ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEurostat

Eurozona: Pil +0,6% nel secondo trimestre, +3,9% su anno

Corrette al ribasso le stime precedenti. Aumenta anche l’occupazione: +0,3% rispetto al primo trimestre e del 2,4% rispetto allo stesso periodo 2021

Fabbrica Kon-Plast

1' di lettura

Nell’Eurozona il Pil destagionalizzato è aumentato dello 0,6% nel secondo trimestre rispetto al primo di quest’anno e del 3,9% rispetto allo stesso periodo 2021. Lo rileva la seconda stima flash di Eurostat, che corregge lievemente al ribasso le indicazioni precedenti (rispettivamente +0,7% e +4%).

Nei Paesi Bassi il maggiore aumento: +2,6%

Nell’intera Unione europea, il Pil è cresciuto dello 0,6% rispetto al trimestre precedente e del 4% tendenziale (previsioni invariate rispetto alle stime già diffuse). Nel primo trimestre il Pil era cresciuto dello 0,5% congiunturale e del 5,4% tendenziale nell’Eurozona (+0,6% e +5,5% nella Ue). Tra i singoli Paesi di cui sono disponibili i dati, su base congiunturale i Paesi Bassi hanno registrato +2,6%, seguiti da Romania (+2,1%), Svezia (+1,4%), Ungheria (+1,1%) e Italia (+1%). Più indietro Francia (+0,5%) e Germania (invariata), in calo Lettonia (-1,4%), Lituania (-0,4%), Polonia (-2,3%) e Portogallo (-0,2%).

Loading...

Cresce l’occupazione

Nell’Eurozona il numero di occupati è aumentato dello 0,3% rispetto al primo trimestre e del 2,4% rispetto allo stesso periodo 2021. Lo rileva la nuova stima flash di Eurostat. Nell’intera Unione europea l’incremento è stato dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e del 2,3% su base annua. Nel primo trimestre dell’anno l’occupazione era salita dello 0,6% congiunturale e del 2,9% tendenziale nell’Eurozona (+0,5% e +2,8% nella Ue).

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti