ambiente

La commissione Via cambia presidente. Atelli al posto di Boeri

L’insediamento dell’organismo di esperti era avvenuto in maggio. Il nuovo presidente è un magistrato con esperienza nelle istituzioni ambientali

di J.G.

Il momento dell'insediamento della commissione Via il 25 maggio scorso. A destra, il ministro Sergio Costa (Ministero dell’Ambiente)

1' di lettura

Neanche il tempo di soffiar via il velo di polvere posata su centinaia di fascicoli, e già cambia il vertice della commissione Via , la commissione di 40 esperti del ministero dell’Ambiente che esprime la valutazione dell’impatto ambientale dei progetti, delle infrastrutture e dei grandi impianti.

Luigi Boeri, ingegnere, si è dimesso dall’incarico di presidente della commissione insediata in maggio.
Al suo posto è stato scelto Massimiliano Atelli, magistrato della Corte dei conti, esperto di amministrazione ambientale, attivo in diverse istituzioni ambientali e promotore di iniziative di tutela dei beni naturali come il Comitato per lo sviluppo del verde pubblico. Rimane confermato il direttore generale Oliviero Montanaro.

Loading...

La commissione Via era stata scelta con un bando pubblico per sostituire gli esperti che furono nominati dalla ministra Stefania Prestigiacomo ai tempi remoti del Governo Berlusconi.
Nell’agosto 2019 il ministro Sergio Costa aveva chiuso la selezione dei 1.200 curriculum, tra i quali aveva prescelto Boeri all’incarico di presidente.
Dopo nove mesi, il 25 maggio la commissione si è insediata: «Opererà per assicurare lo sviluppo economico del Paese — aveva annunciato il ministro Costa — nel rispetto della tutela dell’ambiente e dei valori ecosistemici».

Non c’è solamente il cambio del vertice. Di recente, dalla commissione si sono dimessi alcuni componenti.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti