ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùConsumatori

Meno prodotto ma prezzo più alto, faro Antitrust sulla «shrinkflation»

L’Autorità Garante della concorrenza e del mercato: in assenza di un’adeguata avvertenza sull’etichetta possibile pratica commerciale scorretta

NielsenIQ: inflazione retail al 6% a fine anno, e la spesa cambia

2' di lettura

Nell’impegno dell’Antitrust per tutelare i consumatori italiani da potenziali danni da pratiche commerciali scorrette rientra ora l’attenzione “Shrinkflation”, tecnica di marketing, segnalata ultimamente da stampa e utenti, attraverso cui le aziende riducono la quantità di prodotto nelle confezioni, mantenendo i prezzi sostanzialmente invariati.

Richiamato dalla commissione d’inchiesta sulla tutela dei consumatori e degli utenti per rispondere ad alcune ulteriori domande dopo il recente intervento del presidente dell’Antitrust Rustichelli, il direttore generale per la tutela del consumatore, Giovanni Calabrò, ha illustrato alcuni dei punti della strategia di difesa degli utenti. L’Antitrust, ha detto, «è ben al corrente» della shrinkflation e «sta monitorando il fenomeno» per «verificare se possa avere rilevanza ai fini dell’ applicazione del Codice del Consumo, con particolare riferimento alla disciplina in materia di pratiche commerciali scorrette».

Loading...

Il problema della trasparenza

Stampa e consumatori hanno lanciato più volte l’allarme sul “restringimento” delle confezioni di prodotti soprattutto alimentari e per l’igiene della casa. Il problema, secondo il responsabile dell’Antitrust, non è la riduzione in sé della quantità di prodotto contenuta nella confezione, decisione aziendale prima facie legittima, ma la trasparenza di tale modifica nei confronti del consumatore. «In questo senso - spiega - condotte quali la diminuzione della quantità di prodotto a parità di dimensioni della confezione, in assenza di un’adeguata avvertenza sull’etichetta frontale, potrebbero essere ritenuti meritevoli di approfondimento».

Le reazioni dei consumatori

Accolgono con favore la presa di posizione dell’Autorità le associazioni dei consumatori: «Speriamo che l’Antitrust condanni queste aziende e non si limiti alla moral suasion», afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, mentre Carlo Rienzi del Codacons segnala che la shrinkflation «determina un’inflazione occulta a danno dei consumatori e svuota i carrelli della spesa».

Il teleselling

Tra gli altri ambiti delicati e a rischio danno per gli utenti Calabrò ha segnalato il fenomeno del teleselling da parte delle aziende energetiche, con numero di segnalazioni all’autorità che registra dati molto elevati ed in costante crescita e che «rappresenta sicuramente il principale ambito di doglianza dei consumatori». Basti pensare che nel 2021 l’Autorità garante ha ricevuto complessivamente circa 1.200 segnalazioni, con l’ultimo trimestre che ha registrato un +20% rispetto al precedente. A cui si aggiungono poi già 379 segnalazioni nel primo trimestre 2022, ancora in leggera crescita rispetto al trimestre precedente. Da non dimenticare poi quello che accade con le multe stradali per le quali oltre ai costi di notifica stabiliti per legge si aggiungono i costi di accertamento dell’infrazione per i quali non esistono criteri oggettivi di quantificazione fissati dal legislatore «e ogni ente agisce secondo la sua piena discrezionalità, spesso perpetrando evidenti abusi». Con somme che partono dai 2,5 euro per arrivare addirittura a 10 euro.

Dopo che nel 2021 l’Antitrust ha irrogato un totale di 88 milioni e passa di multe per condotte a danno dei consumatori (oltre 27,5 milioni di euro dei quali al settore informatico e 17 milioni alle aziende dei trasporti), Calabrò è tornato tuttavia a chiedere «che le sanzioni in materia di pratiche commerciali scorrette e consumer rights vengano aumentate», per aumentarne a tutti gli effetti il potere deterrente.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti