Shopping verde

La bellezza che ama il pianeta: dagli eyeliner che si piantano al pack di miceli

Le start up puntano sulla sostenibilità con prodotti attenti all'impatto ambientale che usano principi attivi riciclati, formule in polvere, contenitori eco

di Alexis Paparo

3' di lettura

La capacità di testare velocemente soluzioni innovative sul mercato grazie al digitale sta vedendo nascere molte nuove giovani imprese della bellezza, interessanti anche per i leader del settore. Come nel caso del brand indie di skincare biocompatibile Drunk Elephant, acquisito dal gruppo Shiseido e in vendita in Italia negli store Sephora.

Un gesto di bellezza fra i più comuni - applicare l'eyeliner – diventa un'azione di cura del pianeta. La danese Sprout, nota per le sue matite da disegno piantabili, ha lanciato in tre Paesi, fra cui l'Italia, il primo eyeliner al mondo che si trasforma in fiori selvatici, amatissimi dalle api. Senza microplastiche, contiene solo ingredienti naturali: basta metterla a testa in giù in un vaso con del terriccio quanto diventa troppo piccola per essere utilizzata e aspettare che fiorisca.

Loading...

Upcycling applicato agli ingredienti e nuovi packaging sono tra le tendenze del momento. La newyorkese Loli utilizza come ingredienti superfood dell'industria alimentare non diluiti e i suoi imballaggi sono in vetro, miceli e canapa riciclata, etichette comprese. Lʼinglese UpCircle, le cui formule derivano da ingredienti naturali risultato di altri processi produttivi come i fondi di caffè esausti, ad aprile ha lanciato un servizio refill per tutti i suoi prodotti. Un mantra, quello del refill, a cui è molto attento Susanne Kauffman: a marzo ha introdotto un sistema di ricariche basato su The Simple One, la confezione realizzata per il 75 per cento in plastica da post-consumo completamente riciclabile. Grazie al peso molto ridotto rispetto a un flacone in plastica standard (fino al 60 per cento in meno), il nuovo packaging consentirà di ridurre le emissioni di Co2 generate durante il processo produttivo e in fase di trasporto.

Anche Alm Botanicals si caratterizza per una ricerca sia nelle materie prime sia nel packaging che mette al centro l'essenziale. Per il brand, fondato dalle 35enne trentina Maddalena Zanoni, che per perseguire la sua passione per l'erboristica ha abbandonato una carriera da manager di multinazionali, l'essenza è nei fiori e nelle piante delle Dolomiti - che attivano metaboliti difensivi antiossidanti per evitare la rapida degradazione cellulare legata all’ambiente ostile dell’altitudine - declinati come prodotti beauty (fra cui spicca l'olio anti-aging, detox o idratante) e tisane.

Le formulazioni sono molto concentrate, ne bastano pochissime gocce: una scelta che diminuisce anche il volume del packaging, realizzato con materiali riciclati e riutilizzabili (la plastica è ridotta al minimo, solo 1,5 per cento del pack totale per il contagocce, la ghiera è in plastica riciclata e la pompetta in gomma naturale, sono poi utilizzati vetro, carta riciclata e legno). Viene eliminata completamente l'acqua, riducendo il peso totale, e aboliti i conservanti.

La produzione rispetta la stagionalità e la quantità di quanto disponibile in natura. Tutto è “locale” e in edizione limitata: viene utilizzato solo il raccolto dell'anno, seguendo i cicli naturali.

Nota soprattutto per il prosecco, la cantina Villa Sandi produce anche rossi. Così è nata l'idea di realizzare una linea cosmetica derivata dall'estrazione dei polifenoli contenuti nelle vinacce, considerate scarto della produzione vinicola. Tra i nuovi prodotti anche l'Olio di Giove, una combinazione di ingredienti naturali fra cui spicca l'olio essenziale di rosa damascena. Preziosissimo: per distillarne un litro servono 3mila kg di petali. Anche l'azienda piemontese Barò Cosmetics basa la sua linea dall'estrazione dei polifenoli contenuti nelle vinacce e nei semi d'uva biologica coltivata a Barolo.

Interessante, nel campo degli imballaggi, la soluzione della startup svedese Lifelong: produrre detergenti per il corpo e haircare in polvere che il consumatore mixa con acqua a casa propria prima di utilizzarli. Consegnati in packaging biodegradabile così leggero e sottile da essere infilato nella cassetta della posta, hanno un impatto ambientale ridotto del 94 per cento perché 40 grammi di formula si traducono in 474 ml di prodotto finito.

Riproduzione riservata ©

loading...

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti