ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùla manovra

Dal 2023 tagli alla Sanità per 300 milioni all’anno. La verità sui conti

Il fondo sanitario nazionale potrebbe subire un taglio, giustificato con una migliore riorganizzazione e con la digitalizzazione, ma le Regioni sono allarmate

di Sara Monaci

Con la rivoluzione digitale sanità più vicina ai cittadini

Il fondo sanitario nazionale potrebbe subire un taglio, giustificato con una migliore riorganizzazione e con la digitalizzazione, ma le Regioni sono allarmate


2' di lettura

È un documento che sta cominciando ad allarmare le Regioni italiane. Si tratta della Relazione tecnica allegata alla Legge di Bilancio, che contiene una insidiosa precisazione sui tagli alla Sanità, a partire dal 2023.

Leggendo il testo della manovra non si capisce, diciamo a occhio nudo, che cosà accadrà. Occorre ricostruire i rimandi ad altri testi. Ecco dunque che l’articolo 72 del documento tecnico sottolinea prima di tutto che «il fabbisogno standard è normativamente stabilito solo fino all’anno 2021». E poi si aggiunge che «dall’anno 2023 per effetto dei processi connessi alla riorganizzazione dei servizi sanitari anche attraverso il potenziamento dei processi di digitalizzazione, si prevede una minore spesa di 300 milioni di euro annui, con consegunte riduzione del livello del finanziamento».

Loading...

Una scelta che sta allarmando le Regioni italiane, considerando che proprio in questi mesi la Sanità è il settore più importante in cui investire.

Tradotto: il fondo sanitario nazionale dal 2023 dovrebbe avere, se questa impostazione verrà mantenuta, 300 milioni in meno. Certo, considerando che il fondo beneficia ad oggi di 120 miliardi, a cui nel 2021 se ne aggiungerà un altro, può sembrare una riduzione non così dura. Tuttavia va sottolineato che guardando lo schema illustrato nella stessa Relazione tecnica, per il 2022 e gli anni successivi non viene specificato l’ammontare del fondo. Si parla già di tagli permanenti da 300 milioni all’anno a partire dal 2023, ma non delle risorse complessive del fondo. C’è solo la sottrazione insomma, ma non il quantitativo totale da cui i 300 milioni verranno sottratti.

Potrebbe essere un dettaglio? L’aspettativa è che anche per i prossimi anni il fondo nazionale per la sanità benefici sempre di 120 miliardi. Tuttavia per i tecnici delle Regioni sarebbe meglio specificarlo.

I 300 milioni in meno non sono indicati come tagli, bensì come minore finanziamenti dovuti ad una migliore digitalizzazione. Un risparmio in sostanza, dovuto allo sviluppo delle nuove tecnologie. Che tuttavia ad oggi è difficile immaginare considerando che alcuni territori italiani non hanno neppure la banda larga diffusa.

La ragione di tale scelta è facilmente comprensibile alla luce delle regole europee. Nel 2021 e nel 2022 ci sarà in Italia una manovra espansiva (che solo per il 2021 prevede uscite aggiuntive per lo Stato da 18 miliardi). Nel 2023, su indicazione dell’Europa, questa tendenza andrà rivista con una programmazione correttiva, che dovrà riportare il rapporto tra deficit e Pil al 3%. In concreto, a 5 miliardi di tagli. O risparmi, se si preferisce definirli così.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti