ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

Borse europee frenano sul finale, Wall Street in chiusura evita la fase «Orso». Spread a 204

L'S&P500 è sceso del 20% al di sotto dei massimi di periodo ma in chiusura è risalito. A Piazza Affari bene Nexi, debole Cnh. Lusso sotto pressione in tutta Europa sulla scia del tonfo di Richemont

di Paolo Paronetto

Aggiornato alle 15:35

La Borsa, gli indici del 20 maggio 2022

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Si spegne sul finale della seduta il tentativo di rimbalzo dei listini europei innescato dalla decisione a sorpresa della banca centrale cinese di tagliare i tassi a cinque anni per aiutare il settore immobiliare e l'intera economia. Gli indici continentali hanno progressivamente perso la spinta dell'avvio e hanno chiuso vicini alla parità nell'ultima giornata di una settimana già negativa, tornando a concentrarsi sui timori legati in primo luogo alla stretta di politica monetaria e ai lockdown cinesi per fronteggiare la diffusione del coronavirus. A Piazza Affari, dove lo spread Btp-Bund è tornato sopra i 200 punti base, il FTSE MIB ha segnato sul finale +0,12%. Dopo un avvio positivo è tornata a scendere anche Wall Street, dove l'S&P 500 prima è entrato ufficialmente in una fase di mercato "orso", ovvero in calo di almeno il 20% da un recente picco - in questo caso toccato con il record registrato a gennaio - ma poi ha chiuso poco sopra la parità, riducendo il calo dai recenti massimi al 18 per cento. Contrastata quindi la chiusura di Wall Street, con il Dow Jones che guadagna lo 0,02% a 31.260,58 punti, mentre il Nasdaq perde lo 0,03% a 11.354,62 punti ed entra in fase “Orso”.

Tra i titoli milanesi a maggiore capitalizzazione, Nexi ha messo a segno un recupero consistente dopo aver toccato negli ultimi giorni i minimi da oltre due anni. Bene anche Inwit ed Enel, mentre ha sofferto il settore del lusso, colpito in tutta Europa dal tonfo di Richemont (-13%) a Zurigo. Il gruppo elvetico ha risentito della redditività inferiore al previsto nell'esercizio 2021-2022 e delle prospettive sull'anno in corso, che risentirà del rallentamento dell'economia cinese. Moncler ha così perso terreno. Male anche Saipem e soprattutto Cnh Industrial.

Loading...
Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Gli investitori monitorano, nel frattempo, le evoluzioni della crisi Ucraina tra tentativi di dialogo e il via libera del Senato Usa ad aiuti militari e umanitari a Kiev per 40 miliardi di dollari. In assenza di dati macroeconomici di particolare rilevanza, le Borse hanno provato ad arginare i timori che hanno contraddistinto le ultime sedute: la frenata economica, la caduta degli utili e dei margini delle aziende a causa della corsa dell'inflazione. E intanto la Commissione europea si dice pronta ad allungare fino a 2023 lo stand by del patto di Stabilità.

A Milano il rimbalzo di Nexi, soffre Saipem

Sul listino principale milanese, sotto i riflettori Stellantis nel giorno della presentazione del piano strategico di Lancia. Acquisti anche sulle utility, con Enel ed Hera, e sul settore sanitario con Recordati. Rialzo inferiore all'andamento dell'indice per Diasorin che ha ottenuto la marcatura CE del test Aries Flu A/B & RSV+SARS-CoV-2 per l'identificazione e la differenziazione dei quattro virus respiratori più diffusi e delle infezioni da essi generate. Debole la compagnia Generali che ha chiuso senza particolari squilli (+0,5%) la giornata di presentazione dei conti trimestrali. In rosso Saipem.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

Euro sopra 1,05 dollari, poco mosso il petrolio

Sul mercato dei cambi, l'euro ritraccia nei confronti del dollaro pur restando sopra quota 1,05: il cambio si attesta a 1,0555 da 1,0591 ieri in chiusura dopo aver toccato i massimi da un mese. Euro/yen a 134,94 (da 134,91), dollaro/yen a 127,86 (da 127,38). Poco mosso il prezzo del petrolio a 112,27 dollari al barile per il Brent luglio (+0,21%) e a 109,94 (+0,05%) dollari per il Wti luglio. Gas naturale in calo del 4,4% in Europa a 87 euro al megawattora.

Andamento dello spread Btp / Bund
Loading...

Spread chiude a 204 punti, rendimento al 2,9%

Chiusura in forte rialzo per lo spread tra BTp e Bund che, a metà seduta, ha registrato una forte accelerazione tornando a superare la soglia dei 200 punti base. Ad innescare il rialzo la risalita dei rendimenti dei bond dell'Eurozona. Al termine degli scambi il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark e il pari scadenza tedesco è indicato a 204 punti base dai 195 punti registrati al closing di ieri. Il rendimento del BTp decennale benchmark, salito al 3% a meta' seduta, ha chiuso al 2,99% dal 2,89% del finale della vigilia.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave del giorno? Appuntamento quotidiano con la redazione Finanza e Risparmio che cura il podcast quotidiano “Market mover”. Ascolta il podcast
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti