Gestione

Fleet manager, priorità al taglio dei costi

di Vi.Co.

(aleksandar kamasi - Fotolia)

2' di lettura

Quali sono le direttrici su cui i fleet manager si stanno muovendo per affrontare il 2021, dopo un 2020 in piena emergenza? Una rilevazione di Econometrica aiuta a far luce sulle priorità per la gestione delle flotte nell’anno in corso. Al primo posto si colloca la possibilità di ottenere un risparmio nel TCO (Total Cost of Ownership e cioè costo totale di possesso ) che, in una scala da 1 a 10, ottiene una valutazione pari a 8,2; al secondo posto si trova “diminuire le emissioni dei veicoli in flotta”, con un punteggio di 7,5 e al terzo posto “rendere la gestione della flotta più aderente alle necessità degli utenti”, con una valutazione pari a 7,3. Le prospettive per il 2021 per ciò che riguarda il numero di veicoli in flotta vedono una prevalenza della stabilità: infatti il 53% degli intervistati ha dichiarato che nel 2021 il numero di veicoli in flotta resterà invariato. Ben il 38% degli intervistati ha dichiarato che ci sarà un aumento del numero di veicoli in flotta, mentre solo il 9% ha detto che ci sarà una diminuzione. All’insegna della stabilità sono anche il tempo di permanenza delle vetture in flotta (fisso da qualche anno a quota 48 mesi) e la percorrenza chilometrica media delle auto prima di essere sostituite (che va dai 130 ai 140mila km). Quanto alla composizione delle vetture che fanno parte della flotta per tipo di alimentazione, dalla rilevazione emerge che il primo posto è sempre del gasolio (86%), mentre le ibride hanno una quota del 6%, le auto a benzina sono al 5%, quelle a metano al 2% e quelle elettriche all’1%.

Venendo al tema della mobilità elettrica, la rilevazione evidenzia che è in crescita il chilometraggio medio annuale percorso dalle auto elettriche, passato da poco meno di 10mila km/anno nel 2017 al circa 15mila km/anno. La soddisfazione dei fleet manager che hanno auto elettriche in flotta per queste vetture è alta: su una scala che va da 1 a 10 gli intervistati che hanno dato un voto sufficiente o superiore alla sufficienza sono l’86%. Se ci si limita solo ai voti dall’8 al 10 si arriva al 54%.

Loading...

Ultima questione affrontata nella rilevazione è quella relativa alla consulenza. La possibilità di ricevere una consulenza mirata è diventata negli ultimi anni sempre più importante per i fleet manager, e di conseguenza anche per le aziende che forniscono prodotti e servizi in questo mercato. Per il 2021 questa tendenza si conferma, ma quali sono gli argomenti sui quali i fleet manager desiderano ricevere consulenza? Al primo posto c’è la questione fiscale. Al secondo posto c’è il calcolo del TCO, seguito a stretta distanza dalla valutazione dell'impatto ambientale dei veicoli che fanno parte della flotta. Ultima segnalazione è per la compilazione della car list.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti