Fit for 55

La UE propone lo stop di diesel, benzina e ibride (anche plug-in) nel 2035

Arriva la proposta da parte della UE di bloccare le auto endotermiche dal 2035

di Simonluca Pini

(Anadolu Agency)

5' di lettura

L'Unione Europea vuole dire alle auto benzina e diesel dal 2035. Anche quelle ibride plug-in, metano o Gpl. Per ora si tratta solamente di una proposta contenuta all'interno di “Fit for 55”, il pacchetto di riforme climatiche pensato per ridurre, entro il 2030, le emissioni di anidride carbonica del 55% rispetto ai livelli del 1990. Le restrizioni riguardano tutti i settori produttivi ma il mondo delle quattro ruote dovrà affrontare, se passerà la proposta, un cambiamento radicale. Per rendere possibile la transizione verso l'utilizzo di auto esclusivamente a “emissioni zero”, l'Unione Europea chiederà agli Stati membri un potenziamento della rete di ricarica e l'installazione di punti di rifornimento a intervalli regolari sulle principali autostrade: ogni 60 chilometri per le elettriche e ogni 150 chilometri per l'idrogeno. Una situazione ad oggi “fantascientifica”.
Un fondo sociale per il clima
L’obiettivo sarà raggiunto gradualmente e sarà accompagnato dalla creazione di un nuovo mercato della CO2 per il trasporto su gomma e per gli edifici. Gli introiti finiranno in un fondo sociale per clima, dal valore stimato di 70 miliardi in 7 anni, con cui l’Ue potrebbe cofinanziare al 50% regimi di incentivazione nazionale per l’acquisto di auto a zero emissioni e la riqualificazione energetica degli edifici. “Il principio è semplice: l’emissione di CO2 deve avere un prezzo; un prezzo sulla CO2 che incentivi consumatori, produttori e innovatori a scegliere le tecnologie neutrali, per andare verso prodotti puliti e sostenibili”, ha affermato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.. Il vicepresidente esecutivo della Commissione europea Frans Timmermans ha affermato che se non agiamo ora, “falliremmo con i nostri figli e nipoti, che a mio avviso, se non lo risolviamo, combatteranno guerre per l’acqua e il cibo”.
Entro il 2050 quasi tutte elettriche
Per garantire che i conducenti siano in grado di ricaricare o rifornire i propri veicoli in una rete affidabile in tutta Europa, il regolamento Ue aggiornato sulle infrastrutture per i combustibili alternativi richiederà agli Stati membri di espandere la capacità di ricarica in linea con le vendite di auto a emissioni zero e di installare punti di ricarica e rifornimento a intervalli regolari intervalli sulle principali autostrade: ogni 60 chilometri per la ricarica elettrica e ogni 150 chilometri per il rifornimento di idrogeno. Entro il 2050, indica la Commissione, quasi tutte le auto e i furgoni sulle strade dovranno essere veicoli a emissioni zero. Ci si basa sul fatto che il settore dell'”usato” via via farà uscire dal mercato le auto con motore a combustione. Per Bruxelles, gli standard sulle emissioni di CO2 per auto e furgoni sono fattori chiave per ridurle nel settore del trasporto su strada. Nel 2020, nonostante il mercato complessivo delle nuove auto in contrazione a causa della pandemia, il numero totale di auto elettriche immatricolate è triplicato, raggiungendo per la prima volta oltre 1 milione all’anno. Sul mercato stanno arrivando modelli di auto elettriche sempre più convenienti. Con l’aumento dell’offerta di modelli di auto a emissioni zero, dovrebbero diventare ancora più accessibili. Questa quota di mercato in aumento coincide con l’introduzione graduale di norme più rigorose sulle emissioni di Co2 per le automobili a partire dal 1° gennaio 2020. La proposta di Bruxelles è rafforzare ulteriormente le norme attuali.
Riduzione delle emissioni
La flotta di auto di nuova immatricolazione deve ridurre le emissioni del 55% entro il 2030 e del 100% entro il 2035 rispetto al 2021. Per i nuovi furgoni, gli obiettivi di riduzione sono rispettivamente del 50% e del 100%. Con tali obiettivi Bruxelles conta di forzare produzione e consumi verso la diffusione di un numero significativamente maggiore di veicoli a emissioni zero sul mercato dell’Unione. Pertanto, il meccanismo di incentivazione normativo per i veicoli a zero e basse emissioni, il cui obiettivo è sostenere una rapida diffusione sul mercato, non servirebbe più al suo scopo originale e verrà rimosso a partire dal 2030. Tutti i produttori di auto e furgoni dovranno contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2, quindi la deroga per i produttori di piccoli volumi - quelli che vendono tra 1.000 e 10.000 nuove auto o 22.000 nuovi furgoni in un anno solare - viene rimossa a partire dal 2030.
L'importanza della infrastruttura
La valutazione d’impatto della Commissione mostra che anche grazie al risparmio di carburante, le auto a emissioni zero apportano benefici a tutte le fasce di reddito, comprese e soprattutto le famiglie a basso reddito per le quali il costo del carburante è un costo familiare mensile relativamente elevato. Se questo è il quadro, è evidente che un ruolo chiave nel determinare la riuscita dell'intera operazione, sta nella disponibilità dell’infrastruttura di ricarica elettrica, la cui realizzazione deve accelerare in modo commisurato alla flotta di veicoli elettrici prevista sulle strade, che entro il 2030 dovrebbe raggiungere almeno 30 milioni di auto. Gli obiettivi basati sulla flotta garantiranno che per ogni auto elettrica a batteria immatricolata in uno Stato membro sia installata una capacità di ricarica di 1 KW. Ciò dovrebbe anche essere in linea con i precedenti obiettivi infrastrutturali stabiliti nella strategia per la mobilità sostenibile e intelligente della Commissione, poiché si prevede di fornire più di 1 milione di punti di ricarica entro il 2025 e circa 3,5 milioni entro il 2030.
La rete di ricarica
In dettaglio, per garantire la piena connettività attraverso la rete delle autostrade europee, sarà necessario installare almeno 300 kW di capacità fornita da punti di ricarica rapida (con almeno uno di una capacità di 150 kW) per ogni tratto di 60 km della rete entro il 2025 e una capacità di 600 kW entro il 2030. Sulla rete globale (TEN-T) tali obiettivi devono essere raggiunti rispettivamente entro il 2030 e il 2035. Per il rifornimento di idrogeno dovrà essere disponibile una stazione di rifornimento ogni 150 km lungo la rete centrale TEN-T e in ogni nodo urbano che servirà sia i veicoli leggeri, comprese le autovetture, sia i veicoli pesanti.
Punti di ricarica ogni 60 km
Per i veicoli pesanti elettrici, devono essere forniti punti di ricarica lungo la rete centrale ogni 60 km, una potenza di almeno 1400 kW deve essere fornita entro il 2025 e 3500 kW entro il 2030. Sulla rete autostradale globale va assicurato in un punto di ricarica ogni 100 km rispettivamente entro il 2030 e il 2035. Allo stesso modo, devono essere previsti punti di ricarica nei parcheggi sicuri e protetti e nelle principali città e agglomerati sulla rete di trasporto transeuropea europea (nodi urbani) per consentire in particolare la ricarica dei camion per le consegne urbane. Le lacune nelle infrastrutture di rifornimento di GNL per i camion saranno colmate fino al 2025.
La Commissione indica che, mentre gli standard sulle emissioni di Co2 hanno fatto immettere sul mercato auto nuove e più pulite, “resta importante decarbonizzare i carburanti per il trasporto che servono la flotta esistente”. Di qui la proposta di creare un nuovo sistema di scambio di quote di emissione a livello Ue per l’industria della fornitura di carburante, che stabilirà un prezzo sulle emissioni di carbonio derivanti dal trasporto su strada e dal riscaldamento. combustibili. Questo sistema non si applicherà a livello del singolo utente del trasporto, ma a livello del fornitore di carburante in quanto soggetto che ha il controllo sul contenuto di carbonio fossile del carburante.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti