ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùConcept car

Elettrica e autonoma: così Audi Urbansphere anticipa l’auto futura

La casa dei quattro anelli svela un prototipo di monovolume con tecnologie di frontiera, maxi spazio a bordo e 750 km di autonomia

di Simonluca Pini

2' di lettura

Progettare un’auto dall’interno verso l’esterno, chiedendo ai potenziali clienti cosa vorrebbero dalla loro futura auto. È nata così la nuova Audi Urbansphere Concept, creata inizialmente dai centri stile dei quattro anelli di Pechino e Ingolstadt pensando al traffico delle megalopoli cinesi. Terzo concept dopo Audi Skysphere e Grandsphere, la Urbansphere anticipa il futuro della mobilità urbana secondo il costruttore tedesco.

Già a prima vista, l’inedita concept si rivela il modello più grande della famiglia Sphere e di tutte le concept car Audi prodotte fino ad oggi. Le dimensioni generose - 5,51 metri di lunghezza, 2,01 m di larghezza, 1,78 m di altezza e un passo pari a 3,40 metri – anticipano un abitacolo in grado di cambiare il concetto di vita a bordo. Perché proprio partendo dagli interni è stata realizzata l’intera vettura, sottolineando l’obiettivo di realizzare un veicolo perfetto per essere abbinato alla guida autonoma di Livello (secondo la tabella in 5 step della Sae). Il conducente può permettersi di lasciare alla vettura l’intero controllo della marcia.

Loading...

Realizzata sulla piattaforma modulare PPE (Premium Platform Electric) futuro punto di partenza di tutti i modello medio-grandi premium dell’intero gruppo Volkswagen, la Urbansphere sarà alimentata da un pacco batterie da circa 120 kWh e spinta da due motori elettrici con una potenza complessiva di 295 kW e una coppia di sistema di 690 Nm. Il tutto scaricato a terra tramite la trazione integrale quattro, capace di scollegare il motore anteriore (e di conseguenza viaggiare esclusivamente grazie alla trazione posteriore) durante la marcia per inerzia. Nonostante i grandi cerchi da 24 pollici, il comfort di marcia è assicurato dalle sospensioni pneumatiche adattive in grado di filtrare ogni asperità dell’asfalto.

Dotata in un impianto a 800 volt, potrà essere ricaricata fino a 270 kW e serviranno meno di 25 minuti per passare dal 5 all’80% utilizzando una presa ad alta capacità. L’autonomia complessiva arriverà a 750 chilometri, diventando così una vera alternativa ai modelli termici.

Passando al design debutta il nuovo singleframe anteriore a forma di grande ottagono e arrivano proiettori ottici capaci di “parlare” con gli altri utenti della strada attraverso messaggi visivi e un lungo elenco di personalizzazioni.

Oltre a fare un salto in avanti grazie alla generosa autonomia, la Urbansphere anticipa il futuro della mobilità con un abitacolo in grado di trasformarsi in una vera e propria lounge quando si viaggia in modalità di guida automatizzata con i sedili posteriori reclinabili fino a 60 gradi. Tra le novità il nuovo sistema di infotainment con maxi schermo Oled trasparente di grande formato che ruota verticalmente dall’area del tetto nella zona tra le file di sedili. Utilizzando questo “schermo cinematografico”, che occupa l’intera larghezza dell’interno, i due passeggeri nell’ultima fila possono partecipare a una videoconferenza insieme o guardare un film. È possibile anche l’uso dello schermo diviso. Quando lo schermo non è in uso, offre una visione chiara nella parte anteriore grazie al suo design trasparente o, quando è piegato verso l’alto, attraverso l’area del tetto in vetro fino al cielo. Allo stesso tempo, ci sono occhiali VR nei braccioli delle portiere sinistra e destra che possono essere utilizzati insieme alle opzioni di infotainment, ad esempio per il sistema Holride.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti