INVENTORI

Macchine volanti e macchine del tempo: un pioniere dell'aviazione e un'amicizia leggendaria

Uno era Alberto Santos-Dumont, il geniale progettista di dirigibili e aeroplani. L'altro Louis Cartier. Così nasce un orologio-icona la cui storia continua ancora oggi.

di Paco Guarnaccia

Il grande pioniere dell'aviazione Alberto Santos-Dumont.

3' di lettura

Viviamo in un'epoca in cui tutto si muove così velocemente che appare difficile passare alla storia. I progressi fatti dall'uomo negli ultimi 30 anni sono stati qualcosa di inimmaginabile e, a parte il poter viaggiare su automobili volanti alla Blade Runner o astronavi spaziali alla Star Wars, possiamo fare cose che prima si vedevano solo al cinema o si leggevano su libri e fumetti di fantascienza. Insomma appartenevano ad un campo a completo appannaggio della fantasia. Una di quelle persone che ha contribuito ad arrivare dove siamo oggi, con la sua intraprendenza e la sua indole pionieristica è stata Alberto Santos-Dumont. Brasiliano nato in una piccola cittadina a 220 km da Rio de Janeiro, che in seguito verrà ribattezzata con il suo nome (e non sarà l'unica), si è ritagliato il suo posto nella storia progettando e volando su aeroplani e dirigibili, tanto da essere considerato come il padre dell'aviazione. Tra le tante imprese, in Francia il 12 novembre del 1906 è stato in grado con far decollare autonomamente il velivolo da lui creato, il 14-Bis, segnando così, secondo le norme della Fédération Aéronatique International (fondata l'anno precedente), il primo volo riconosciuto di 220 metri (quello del 1903 del Flyer dei fratelli Wright aveva avuto bisogno, per il decollo, di una sorta di catapulta). Di chi fosse o meno il primato, quello che conta è che Santos-Dumont non si è mai fermato. Ed è diventato una star e un'icona di stile intramontabile: per il look (quello cosiddetto dandy gli deve moltissimo) e perché il suo amico Louis Cartier per permettergli di leggere l'ora in volo, creò per lui, di fatto, il primo orologio da polso maschile della storia.

Da sinistra, Santos-Dumont “LeBrésil” (100 i pezzi in platino, 14.100 euro); il Santos “La Baladeuse” (300 pezzi in oro giallo, 14.100 euro); il Santos-Dumont “14-Bis” in acciaio e oro (500 esemplari).

Un orologio che ha un'aura speciale, e non solo per questo motivo. Infatti, in seguito ha preso il nome del celebre pioniere e negli anni ha continuato la sua strada diventando una collezione, ritagliandosi un posto d'onore all'interno della maison parigina, ma anche nella storia stessa delle lancette. Il suo design inconfondibile con la cassa quadrata dagli angoli arrotondati e la lunetta con viti a vista (a richiamare la fusoliera degli aerei) è un marchio di fabbrica riconoscibile immediatamente.

Loading...

In uno special pack che contiene un paio gemelli è venduto il Santos-Dumont “La Demoiselle” in 30 pezzi. Prezzo su richiesta

Ecco dunque che Cartier ha deciso di realizzare dei nuovi modelli di questa prestigiosa linea. A cominciare da quattro pezzi in edizione limitata. Il Santos-Dumont “Le Brésil” ha una cassa in platino e la corona di carica decorata con un rubino. Realizzato in soli 100 esemplari, questa versione mostra sul fondello l'incisione che richiama il disegno della mongolfiera Brasil, il primo areostato che il geniale inventore realizzò nel 1898. Sono 300 i modelli con cassa in oro giallo con uno zaffiro cabochon sulla corona del Santos-Dumont “La Baladeuse”, dal nome del piccolo dirigibile monoposto (visibile sul retro) sul quale dall'alto l'aviatore ammirò i tetti di Parigi nel 1903. L'incisione sul retro del Santos-Dumont “14-Bis”, in 500 esemplari, con cassa in acciaio, lunetta in oro e quadrante grigio, è dedicata invece all'aeromobile con il quale il 23 ottobre 1906 Santos-Dumont vinse la coppa Archdeacon compiendo il volo di 220 metri di cui sopra. Questi tre modelli hanno tutti la stessa dimensione della cassa di 43,4 mm x 31,4 mm, che aumenta a 46,6 mm x 33,9 mm nell'ultima serie limitata a soli 30 pezzi: il Santos-Dumont “La Demoiselle” che richiama il velivolo a motore più grande mai realizzato dall'aviatore/inventore nel 1908, con cassa in platino e rubino cabochon, venduto solo in un cofanetto in legno laccato, dentro al quale ci sono anche dei preziosi gemelli e un astuccio per orologio in pelle di alligatore.

Il grande pioniere dell'aviazione Alberto Santos-Dumont. Per lui, l'amico Louis Cartier creò un orologio diventato leggendario.

Oltre alle special edition, sono stati lanciati anche dei Santos-Dumont XL senza limitazioni di tiratura, con la cassa dalle stesse dimensioni importanti del modello “La Demoiselle”: una prima versione in oro rosa, una seconda in acciaio e oro e una terza in acciaio. Tutte queste nuove creazioni montano lo stesso motore: il calibro manuale di manifattura 430 MC con riserva di carica fino a 38 ore.

Riproduzione riservata ©

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti