AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca e sfrutta l'esperienza e la competenza dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni. Scopri di piùDomenica il vertice

L’embargo al petrolio russo è uno tsunami, impatto imprevedibile anche per l’Opec+

Il bando alle importazioni e le misure accessorie (tra cui il price cap, fissato a 60 dollari al barile) avranno ripercussioni, ma è difficile valutarle se non a posteriori. Al prossimo vertice , in programma domenica 5 dicembre, l’Opec+ potrebbe prendere tempo

di Sissi Bellomo

(Afp)

4' di lettura

Uno tsunami sta per abbattersi sui mercati petroliferi. La Russia è responsabile del 10% della produzione globale di greggio ed è impossibile che l’embargo europeo non lasci conseguenze, a prescindere dall’efficacia o meno del price cap voluto dal G7. Il nodo delle trattative nella Ue si è sciolto venerdì sera, quando anche la Polonia ha accettato di convergere su un tetto a 60 dollari al barile, all’incirca in linea con le attuali valutazioni del greggio russo Ural. Ma questo non basta a fare chiarezza...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti