ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSfilate

Gucci porta la sua filosofia sotto la luna di Castel del Monte

Presentata sullo sfondo del castello voluto da Federico II, la collezione Cosmogonie firmata Alessandro Michele mescola filosofia e pop, con connessioni brillanti e si rinvigorisce di una nuova essenzialità

di Angelo Flaccavento

3' di lettura

La moda, nel breve termine, parla per iperboli sperticate. Incorona con facilità assoluta ed entusiasmo incondizionato i suoi geni e i suoi rivoluzionari. Poi la distanza storica fa il resto, e riequilibra. Sette anni di regno creativo e di successi stellari sono un periodo lunghissimo e insieme troppo breve per valutare l'operato di Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci, al di là dell'impresa, titanica e invero riuscita, di aver ricollocato Gucci nell'immaginario collettivo pop, diventando provider di camp e di intrattenimento.

Quel che è chiaro fino ad ora è che Michele non ha rivoluzionato le forme della moda, ma ne ha riscritto in modo permanente il racconto, influenzando l'intero sistema con una lingua affatto personale, citazionista e rizomatica, cangiante e nostalgica, profonda e superficiale, a sua volta facendosi influenzare dalla frammentazione inarrestabile e dall'antistoricismo del contemporaneo.

Loading...
Gucci porta la sua filosofia sotto la luna di Castel del Monte

Gucci porta la sua filosofia sotto la luna di Castel del Monte

Photogallery16 foto

Visualizza

Ne è perfetto esempio il sensazionale show con il quale Gucci, sotto un magico plenilunio e sullo sfondo di Castel del Monte, è tornato lunedì sera alla pratica, sospesa causa Covid per due anni, delle sfilate itineranti in location mai viste. La stagione della collezione? Non importa definirla, come non importa definire il sesso dei vestiti. Basta sapere che tutto ciò andrà in negozio a novembre.

Nel racconto di Michele, il luogo è sempre della massima importanza, e i posteri avranno un bel valutare l'impatto positivo di queste azioni inattese e appassionate sulle sperdute pro-loco di siti italiani e non. Poi ci sono i vestiti: un catalogo infinito di citazioni, anche recentissime, oppure distanti e lontanissime. La prima impressione, in uno show di Gucci, è di familiarità, almeno per gli affamati di moda: silhouette, forme, ma anche trucco e parrucco, rimandano ad un immaginario condiviso che va dalle riviste patinate alle subculture codificate alle miniature persiane o medievali, messi insieme con la sventatezza che solo un modaiolo ossessionata dall'immagine e dunque attento solo alla superficie può avere.

La seconda impressione, infatti, è di implacabile fuori registro: i pezzi noti sono congiunti facendo a meno della consecutio temporum, ignorando il momento storico cui appartengono, e nulla torna, ma in questo non tornare tutto funziona. L'effetto è una sorta di ubriachezza, che sposta l'attenzione, appunto, dalla forma del vestito all'assemblaggio, dal cosa al come. Nella riscrittura del racconto della moda, Alessandro Michele include la parola, che è alta e affabulante. Nelle note che accompagnano questa collezione si citano addirittura Hannah Arendt e Walter Benjamin, indicati come autori di un pensiero che crea costellazioni pescando perle nel mare magno dei libri e del pensiero esistente.

Se la riduzione di questi due pensatori a una idea citazionista è forzata, è invece efficace il filosofeggiare estremo che giustifica una pratica creativa molto libera e capace di connessioni brillanti. Nella notte stellata e sullo sfondo di un castello costruito su convinzioni numerologiche come un imbuto tra cielo e terra, il Gucci di Alessandro Michele, adesso, è vitale e teatrale come non mai, ma anche asciutto, verrebbe da dire secco, ed è questa la novità, minima ma di massimo peso. L'attenzione è posta tutta sul rapporto del vestito con il corpo, in un incessante scoprire, rivelare, snudare, ridisegnare le forme.

È geometrica l'insistenza sulle contrapposizioni di colori che ricordano le vesti dei giullari o le forme dei baldacchini. Gli anni Quaranta incontrano le gorgiere da castellana, i languori anni venti si congiungono alle cotte di metallo, il perbenismo borghese al feticismo sadomaso, in una visione che legge tutto, anche la storia, come presente, perché il tempo non è più lineare ma sincronico. È quanto fanno anche i Maneskin, che si esibiscono sul palco nell'after-party: travolgono ed entusiasmo, citando senza fine. La nozione di originalità, ormai, è definitivamente saltata per aria, ma anche questo è pensiero antico perché, si diceva, ex nihilo nihil.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti