ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCalcio & Media

Dazn dice sì agli indennizzi Agcom: sconto del 25% sull’abbonamento

La piattaforma di streaming aderisce alla richiesta dell’agenzia: per i disservizi del weekend risarcimenti secondo una procedura semplificata

di Andrea Biondi

Dazn, come funziona il nuovo profilo “premium”

3' di lettura

Uno scambio di comunicazioni lunedì 15 agosto avrebbe sancito una notizia attesa dagli abbonati a Dazn rimasti impigliati nei disservizi che hanno impedito la visione di Lazio-Bologna, Fiorentina-Cremonese, Salernitana-Roma e Spezia-Empoli nel corso della prima giornata di campionato, domenica 14 agosto 2022. L’Autorità garante per le comunicazioni infatti, a quanto risulta al Sole 24 Ore, avrebbe scritto a Dazn per richiedere procedure semplificate per richiedere gli indennizzi. E Dazn, che ha riconosciuto il problema, avrebbe dato il suo ok. Sul tema è stato convocato per venerdì 19 agosto alle 18 il tavolo annunciato dal sottosegretario uscente allo Sport Valentina Vezzali.

Sconto del 25% sull’abbonamento

I disservizi, a quanto si apprende, dovrebbero comportare un 25% di sconto sull’abbonamento. «Nelle condizioni di indennizzabilità», scrive infatti l’Agcom, «il fornitore del servizio di live video streaming dovrà corrispondere, o sotto forma di sconto in fattura o di rimborso, un importo pari al 25% dell'abbonamento mensile dell'utente, al netto di eventuali sconti o promozioni. Il massimo indennizzo a cui può aver diritto un utente in un mese è pari al 100% dell’abbonamento mensile, al netto di eventuali sconti o promozioni. Non è possibile ottenere più di un indennizzo a settimana».

Loading...

Dalla procedura standard ai rimborsi automatici

Ora si tratta solo di stabilire i dettagli per arrivare a quegli indennizzi subito richiesti da Agcom in concomitanza con la giornataccia di Dazn, sui quali la piattaforma ha immediatamente dato il suo ok. Va detto che le procedure di rimborso sono già stabilite dalla delibera 17/22/CONS in cui si legge ad esempio che «l’utente dovrà accludere alla richiesta di indennizzi le condizioni contrattuali di fornitura del servizio di live streaming e di connettività incluso, ove disponibile, la banda minima garantita». O anche che «l’utente potrà, per il servizio di connettività, allegare la schermata dell’esecuzione del MisuraInternet Speed Test, eseguita dal dispositivo in uso, recante la velocità di download» oppure «laddove non fosse possibile usare MisuraInternet Speed Test sul medesimo dispositivo da cui si fruisce dell’evento in live streaming, l’utente potrà eseguire la misurazione con MisuraInternet Speed Test mediante un altro apparato collegato alla stessa rete e collocato nelle immediate vicinanze del dispositivo usato per la visione dell’evento».

Dazn: Team tecnici al lavoro

Nulla di questo sarà dunque necessario e non sarà necessario presentare la richiesta entro 7 giorni, ma il rimborso dovrebbe essere erogato in automatico dalla piattaforma. «La causa principale del problema – spiegano da Dazn al Sole 24 Ore - è stata identificata dal team di ingegneri e la situazione è stata risolta prima delle partite in programma nella serata del 15 agosto, che sono state seguite da milioni di fan in tutti i mercati senza interruzioni. I team tecnici di Dazn sono tuttora impegnati per garantire la stabilità della piattaforma e far sì che ciò non si ripeta».

Problema non solo in Italia

Il problema sarebbe legato alle procedure di autenticazione. Quindi una questione strettamente legata alla app che, in effetti, avrebbe riscontrato problemi non solo in Italia. Secondo quanto riferito da El Pais, il debutto della piattaforma streaming nella Liga spagnola non è stato dei migliori. Stando all’autorevole quotidiano spagnolo, disservizi sono stati registrati in occasione della partita Barcellona-Rayo Vallecano, giocata sabato scorso. Per molti abbonati di Dazn non è stato possibile vedere la partita e i problemi hanno riguardato anche gli utenti di Movistar Plus+ e Orange, le due emittenti che nei mesi scorsi sono giunte a un accordo con Dazn per poter trasmettere le cinque partite a turno di cui la piattaforma detiene i diritti

La denuncia di Codacons

Intanto il Codacons ha annunciato che depositerà una denuncia contro Dazn per interruzione di pubblico servizio e truffa. È quanto si legge in una nota dell’associazione, a seguito dei «gravissimi» disservizi registrati nel corso della prima giornata del campionato di Serie A. Il Codacons spiega che «gli utenti potrebbero essere chiamati a un vero e proprio sciopero, sospendendo il pagamento della quota mensile fino alla definitiva risoluzione di questi eterni problemi tecnici». Anche perché «a fronte di abbonamenti che costano sempre di più il servizio non fa che peggiorare», sottolinea l’associazione. «Ora dalla Lega e da Dazn - conclude la nota - ci aspettiamo risposte e soluzioni certe e non più parole al vento». Certo è che la prima è stata steccata. E gli occhi sono ora tutti puntati sulla prossima giornata di campionato.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti