Le regole in vigore dal 6 dicembre

Green pass, dai ristoranti alle palestre: dove serve il vaccino, dove basta il tampone e cosa resta libero

Con il nuovo decreto approvato dal Cdm, dal 6 dicembre per entrare in ristoranti al chiuso, cinema, teatri o discoteche sarà necessario essere vaccinati o guariti dal Covid. Anche in zona bianca. Il tampone basterà per andare al lavoro o in palestra. L’obbligo di tampone o vaccino è esteso anche su treni regionali, autobus e metropolitane

di Andrea Gagliardi

Aggiornato il 6 dicembre 2021, ore 09:00

Arriva il super green pass: cosa è e come si ottiene

3' di lettura

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge anti Covid (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 26 novembre) che introduce, tra l’altro, il cosiddetto Green pass «rafforzato», ovvero un certificato verde valido solo per le persone vaccinate o guarite dal Covid. Si applica in zona gialla e arancione a partire dal 29 novembre e per un periodo transitorio anche in zona bianca dal 6 dicembre al 15 gennaio. Ed è obbligatorio per accedere a «spettacoli, eventi sportivi, ristorazione al chiuso, feste e discoteche, cerimonie pubbliche». Vediamo quindi nello specifico per quali attività è necessario il green pass «rafforzato», per cosa basta il green pass «base» (e perciò sarà sufficiente anche un tampone antigenico o molecolare negativo) e quali attività restano libere, ossia senza necessità di certificato.

Coronavirus, ecco per chi scatta l’obbligo vaccinale

Dove e per cosa serve il super green pass (vaccinati e guariti)

A decorrere dal 6 dicembre in zona bianca (e dal 29 novembre in zona gialla - in pratica nel solo Friuli Venezia Giulia) alcuni luoghi della cultura, dello svago e del tempo libero sono accessibili solo a chi è vaccinato e guarito dal Covid. Per entrare in cinema, teatri, stadi e palazzetti dello sport , bar e ristoranti al chiuso, feste, discoteche e cerimonie pubbliche serve il green pass «rafforzato». In pratica il tampone non è più accettato, come succede ora. Salvo proroghe l’applicazione del super green pass in zona bianca è limitata al 15 gennaio.

Loading...

Stesse regole per il super green in zona gialla (in questo caso non è prevista scadenza temporale, come pure per il super green pass in zona arancione). Le discoteche restano aperte. E non vige più la norma dei quattro commensali al tavolo al ristorante. I limiti di capienza in zona gialla sono gli stessi della zona bianca: 100% per cinema e teatri; 75% per gli stadi e 60% per gli impianti sportivi al chiuso; 75% per discoteche all’aperto e 50% al chiuso.

Si allarga l’ambito di applicazione del super green pass in arancione . In questa zona non ci saranno più chiusure. Restano aperte tutte le attività che con la normativa vigente chiuderebbero. Ma sono accessibili solo con il super green pass, che rispetto alla zona bianca e gialla si estende quindi impianti sciistici, musei, fiere, convegni, centri termali, sale giochi, parchi tematici e di divertimento. Le capienze restano le stesse valide per la zona bianca e gialla (vedi sopra)

ATTIVITÀ CONSENTITE SENZA/CON GREEN PASS “BASE”/”RAFFORZATO” DAL 6/12/2021 AL 15/1/2022
Loading...

Dove e per cosa basta il green pass «base» (anche tampone)

Il green pass “base”, ossia il certificato verde che si ottiene anche con tampone antigenico o molecolare negativo resta confermato in zona bianca (e gialla) per accedere al luogo di lavoro (a parte quei settori nei quali è stato esteso obbligo vaccinale ossia personale scolastico, forze dell’ordine e comparto difesa), per salire sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza (treni ad alta velocità, intercity, aerei ecc) oltre che per accedere a palestre, piscine e attività sportiva al chiuso, nonché le feste per cerimonie civili e religiose (come matrimoni e comunioni). Ma anche musei, fiere, convegni, centri termali, parchi divertimento, impianti di sci. E dal 6 dicembre è esteso anche per: alloggiare negli alberghi e nelle altre strutture ricettive, accedere agli spogliatoi per l'attività sportiva, utiizzare i mezzi del trasporto ferroviario regionale e del trasporto pubblico locale ossia metropolitane, autobus e tram. Oltre che per i traghetti che fanno servizio nello stretto di Messina e di collegamento con le isole Tremiti

In zona arancione, invece, di fatto tutte le attività dello svago e del tempo libero saranno accessibili solo ai vaccinati e guariti.

Quali sono le attività che restano libere

In zona bianca e gialla resta libero l’accesso ai bar e ai ristoranti all'aperto. Non serve nessun tipo di certificato neppure per la consumazione al bancone del bar o per acquistare cibo o bevande da asporto. A chi non è vaccinato o guarito dal Covid e non vuole fare il tampone non resta che la possibilità di praticare sport all’aperto, dal tennis al calcetto (senza possibilità però di accedere a docce e spogliatoi degli impianti sportivi)

Resta confermato che non c’è bisogno di alcun certificato per fare shopping (a parte i centri commerciali nel weekend in zona arancione: serve il green pass “base”) o fare la spesa al supermercato o accedere ai servizi essenziali (uffici pubblici, farmacie, ecc)

Quando scattano le chiusure

Le chiusure scatteranno solo in zona rossa, dove le regole attuali non cambieranno. Quindi ci saranno il coprifuoco e le limitazioni agli spostamenti. Non solo. Le chiusure di bar, ristoranti, negozi, palestre, cinema, teatri e musei scatteranno per tutti, anche se vaccinati.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti