ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa questione energetica

L’Europa a caccia di carbone: ecco cosa succede con l’embargo alla Russia dal 10 agosto

Da mercoledì stop alle forniture da Mosca: l’Ue deve cercare altrove 40 milioni di tonnellate di materiale a prezzi che oggi sono il triplo di un anno fa. E il fabbisogno cresce

di Sissi Bellomo

Ucraina, il lavoro in una miniera nell'oblast di Donetsk

4' di lettura

È il combustibile più inquinante, il primo di cui l’Europa vorrebbe liberarsi. Ma del carbone oggi abbiamo disperatamente bisogno: ne consumiamo sempre di più, pagando cifre record pur di alimentare le nostre centrali, divenute indispensabili per evitare blackout. Riuscire a rifornirci tuttavia sta diventando una sfida difficile.

Dal 10 agosto entra in vigore l’embargo alle forniture dalla Russia, deciso lo scorso aprile dall’Unione europea. A quel punto uscirà di scena quello che era il nostro maggior...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti