi casi gli asintomatici rappresentano il 58,4%. Negli ospedali il numero dei ricoverati in terapia intensiva è lo stesso di ieri, 53, ma si registra un picco negli altri reparti, +43, con totale salito a 667. Due i decessi, nessuno di oggi. Le persone in isolamento domiciliare sono 22.563, i nuovi guariti 949. Dall’inizio della pandemia in Piemonte ci sono stati 427.390 casi positivi, 11.940 morti e 392.167 guariti.

  • Usa finora hanno donato 335 milioni di dosi a 110 Paesi

    Gli Usa finora hanno inviato 335 milioni di dosi di vaccino anti Covid a 110 paesi, una cifra che corrisponde a quella della popolazione americana. Lo ha detto un dirigente americano alla Afp. In settembre Joe Biden aveva promesso che gli Stati Uniti avrebbero donato un totale di oltre un miliardo di dosi ai Paesi più poveri.

  • In Campania aumentano ricoveri in intensiva, 10 morti

    Aumenta, in Campania, l’indice di contagio e aumentano anche i ricoveri, sia in terapia intensiva che in degenza. Secondo i dati del bollettino diffuso dall’Unità di crisi della Regione Campania, nelle ultime 24 ore, sono 1.841 i casi positivi al Covid su 38.876 test esaminati. Se ieri l’indice di contagio era pari al 4.43% oggi è 4,73%. Sette i decessi nelle ultime 48 ore e altri 3 deceduti in precedenza ma registrati ieri. Negli ospedali aumentano a 33 i ricoveri in terapia intensiva (+7 rispetto a ieri). Stessa situazione in degenza dove i ricoveri arrivano a 412 (+17 rispetto a ieri).

  • De Luca (Campania), dobbiamo riaprire le terapie intensive

    «C’è una maledetta accelerata diffusione del Covid, siamo nel pieno della quarta ondata, dobbiamo riaprire le terapie intensive». Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta Fb. «Siamo al punto che se continua questa ondata dovremmo chiudere reparti ordinari e riaprire i reparti di terapia intensiva - ha detto - Ieri ho dato indicazione ai direttori generali di riattivare i posti di terapie intensiva a cominciare dagli ospedali modulari che abbiamo realizzato».

  • In Lombardia quasi 85mila prenotazioni vaccino 5-11 anni

    Salgono a quasi 85mila le prenotazioni per il vaccino contro il Covid nella fascia 5-11 effettuate in Lombardia. Il dato, comunicato dall’assessorato al Welfare della Regione, è aggiornato alle 14 di oggi. Nel dettaglio, si tratta di 84.819 prenotazioni. Nell’Ats di Milano, che include anche la provincia di Lodi, sono state effettuate 30.813 prenotazioni (36,33%), nell’Ats Brianza 12.774 (15,06%), Ats Insurbia 11.450 (13,50%), Ats Brescia 10.301 (12,14%), Ats Bergamo 7.899 (9,31%), Ats Val Padana 5.056 (5,96%), Ats Pavia 4.329 (5,10%) e Ats Montagna 2.197 (2,59%).

  • Figliuolo: «Mettiamo in sicurezza più bimbi possibile»

    «Non ci sono obiettivi fissati: il nostro interesse è vaccinare e mettere in sicurezza più bambini possibili». Lo ha detto Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid, visitando l’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Figliuolo ha spiegato che ieri sono stati vaccinati 15.000 bambini a livello nazionale, di cui quasi 1.000 in Toscana.

  • Imperial College Londra: «Omicron elude immunità da malattia e da 2 dosi»

    La variante Omicron «elude in gran parte l’immunità ottenuta con la malattia e quella con due dosi di vaccino» anti-Covid. Lo sottolinea l’ultimo report dell’Imperial College di Londra, che ha preso in esami dati della Uk Health Security Agency (UkHsa) e del Servizio sanitario nazionale (Nhs), che hanno registrato tutti i casi di Sars-CoV-2 confermati in Inghilterra con un test molecolare e che avevano effettuato un test Covid tra il 29 novembre e l’11 dicembre 2021. Gli esperti stimano «che il rischio di reinfezione con la variante Omicron è 5,4 volte maggiore di quello della variante Delta» e che quindi «la protezione contro la reinfezione da Omicron, offerta da un’infezione avuta in passato, può arrivare fino al 19%». Gli scienziati hanno inoltre stimato l’efficacia dei vaccini anti-Covid contro l’infezione sintomatica da Omicron. Ebbene, «l’efficacia è compresa tra lo 0% e 20% dopo due dosi e tra il 55% e l’80% dopo la dose di richiamo».

  • Speranza firma ordinanza, tre Regioni e una provincia autonoma in zona gialla

    Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato l’ordinanza con cui si sancisce il passaggio per Marche, Liguria, Veneto e Pa di Trento in area gialla. L’ordinanza entrerà in vigore da lunedì. Lo rende noto il ministero della Salute.

  • Figliuolo, in arrivo altri 5 milioni di dosi, oltre metà Pfizer

    «Le dosi ci sono: devo confermare che oltre i 5,5 milioni di dosi già destinate alle Regioni, da oggi in avanti il 17, il 22 e il 29 ne affluiranno altre 5 milioni, di cui oltre la metà saranno dosi Pfizer». Lo ha detto Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid, visitando l’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. “Ne arriveranno altre con continuità da gennaio in avanti - ha aggiunto - per consentire di vaccinare i bambini senza problemi: la macchina organizzativa c’è e sta andando avanti”.

  • Figliuolo: Natale momento assembramenti, continuiamo a essere responsabili

    «Buon Natale, buone festività, che ci portino a un sereno anno nuovo: il Natale è un momento di compere e assembramenti, ma dobbiamo continuare a essere responsabili». Lo ha esortato Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid, visitando l’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. «Gli italiani - ha aggiunto - stanno facendo lezione al mondo: i successi che vediamo, di cui anche la stampa internazionale ci dà atto, sono merito della grande squadra Italia».

  • Figliuolo: «Toscana sta facendo campagna vaccinale straordinaria»

    «La Toscana sta facendo una campagna vaccinale straordinaria. È partita come un diesel e poi ha accelerato, quasi il 90% delle persone vaccinate». Lo ha sottolineato il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid, oggi a Firenze dove ha visitato l’ospedale pediatrico Meyer, hub vaccinale anti Covid per i bambini fragili della fascia di età tra 5 e 11 anni.

    Il Commissario straordinario all'emergenza Covid Generale Francesco Paolo Figliuolo. (ANSA/FABIO CIMAGLIA)

  • Ue, in 14 mesi 820mila bambini positivi con sintomi

    Oltre 820.000 i casi di bambini e ragazzi (0-17 anni) positivi al Covid con sintomi sono stati notificati tra agosto 2020 e ottobre 2021 in 10 Paesi europei (Austria, Cipro, Finlandia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Malta, Slovacchia e Svezia). In 9.611 (1,2%) hanno avuto bisogno di ricovero, 640 sono finiti in terapia intensiva (pari allo 0,08% di tutti i bambini positivi e al 6,7% di quelli ospedalizzati), 84 sono morti (0,01%). I dati, pubblicati su Eurosurveillance, arrivano dall’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC).

  • In Emilia Romagna 2.507 nuovi positivi e 15 decessi

    Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 484.719 casi di positività, 2.507 in più rispetto a ieri, su un totale di 40.338 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 6,2%. Più in generale, questi sono i dati relativi all'Emilia-Romagna validati dal ministero della Salute questa settimana: l'Rt regionale è di 1,15 (in calo rispetto all'1,3 della scorsa settimana), l'incidenza dei nuovi casi sale a 292 ogni 100mila abitanti, l'occupazione dei posti letti Covid ordinari è all'11% e quella dei posti letto nelle terapie intensive al 10%. L'Emilia-Romagna si conferma quindi in zona bianca: il passaggio di colore al giallo è infatti determinato dal superamento contemporaneo della soglia di sicurezza prevista per gli ultimi tre parametri, e cioè 50/100mila l'incidenza, 15% l'occupazione dei reparti Covid, 10% quella delle terapie intensive.

  • Lazio, dal 20/12 uso anticorpi monoclonali in Covid hotel

    Da lunedì 20 dicembre al via nel Lazio la somministrazione degli anticorpi monoclonali nei Covid hotel. Lo annuncia l’assessore alla sanità della Regione Alessio D’Amato.

  • Gsk-Vir, ok Ue a monoclonale sotrovimab, in vitro efficace su Omicron

    La Commissione europea ha concesso l’autorizzazione all’immissione in commercio (Aic) per l’anticorpo monoclonale sotrovimab nel trattamento precoce di Covid-19. Lo annunciano la britannica GlaxoSmithKline e l’americana Vir Biotechnology, dopo che ieri l’Agenzia europea del farmaco Ema ha comunicato i via libera del Comitato per i medicinali a uso umano Chmp al prodotto. Un ok, quello Ue, basato sui risultati clinici che dimostrano i benefici di sotrovimab nei pazienti Covid. Oltre a questi, Gsk e Vir ricordano anche i dati in vitro secondo cui il monoclonale si mantiene efficace anche sulla variante Omicron di Sars-CoV-2. Sotrovimab - riferiscono le aziende in una nota - è ora approvato nell’Unione Europea per il trattamento di adulti e adolescenti (di età pari o superiore a 12 anni e con un peso di almeno 40 kg) affetti da Covid-19, che non richiedono ossigeno supplementare e che sono a maggior rischio di progredire verso forme gravi di malattia. Nel luglio scorso Gsk e Vir hanno annunciato un accordo sugli appalti congiunti (Jpa) con la Commissione europea, per fornire fino a 220mila dosi di sotrovimab. Dopo la concessione dell’Aic nell’Ue, gli Stati membri che partecipano al Jpa possono ora ordinare sotrovimab per supportare le loro risposte alla pandemia, sottolineano le due società.

  • Lazio, oggi 2.121 casi e 10 decessi

    «Oggi nel Lazio su 51.811 tamponi (19.454 molecolari e 32.357 antigenici), si registrano 2.121 nuovi contagi (-531) e 10 decessi (-2). Aumentano i ricoveri ordinari che sono 828 (+23), mentre restano invariati quelli in terapia intensiva (111), +929 i guariti». Lo comunica in una nota l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. Nel dettaglio, nella Asl Roma 1 sono 365 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore e 2 i decessi. Un morto e 679 contagi nella Asl Roma 2. Mentre nella Asl Roma 3 si registrano 113 contagi e 1 morto. Un decesso anche nella Asl Roma 4 dove i nuovi infetti sono 150. Mentre nella Asl Roma 5 i nuovi casi sono 166 ma 2 i decessi. Nella Asl Roma 6 si contano 118 nuovi contagi e 1 morto. Nelle province si registrano 530 nuovi casi di cui 214 nella Asl di Frosinone dove si conta anche 1 decesso. Un morto anche nella Asl di Latina dove i nuovi contagi sono 180. Nella Asl di Rieti le nuove infezioni registrare sono 29 ma non si registra nessun morto così come nella Asl di Viterbo dove i nuovi casi sono 107.

  • In Israele risale il contagio, dato più alto da due mesi

    Risale il contagio di Covid-19 in Israele, dove nelle ultime 24 ore sono stati confermati 838 nuovi casi. Si tratta del dato più alto degli ultimi due mesi, come spiega il ministero della Sanità israeliano. Rispetto al giorno precedente sono stati diagnosticati 181 casi in più, mentre crescono le preoccupazioni sulla diffusione della variante Omicron, altamente contagiosa. Ieri una scuola femminile di Gerusalemme è stata chiusa dopo la segnalazione di 62 contagi, così come è stato isolato il personale di sicurezza della Knesset dopo che una guardia è risultata positiva a Omicron. Resta intanto sospesa la proposta di chiedere il Green Pass per poter accedere ai centri commerciali israeliani. La protesta del governo è stata accantonata in seguito alle proteste degli imprenditori che hanno minacciato di ribellarsi all’iniziativa

  • Crisanti, non mi stupirei 35-40 mila contagi al giorno a fine gennaio

    “Non mi stupirei se a fine gennaio in Italia si dovesse arrivare a 35-40 mila casi al giorno”. Lo dice il virologo Andrea Crisanti a Un Giorno da Pecora.

  • Ecdc, Italia verso morti e ricoveri stabili e calo intensive

    I casi aumenteranno ancora, ma le ospedalizzazioni e le morti potrebbero stabilizzarsi, mentre i ricoveri in terapia intensiva calare. L’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, prevede questo per l’Italia nell’ultimo report settimanale che analizza la situazione Covid-19 nei vari Stati di Unione europea e Spazio economico europeo. Nel nuovo bollettino il nostro Paese è fra i 6 classificati al livello di “moderata preoccupazione”, insieme ad Austria, Bulgaria, Islanda, Malta e Slovenia. Mentre scende da “molto alto” (8,3 su 10 nel rapporto precedente) ad “alto” (6,8 su 10) il livello di preoccupazione per l’intera area. Il report è relativo alla settimana 49, quella terminata domenica 12 dicembre, e le previsioni che contiene riguardano i 14 giorni successivi, quindi le settimane 50 (termine il 19 dicembre) e 51 (termine il 26 dicembre).

  • Veneto, Zaia: «Obbligo di mascherina all’aperto e test ai sanitari ogni 4 giorni»

    ''Oggi presentiamo un'ordinanza che anticipa la zona gialla. Non è un provvedimento che stravolgerà la vita dei cittadini. Introduce principi e raccomandazioni'', a cominciare ''dall'obbligo delle mascherine all'aperto , ad accezione dei bimbi di età inferiore ai 6 anni''. Lo ha detto il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia in un punto stampa a Marghera.

    Per approfondire: Veneto, Liguria, Marche e Trentino in giallo da lunedì

    Zaia fa il tampone rapido in diretta su Facebook
  • Rimandata finale Miss Mondo, 23 delle 97 concorrenti contagiate

    Il concorso Miss Mondo di quest'anno, in programma ieri sera a Porto Rico, è stato rinviato dopo che diverse persone legate all'evento, tra cui 23 delle 97 concorrenti, sono risultate positive al Covid-19. Lo ha annunciato il concorso sulla sua pagina Facebook, precisando che la finale sarà riprogrammata, sempre a Porto Rico, entro 90 giorni. Gli organizzatori hanno citato “l'interesse per la salute e la sicurezza dei concorrenti, del personale, dello staff e del pubblico in generale”.
    Giovedì, in una conferenza stampa del Dipartimento della salute di Porto Rico, l'epidemiologa Melissa Marzán ha detto ai giornalisti che ci sono stati 38 casi positivi associati a Miss Mondo: 15 membri dello staff e 23 concorrenti. Ha confermato che gli organizzatori del concorso, non le autorità dell'isola, hanno deciso di rimandare l'appuntamento.

  • Veneto, Zaia: picco tra fine dicembre e inizio gennaio

    “Se siamo fortunati avremo il picco tra fine dicembre e la prima settimana di gennaio”. Lo ha detto ai giornalisti il presidente del Veneto Luca Zaia. “Lo scorso anno - ha aggiunto - la giornata di oggi era stata il picco massimo. Adesso l'infezione è venuta da Est, da Slovenia, poi in Friuli Venezia Giulia, Bolzano, in Carinzia, sta scendendo e si sposterà come una perturbazione; ci attraverserà e spero si dilegui”.

    Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia (ANSA/ UFFICIO STAMPA REGIONE VENETO)

  • Nuovo boom contagi in Veneto, + 5.557 in 24 ore

    Contagi Covid giornalieri tra i più alti di sempre in Veneto: 5.557 positivi in sole 24 ore, per una incidenza del 5,1% sul totale dei tamponi effettuati (108.000). Si tratta tuttavia di un numero, ha avvertito il governatore Luca Zaia, che in parte risente del caricamento di dati precedenti; ieri infatti i nuovi positivi erano apparsi un po’ in calo. Il totale degli infetti dall’inizio della pandemia raggiunge i 570.842.

  • Costa, «pillola antivirale Pfizer probabile in Italia a gennaio»

    “Ci auguriamo ed è auspicabile che arrivi e probabilmente arriverà” a gennaio la pillola antivirale di Pfizer ma “dobbiamo fare una riflessione: parliamo di cure e per poterle fare devi prenderti il Covid, io preferisco non prenderlo e oggi l’unica arma che abbiamo è il vaccino”. Così il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, ospite de ’L’aria che tira’ su La7 ha commentato quanto detto da Guido Rasi, consulente del commissario Figliuolo, riguardo all’arrivo, all’inizio dell’anno, di cure con pillole anti-Covid.

  • Ricciardi, «presto per parlare di pillola che può curarlo»

    “Presto per parlare di una pillola anti-Covid”. A spegnere l’ottimismo per l’arrivo a breve in Italia di antivirali in pillola che, secondo le aziende, funzionano contro Covid-19, è il consulente del ministro della Salute Walter Ricciardi, che all’Adnkronos Salute ribadisce la necessità “di non correre troppo, ma di aspettare” anche sull’antivirale Paxlovid di Pfizer che potrebbe arrivare. Anche nel 2022 “la strategia da tenere è quella delle vaccinazioni e delle precauzioni che ormai conosciamo”, raccomanda.

  • M5s, diseguaglianza vaccinale alleato virus, sospendere brevetti

    “Le parole del segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, certificano il fallimento della strategia vaccinale globale contro il Covid: abbiamo una parte della popolazione, quella dell'Occidente, con alti tassi di vaccinazione e al contempo miliardi di persone del sud del mondo ancora non immunizzate. Addirittura, i tassi di vaccinazione nei Paesi ad alto reddito sono otto volte superiori rispetto a quelli africani, secondo i dati Onu. Il pur lodevole sistema delle donazioni, portato avanti con il progetto Covax, non è sufficiente a garantire le dosi necessarie. I leader mondiali si stanno dimostrando miopi e non all'altezza di una sfida così complicata come quella della pandemia da Covid”. Così in una nota Angela Ianaro, deputata del MoVimento 5 stelle in commissione Affari sociali.

  • Brasile; vaccini a bambini 5-11 anni, rabbia Bolsonaro

    Rabbia del presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, per la decisione presa ieri dall’Agenzia nazionale di sorveglianza sanitaria (Anvisa) di autorizzare la vaccinazione con Pfizer dei bambini tra 5 e 11 anni: il capo dello Stato ha chiesto i nomi dei membri di Anvisa che hanno votato a favore. “Anvisa non è subordinata a me, non posso interferire, ma ho chiesto i nomi delle persone che hanno approvato i vaccini per i bambini, vogliamo divulgare i nomi di quelle persone”, ha esordito Bolsonaro.

  • In Fvg 809 nuovi contagi e 7 decessi

    Oggi in Friuli Venezia Giulia su 8.384 tamponi molecolari sono stati rilevati 701 nuovi contagi, con una percentuale di positività dell’8,36 %. Sono inoltre 16.113 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 108 casi (0,67%). Nella giornata odierna si registrano i decessi di 7 persone: nello specifico, si tratta di tre uomini di 77, 76 e 65 anni di Trieste (deceduti in ospedale), una donna di 78 anni di Pordenone (deceduta in ospedale), una donna di 86 anni di Roveredo (deceduta in ospedale), una donna di 88 anni di Budoia (deceduta in ospedale) e infine un uomo di 89 anni di Visco (deceduto in ospedale). Le persone ricoverate in terapia intensiva scendono a 31, così come si riducono i pazienti presenti in altri reparti che risultano essere 286.Lo comunica il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi.

  • In Basilicata 90 nuovi casi e 90 guarigioni

    Sono 90 i nuovi casi di contagio registrati in Basilicata nelle ultime 24 ore, a fronte di 1.244 tamponi molecolari processati. Lo comunica la task force della Regione Basilicata. Nella stessa giornata si sono registrate 90 guarigioni, di cui 71 relative a residenti in Basilicata.
    In totale sono 33 le persone ricoverate: 12 nell'ospedale San Carlo di Potenza; 21 nell'ospedale Madonna delle Grazie di Matera, di cui 1 nel reparto di terapia intensiva.

  • Ad Aosta Capodanno diffuso per evitare assembramenti

    Aosta festeggerà, ma gli eventi saranno diffusi. Nessun capodanno in piazza Chanoux anche per quest’anno, ma la facciata del municipio si animerà con installazioni luminose, lasershow e musica con con eventi programmati dalle 18 all’una.

  • Omicron: impennata di casi a Madrid, sono il 60%

    È già pari o superiore al 60% la percentuale di prevalenza della variante Omicron del coronavirus nei casi positivi di Covid sequenziati a Madrid: lo ha riferito l’assessore alla salute della regione della capitale spagnola, Enrique Ruiz Escudero, secondo dichiarazioni riprese da media iberici. L’incidenza cumulativa di nuovi contagi su 14 giorni è salita in 24 ore di quasi 100 punti, arrivando a 481 ogni 100.000 abitanti, ha aggiunto Escudero. Quella registrata ieri era di 391. La prevalenza di Omicron cresce anche in altre zone della Spagna: a Barcellona per esempio, rappresenta già circa il 25-30% dei casi riportati, riporta il quotidiano La Vanguardia. Ritmo record nell’aumento dei nuovi contagi in regioni del nord come la Navarra e i Paesi Baschi.

  • Aumentano contagi, riapre secondo ospedale Covid a Cagliari

    L’ospedale Santissima Trinità di Cagliari riapre ai pazienti Covid. Per il momento sarà allestito un solo reparto, l’attuale geriatria, una dotazione di posti letto che andrà ad aggiungersi a quella del Binaghi, il presidio che dalla primavera scorsa era rimasto l’unico ospedale Covid di Cagliari. “Avevamo sperato che non fosse necessario, ma purtroppo il problema è che stanno aumentando le infezioni e di conseguenza i ricoveri, dunque abbiamo preparato tutto per non trovarci impreparati”, dice il direttore sanitario Sergio Marracini, che solo qualche settimana fa si era detto ottimista sul fatto di non dover riaprire nuovi reparti Covid. Invece, un’ala del reparto di geriatria è stata già aperta per le pazienti positive di Ostetricia e ci si prepara al peggio.

  • Austria, cenone di Natale solo per gli immunizzati

    In Austria è arrivato il via libera per i cenoni, ma solo per gli immunizzati. I no vax resteranno invece in lockdown durante le festività di Natale, anche se dal 24 al 26 dicembre e il 31 dicembre potranno lasciare casa per “visitare una persona cara”. I vaccinati e guariti potranno invece vedersi in gruppi al massimo di dieci persone. Per maxi-cenoni tra gli 11 e i 25 commensali scatta l’obbligo di tampone. Il ministro alla salute Wolfgang Mueckstein ha comunque rivolto un appello a tutti a farsi testare anche per incontri più ristretti. Per capodanno viene sospeso il coprifuoco.

  • In Toscana 1227 nuovi casi, tasso positivi 2,95%

    I nuovi casi di Covid-19 registrati oggi in Toscana sono 1.227 su 41.539 test di cui 13.234 tamponi molecolari e 28.305 test rapidi. Lo comunica su Telegram il presidente della Regione Eugenio Giani. Il tasso dei nuovi positivi è 2,95% (11,1% sulle prime diagnosi). L’incidenza regionale degli ultimi 7 giorni è 180 casi ogni 100 mila abitanti, per l’età 0-11 anni è 393 casi ogni 100 mila abitanti.

  • Roche, marchio Ce per test salivari, rilevano anche Omicron

    Roche ha ottenuto il marchio Ce per i suoi dispositivi Cobas* 6800/8800 usati nei test salivari che rilevano Sars-CoV-2, inclusa la nuova variante Omicron. “Una delle strategie chiave per ridurre la trasmissione del virus” responsabile di Covid-19 “è fermare la diffusione silenziosa della malattia in una fase iniziale”, afferma Cindy Perettie, capo dei laboratori molecolari presso la divisione Roche Diagnostics del gruppo farmaceutico svizzero. Per la loro natura non invasiva - evidenzia Roche Diagnostics - i salivari sono più tollerabili per chi deve sottoporsi a un test Covid, per esempio le persone che lavorano in ambienti ad alto rischio. Il metodo di campionamento può anche contribuire a ridurre il rischio di esposizione al virus per gli operatori sanitari.
    Battute: 814
    Parole : 124

  • Omicron: secondo contagio a Varsavia, è una bimba di 3 anni

    E’ stato scoperto oggi in Polonia il secondo caso di Omicron: si tratta di una bambina di 3 anni che abita a Varsavia. Lo ha reso noto il ministero della sanità ricordando che il primo caso individuato ieri a Katowice riguardava una cittadina di Lesotho di 30 anni. Secondo la stessa fonte i nuovi contagiati di Covid-19 nelle ultime 24 ore in Polonia sono 20.027 mentre i nuovi decessi sono 566.

  • Premier league nel caos, ma per ora non si ferma

    Dopo la raffica di rinvii degli ultimi giorni in Premier League l’ipotesi di una sospensione temporanea appare sempre piu’ inevitabile nonostante la contrarietà della stessa lega inglese. E’ questa la convinzione di media e tifosi, alla luce anche del brusco rialzo di contagi registrato in tutto il Regno Unito. “Il Massacro Covid sulla Premier League”, è il titolo enfatico del Daily Mail che sottolinea come la metà delle partite del weekend siano state cancellate”, mentre i “club temono una sospensione temporanea”. Per il momento pero’ - scive il Daily Telegraph - la Premier League sembra resistere alle crescenti pressioni di chi - tra i quali anche alcuni manager, come Graham Potter del Brighton e Thomas Frank del Brentford - vorrebbe fermare il campionato almeno per un paio di settimane.

  • Vaccini: Costa, entro fine febbraio completeremo terze dosi

    “Che il ciclo della vaccinazione anti Covid sia di tre dosi è ormai consolidato e i dati che arrivano rispetto alla variante Omicron lo confermano. Gli italiani credo lo abbiano capito, considerando che siamo tornati a somministrare 500.000 dosi al giorno, oltre 15 milioni di dosi al mese. E a fine febbraio o primi marzo completeremo la terza dose”. Così il sottosegretario alla salute Andrea Costa, a Sky Tg24. “Parlando già oggi di quarta e quinta dose rischiamo di alimentare un sentimento di sfiducia: dobbiamo - ha aggiunto -affrontare la situazione con gradualità, ora procediamo con la terza. Se ci sarà bisogno di altri richiami lo valuteremo”.

  • Due decessi e 396 nuovi casi in Alto Adige

    L’ultimo bollettino covid dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige riporta altri due decessi e 396 nuovi casi. Il numero complessivo delle vittime delle pandemia ora ammonta a 1.282. Sono risultati positivi 179 di di 2.099 tamponi pcr e 217 di 12.499 test antigenici. Dopo la flessione di ieri si registra oggi un nuovo aumento dei ricoveri ospedalieri: 84 (+4) nei normali reparti ospedalieri e 20 (+1) in terapia intensiva. Sono stati dichiarati guariti 618 altoatesini, mentre 9460 sono in quarantena.

  • Francia, ok Comitato etico a vaccini per i bambini 5-11 anni

    E’ arrivato il via libera in Francia del Comitato consultivo nazionale di etica (Ccne) all’apertura delle vaccinazioni contro il Covid-19 per la fascia d’età 5-11 anni. Lo riporta Bfmtv, secondo cui il Ccne si è pronunciato a favore della vaccinazione per tutti i giovanissimi in questa fascia d’età, insistendo però sulla necessità di lasciare la scelta ai genitori ed escludendo l’ipotesi di un pass sanitario per i più piccoli

  • Vaccini: Cdc, in fascia 5-11 anni 8 miocarditi su 7 milioni di dosi

    I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno dichiarato di aver ricevuto segnalazioni di otto casi di miocardite in bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto il vaccino Covid-19 Pfizer e BioNTech. Il CDC non ha detto se crede che ci sia un legame tra i casi di miocardite e il vaccino, né ha rivelato il tasso di miocardite nella fascia di età senza vaccinazione. L’agenzia ha affermato che al momento dell’esame dei dati erano state somministrate oltre 7 milioni di dosi di vaccino nella fascia di età 5-11 anni, con 5,1 milioni di prime dosi e 2 milioni di seconde dosi. I casi hanno avuto un decorso clinico lieve, ha affermato il CDC.

  • Coldiretti, rovina vacanze estero a 2,1 mln italiani, Natale a km 0

    L'avanzare dei contagi con i limiti alle frontiere rovina le vacanze all'estero di 2,1 milioni di italiani che prima della pandemia avevano varcato i confini nazionali per le festività di Natale e Capodanno. È quanto emerge dall'analisi Coldiretti in riferimento alle nuove restrizioni decise dall'Italia e altri Paesi per la variante Omicron che spinge a dire addio alle grandi capitali europee e alle destinazioni più lontane.
    Un situazione che provoca anche una diffusa incertezza che sta facendo posticipare prenotazioni e programmi di fine anno e spinge un numero crescente di italiani a rimanere in patria, magari organizzando una vacanza di prossimità con il passaggio di alcune regioni in giallo e l'arrivo del green pass rafforzato.

  • Macron twitta, «agire da europei di fronte a varianti»

    “Di fronte alle varianti del virus, dobbiamo continuare ad agire da Europei. Le persone vaccinate non dovranno farsi il tampone per viaggiare fra i Paesi membri dell’Unione europea”: lo ha twittato questa mattina il presidente francese, Emmanuel Macron.

  • Nove Regioni a PA sopra soglia allerta 10% per intensive

    Nove Regioni e Province autonome superano questa settimana la soglia di allerta del 10% di occupazione per casi Covid nelle terapie intensive. Sono Calabria (11,8%), ER (11,9%), FVG (18,3%),Liguria (13,7%), Marche (16,7%),Molise (10,3%), PA Bolzano (18%), PA Trento (21,1%), Veneto (15%). Otto superano invece la soglia di allerta del 15% per l’occupazione dei reparti di area medica: Calabria (20,8%), FVG (22,6%), Liguria (17,9%), Marche (15,6%), PA Bolzano (16%), PA Trento (17,6%), Valle d’Aosta (18,2%), Veneto (16%). Emerge dal monitoraggio settimanale della Cabina di regia.

  • Costa, tampone a vaccinati per grandi eventi non è a ordine del giorno

    Quello del tampone anche ai vaccinati per poter assistere ai grandi eventi “non è un tema sul tavolo del ministero”. Lo dice il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa a Sky Tg24. “Ritengo che il super Green pass si un elemento di sufficiente tutela”, aggiunge mettendo in luce come sarebbe una misura “difficile da gestire e attuare”.

  • Rischio Natale in zona gialla per Liguria, Marche, Veneto e Trento

    Sono la Liguria, le Marche, il Veneto e la provincia autonoma di Trento a rischiare il cambio di colore da lunedì con il passaggio in zona gialla nella settimana che porta al Natale. E’ quanto emerge dalla tabelle degli indicatori decisionali del monitoraggio della Cabina di Regia visionate dall’Adnkronos Salute. Si trovano già in zona gialla: il Friuli Venezia Giulia, Provincia autonoma di Bolzano e la Calabria Nel dettaglio: la Liguria ha una percentuale di occupazione dei posti letti in area medica (17,9%) e per le terapia intensive (13,7%) oltre i limiti per il passaggio in zona gialla, visto che l’incidenza dei casi è a 313 su 100mila.

  • Costa, «primavera 2022 per vaccino under 5»

    Per un vaccino anti-Covid nella fascia under 5 “dovremmo aspettare marzo e aprile 2022, allora dovremmo avere le condizioni scientifiche su cui potranno decidere poi le autorità regolatorie”. Così il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ospite di ’Buongiorno’ su SkyTg24 ha risposto su quando potrebbe arrivare un vaccino per i bambini under 5.

  • Australian Open, tolti 3 giorni di isolamento per chi arriva dall’estero a Melbourne

    Cambiano le misure anti-Covid per chi deve entrare in Australia a un mese dall’inizio degli Australian Open, la prima prova stagionale dello Slam. In un comunicato i governatori dello stato di Victoria e New South Wales, dove si trovano Sydney, sede dell’Atp Cup, e Melbourne, hanno ufficializzato che dalla prossima settimana per chi arriva dall’estero non sarà più necessario osservare 72 ore di isolamento, basterà dimostrare di essere completamente vaccinati e fare un test Covid all’arrivo rimanendo isolato fino al responso.

  • Rasi, possibile da gennaio in Italia cura con pillola Pfizer

    Sul fronte delle cure, le pillole anti-Covid saranno presto disponibili in Italia. “Probabilmente da gennaio”, ha detto a ’Buongiorno’ su Sky TG24, Guido Rasi, ex direttore esecutivo Ema e consulente del commissario straordinario per l’emergenza Covid, Figliuolo. “L’Ema ha dato il via libera, il farmaco della Pfizer sembra molto utile rispetto al molnupiravir. Arriverà a giorni il via libera e la disponibilità ai primi di gennaio, probabilmente”.

  • Manovra: emendamento governo, arrivano 50 mln per commissario straordinario Covid

    In arrivo 50 milioni di euro per il commissario straordinario, necessari ’’all’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica codiv’’. La misura è contenuta nell’emendamento alla legge di bilancio che il governo presenterà nella commissione Bilancio del Senato questa mattina. Le risorse sono destinate in particolare per ’’gli oneri dei servizi logistici’’ necessari per affrontare l’epidemia.

  • Anzio “chiude” scuole, stop lezioni in presenza

    Ultimo giorno di scuola in presenza prima di Natale per tutti gli studenti di Anzio, in provincia di Roma: il sindaco Candido De Angelis ha firmato un’ordinanza che dispone la dad dal 18 al 22 dicembre per le scuole di ogni ordine e grado “con l’obiettivo di ripartire in sicurezza lunedì 10 gennaio”. Si tratta, aggiunge, “di una misura precauzionale per consentire” a studenti e professori “di trascorrere più serenamente le festività natalizie in famiglia”. Secondo l’assessore alla scuola Laura Nolfi è la “migliore decisione possibile” per “evitare l’incremento delle quarantene, con possibili ripercussioni a ridosso del Natale”.

  • Occupazione terapie intensive 9,6% area medica 12,1%

    Il tasso di occupazione in terapia intensiva di pazienti Covid in Italia è al 9,6% rispetto all’8,5% della settimana precedente. E’ quanto si legge nel report Iss. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 12,1 da 10,6% dell’ultima rilevazione

  • Seconda dose vaccino resta pediatrica se nel frattempo si compiono 12 anni

    I bambini che compiranno il dodicesimo anno di età dopo aver ricevuto una prima dose di vaccino Comirnaty (BioNTech/Pfizer) potranno completare il ciclo primario di vaccinazione, «nel rispetto delle tempistiche previste», con una seconda dose di vaccino della stessa formulazione della prima dose. La dose pediatrica del vaccino Pfizer va mantenuta quindi per chi compia gli anni a cavallo delle due somministrazioni: lo chiarisce il ministero della Salute nella circolare firmata dal direttore della Prevenzione, Gianni Rezza. Inoltre, la circolare precisa che «in caso di pregressa infezione da Sars-CoV-2 confermata o in caso di infezione successiva alla somministrazione della prima dose, restano valide le indicazioni previste al riguardo per i soggetti di età pari o superiore a 12 anni».

  • Report Iss, cresce tasso occupazione terapie intensive e ospedalizzazioni

    Secondo il monitoraggio settimanale dell’Iss, cresce il tasso di occupazione delle terapie intensive e delle ospedalizzazioni. L’incidenza settimanale a livello nazionale è in netto aumento: 241 casi per 100.000 abitanti (10-16 dicembre 2021) contro 176 per 100mila abitanti della settimana 3-9 dicembre 2021. Nel periodo 24 novembre-7 dicembre 2021, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,13 (range 1,09-1,19), leggermente in diminuzione rispetto alla settimana precedente - quando era pari a 1,18 - ma al di sopra della soglia epidemica. Lo evidenzia il monitoraggio settimanale della Cabina di regia, i cui dati sono comunicati dall’Istituto superiore di sanità. In forte aumento i nuovi casi non associati a catene di trasmissioni, 18 Regioni a rischio moderato, 1 a rischio alto.

  • Circolare,anche per vaccinati con ReiThera richiamo a 5 mesi

    Anche per i soggetti vaccinati in Italia nell’ambito della sperimentazione clinica di vaccinazione anti-Sars-CoV2 denominata COVITAR, con il vaccino ReiThera, sarà possibile procedere con la somministrazione di una dose di richiamo (booster) di vaccino a m-RNA, nei dosaggi autorizzati per la stessa, a distanza di almeno 5 mesi dall’ultima dose ricevuta. La somministrazione di tale dose di richiamo è idonea al rilascio della relativa certificazione verde Covid-19. Lo prevede la nuova circolare del ministero della Salute’Indicazioni per i vaccinati nell’ambito di trial clinici con vaccini anti-SARSCoV-2/COVID-19 sperimentali in Italia’

  • Germania, 51mila nuovi contagi e 437 morti

    Sono 50.968 i nuovi contagi da coronavirus registrati in Germania nelle ultime 24 ore. Lo ha riferito il Robert Koch Institute, l’organismo che monitora l’andamento della pandemia nel Paese, riportando anche il dato di altri 437 decessi, in calo rispetto ai 522 di ieri. Mercoledì il nuovo ministro tedesco della Salute, Karl Lauterbach, ha avvertito che il Paese non ha dosi di vaccino sufficienti per mantenere alto il ritmo della campagna vaccinale durante l’inverno alla luce anche del previsto aumento della variante Omicron

  • Giappone: BoJ, ’altre misure espansive senza esitazione se necessario’

    Il rischio pandemia continua ad essere la spada di Damocle sulla ripresa dell’economia del Giappone e la Banca centrale del Paese annuncia nella sua decisione scontata di confermare ai minimi i tassi di riferimento di essere pronta, senza esitazioni, “a prendere ulteriori misure espansive se necessario.” Il Governatore Haruhiko Kuroda dopo la riunione del board di politica monetaria, spiega che l’orientamento delle altre grandi banche centrali (il riferimento e alla Fed, ndr) non influenzeranno nell’immediato l’orientamento di politica monetaria della BoJ che ha deciso di prolungare di sei mesi il meccanismo di sostegno ai prestiti concessi dal sistema finanziario alle pmi. Il programma di quantitative easing della Banca, spiega ancora Kuroda, andrà avanti pazientemente fino a raggiungere l’obiettivo di riportare l’inflazione al tasso del 2 per cento. Nel caso del Giappone, infatti, spiega Kuroda non è ipotizzabile pensare ad un’accelerazione dell’inflazione come quella registrata negli Stati Uniti o in Europa. Il Governatore Kuroda ha quindi rassicurato sul mantenimento dei titoli corporporate in portafoglio a lungo termine: ci vorranno cinque anni per riportarli ai livelli pre pandemia. Il numero uno della banca centrale ha quindi stimato che la variante Omicron del Covid al momento non ha avuto un impatto significativo sui consumi nel Paese.

  • Crisanti, «vaccini per bambini sicuri, lo dico guardando i dati»

    I luoghi oggi più a rischio contagio Covid sono “i mezzi pubblici, e andrebbero rese obbligatorie le mascherine Ffp2, i ristoranti, le discoteche e poi la scuola. Ma ora per la scuola abbiamo la vaccinazione e sono convinto che è sicura, io non mi sono spostato di un millimetro sui vaccini anti-Covid: parlo dopo aver visto i dati che sono molto confortati, nessun effetto collaterale se non un po’ di mal di testa”. Così il virologo Andrea Crisanti, ospite di ’Agorà’ su Rai Tre.

  • Green pass: Rasi, «dopo 5-6 mesi perde ogni giorno validità, va ridotta durata»

    “Dopo 5-6 mesi il Green pass perde ogni giorno un po’ di validità rispetto alla circolazione del virus, se fossimo in bassa circolazione non sarebbe un problema ma in un momento di alta circolazione si deve pensare di ridurre la durata”. Lo ha detto Guido Rasi, già direttore dell’agenzia europea dei medicinali e oggi consulente del commissario per l’emergenza Covid-19 Francesco Paolo Figliuolo, a ’Buongiorno’ su Sky Tg24.

  • Manovra: fondo da 150 mln per turismo, spettacolo e auto

    Arriva un fondo da 150 milioni nel 2022 per il sostegno “agli operatori economici del settore del turismo, dello spettacolo e dell’automobile, gravemente colpiti dall’emergenza Covid”. Lo prevede l’emendamento alla manovra presentato questa notte dal governo in commissione al Senato. Il fondo è istituito presso il ministero dello Sviluppo economico. Entro 60 giorni dall’entrata in vigore della manovra i ministeri dello Sviluppo, della Cultura, del Turismo e dell’Economia definiscono le modalità di assegnazione e le procedure di erogazione delle risorse “nel rispetto delle norme Ue sugli aiuti di Stato” legati all’emergenza Covid.

  • Usa: Cdc, privilegiare Pfizer e Moderna su J&J

    I Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) hanno accolto le raccomandazioni unanime di un gruppo di esperti dell’agenzia sanitaria americana di privilegiare i vaccini Pfizer e Moderna rispetto al Johnson & Johnson in relazione al fatto che quest’ultimo offre meno protezioni e più rischi, in particolare le rare ma potenzialmente fatali trombosi.

  • Green Pass: Galli, durata non è troppa, guariti andrebbero valutati singolarmente

    La durata del Green pass fissata a nove mesi “è un’apparente contraddizione, ma si tratta di una mediazione comprensibile. Nove mesi intanto sono l’indicazione che l’immunità non è infinita, ma va rinnovata con dei richiami come la terza dose e poi chissà. Possono sembrare troppi, però la caduta della risposta immunitaria a partire da 5 mesi è parziale e non riguarda tutti”. Lo dice in un’intervista a La Stampa l’infettivologo Massimo Galli. “a sottolineata l’importanza di vaccinarsi e di correre a fare la terza dose, ma da medico devo ammettere che alcuni vaccinati non sono protetti. Eccezioni a parte, si tratta soprattutto di anziani e fragili a cui non a caso è stato proposto subito il richiamo”. C’è poi il discorso dei guariti “Ci sono dati robusti che dimostrano come in 14 mesi di osservazione il rischio per loro di reinfettarsi sia inferiore al 3 per mille. Cinque milioni di italiani guariti, più un milione che non sa di esserlo, non possono sopportare l’idea che i loro anticorpi non valgano nulla”.

  • Vaccini: somministrate 15mila prime dosi in fascia età 5-11 anni

    Sono 15.063 le dosi di vaccino anti-covid somministrate nella fascia di età 5-11 anni. E’ quanto si legge nell’ultimo aggiornamento sulla campagna vaccinale sul sito del governo. In totale i vaccini effettuati sono 104.269.620. L’88,43% della popolazione over 12 ha ricevuto almeno una dose mentre l’85,22% ha completato il ciclo vaccinale. I richiami effettuati sono stati 13.603.779 pari al 66,53 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi.

  • Von der Leyen: da Pfizer 180 mln dosi ’adeguate’ a varianti

    “Per il certificato digitale Covid presenteremo un atto delegato per un approccio uniforme sui richiami e la durata del certificato. Il richiamo va somministrato al più tardi 6 mesi dopo il completamento del ciclo vaccinale” mentre la durata del Green Pass sarà di 9 mesi. Lo ha detto la presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen al termine del Vertice europeo. “Posso annunciare che abbiamo concluso un accordo con Pfizer per ottenere 180 milioni di dose adeguate” a combattere nuove varianti Covid. Lo ha detto la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti