SCOPERTE

L'eccellenza del fatto a mano: a Milano tre giorni di tour per conoscere le botteghe museo

Custodi di tesori architettonici, oggetti d'epoca e pezzi originali, le botteghe artistiche e artigianali si aprono al pubblico per raccontarsi. In tutta la città

di Caterina Maconi

La Libreria Bocca dal 1775. Nata come stamperia per Casa Savoia, la casa editrice Bocca ha pubblicato per prima autori del calibro di Nietzsche e Kierkegaard, ma anche Pellico e Lombroso. La sede di Milano ha aperto nel 1930, per ultima rispetto a tutte le altre ed è l'unica ancora attiva.

2' di lettura

Nelle nostre città sono nascosti luoghi custodi di memoria. Di fatti, avvenimenti, usanze che si sono susseguiti negli anni. Capita di passarci davanti ma inconsapevolmente, senza davvero sapere quale sia il loro tesoro. Sono le botteghe museo, storiche e affascinanti, che sono riuscite a tenere testa ai cambiamenti e continuano a partecipare alla frenesia quotidiano dei nostri giorni con il loro bagaglio di antichità.

Foto Veneta Ottica dal 1931.

A Milano ha preso forma un'iniziativa che punta a farle conoscere al pubblico. O meglio, a far conoscere quello che davvero rappresentano per la collettività, perché magari, senza saperlo, le frequentiamo già, ma ignoriamo la loro storia. Si chiama “Scopri le botteghe museo”, a cura di Elisabetta Invernici e Alberto Oliva, ed è legata al progetto Galleria&Friends, nato a ottobre 2019 per promuovere l'anima storica delle botteghe artistiche e artigiane di Milano e della Lombardia e il loro ruolo di presidio culturale.

Loading...

Viganò Alta Moda dal 1919.

Le botteghe museo si compongono di ambienti che vantano architetture e rifiniture originali, collezioni artigianali, oggetti d'epoca, pezzi autentici catalogati e custoditi in apposite teche, tributi al made in Italy: tutto è stato salvaguardato intatto nei decenni, senza mai essere messo in vendita e fa ormai parte del patrimonio familiare dei titolari. E ora viene condiviso con il pubblico in alcuni speciali appuntamenti che raccontano il loro percorso fino a oggi. L'evento prevede webinar, workshop e piccoli tour guidati per esplorare questi luoghi, dal 27 al 30 maggio. Gli stessi proprietari saranno a disposizione dei visitatori per raccontare la propria storia e spiegare i segreti dei loro mestieri.

La Gioielleria Merzaghi dal 1870.

Si parte giovedì 27 maggio con il webinar “L'imprenditore e il vate”, ovvero Giuseppe Visconti di Modrone e Gabriele D'Annunzio - tra le altre cose protagonisti della gioielleria lombarda di inizio Novecento -, che rivivono nelle creazioni di sette botteghe meneghine, con i contrappunti poetici di Antonio Zanoletti. Il giorno successivo, venerdì 28 maggio, iniziano i tour: si parte alle 15 con “Alleati di bellezza”, passando per Paride Parrucche dal 1937, per la Gioielleria Merzaghi dal 1870 e per Foto Veneta Ottica dal 1931. Il 29 maggio alle 11 è la volta del tour “Il gusto particolare”, che intercetta Viganò Alta Moda dal 1919, Foto Veneta Ottica dal 1931 e la Libreria Bocca dal 1775. Infine, domenica 30 maggio alle 11 c'è “Laboratorio d'eccellenza”, con una visita alle Vetrate Artistiche Grassi dal 1946.

Le Vetrate Artistiche Grassi dal 1946.

Tutte le informazioni sugli appuntamenti in programma si trovano sul sito: https://galleriaandfriendsmilano.com/.

Riproduzione riservata ©

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti