ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAste

Mercato stabile per l’arte moderna e contemporanea fra Londra e Parigi

Maratona televisiva pomeridiana da Christie's. Monet e Yves Klein guidano i realizzi. Koons venduto per aiutare la causa Ucraina. Speculazione sulle giovani artiste a prezzi stabilmente elevati

di Giovanni Gasparini

CLAUDE MONET (1840-1926). Waterloo Bridge, effet de brume. Aggiudicato 30.059.500 £ (stima 22-32 milioni £)

4' di lettura

Perché andare fino a Londra quando si può comodamente addormentarsi sul divano di casa seguendo cinque ore dello spettacolo televisivo più noioso possibile?
Si tratta della maratona proposta da Christie's nelle sue sedi di Londra e Parigi (potrebbe anche trattarsi di uno studio televisivo di Cologno Monzese e non cambierebbe nulla..): litanie di rilanci al telefono con misteriosi clienti per vendere un totale di 97 lotti sui 106 proposti (dopo i ritiri) in tre cataloghi separati.
Il risultato totale in sterline è di 203,9 milioni (stima 145-220 milioni senza commissioni), inclusi 9,7 milioni di £ (stima 6,5 milioni) per i primi 20 lotti di Marc Chagall provenienti direttamente dalla sua eredità (tutti venduti, 18 oltre le stime) e 15,3 milioni di euro per la componente finale trasmessa da Parigi, con 25 lotti rimasti dopo i ritiri di cui tre invenduti.
A fare la parte del leone è stata quindi la tradizionale componente londinese di arte moderna e contemporanea con 181 milioni di realizzo per 61 lotti proposti e sei invenduti.
Complessivamente circa un terzo dei lotti dell'asta è stata consegnata protetta da garanzie, che si sono però spesso rivelate non strettamente necessarie.

Marc Chagall (1887-1985). «Le peintre et les mariés aux trois couleurs»; aggiudicato 1.602.000 £ (stima 1-2 milioni £)

L'arte moderna nel catalogo londinese

Un terzo del realizzo è dovuto a due opere impressioniste di Claude Monet, entrambe aggiudicate allo stesso risultato di 30 milioni di £: una classica veduta del ‘Waterloo Bridge, effet de brume' dipinta nel soggiorno inglese del 1899-1904 e garantita alla stima di 22-32 milioni di £, e una delle famose ‘Nympheas' di Giverny del 1907 tela verticale di un metro, già parte della collezione Onassis, anch'essa inutilmente garantita alla stima di 20-30 milioni. Ottimi risultati anche un lavoro surrealista di Magritte ‘Souvenir de voyage' piccola tela del 1962-63 raffigurante la caratteristica mela in un paesaggio lunare, venduta due volte negli ultimi 10 anni, che ha triplicato la stima garantita di 5-7 milioni per fermarsi a 16 milioni di £. Supera la stima con le commissioni anche un dipinto di Leonora Carrington ‘Ferret Race' a 1,4 milioni di £, mentre un lavoro di Delvaux resta invenduto.

Loading...

Claude Monet «Nymphéas, temps gris», 1907, olio su tela 100,2 x 73,2 cm, aggiudicato per 30.059.500 £

Fra i realizzi milionari anche il nuovo record per una scultura di Barbara Hepworth, ‘Hollow form with white interior' in legno dipinto, lavoro unico del 1963 di un metro d'altezza che sfiora la stima alta di 4-6 milioni fermandosi a 5,8 milioni quindi rendendo inutile la garanzia. Finisce invece con ogni probabilità al garante la grande composizione ‘Nero Plastica L.A.' di Alberto Burri dello stesso anno, che passa di mano a 6,6 milioni con le commissioni da una stima di 6-9 milioni di £. Un lavoro di Yves Klein del 1960 di oltre tre metri per uno e mezzo della famosa serie delle ‘Anthropometrie de l'epoque bleue (ANT 124)' con ben otto impronte di corpi femminili dipinte con il famoso colore blu patentato IKB su un campo azzurro sfumato, raggiunge 27,2 milioni da una stima a riserva e garantita. Un altro Chagall ‘Le cheval blue' del 1948 è aggiudicato a 4 milioni entro la stima di 3-5 milioni di £, mentre un secondo lavoro ‘Bestiaire et musique' resta invenduto da una stima di 2,8-3,8 milioni.

Jeff Koons «Balloon Monkey (Magenta)»,381 x 320 x 596,9 cm.), 2006-2013, è la prova dell’artista e una delle cinque versioni uniche (Red, Magenta, Blue, Yellow, Orange), aggiudicato per 10.136.500 £ (stima 6 -10 milioni di £)

Arte contemporanea fra Koons e nuove leve

A guidare la parte contemporanea del catalogo una scultura di Jeff Koons ‘ Balloon Monkey (Magenta)' donata dai miliardari collezionisti ucraini Pinchuk in favore delle operazioni umanitarie nel paese distrutto dalla invasione russa. L'enorme struttura da esterni in alluminio dipinto ha portato 10 milioni di £, alla stima massima. Raddoppia la stima di 4-6 milioni un autoritratto del 1982 di Jean-Michel Basquiat aggiudicato a 8 milioni di £, mentre un secondo lavoro su carta del 1984 raffigurante l'amico artista Keith Haring si ferma alla stima bassa di 1,2 milioni. Il catalogo proponeva come primi sette lotti lavori recenti di sei artiste (di cui tre nate negli anni ‘90), tutti aggiudicati oltre le stime alte con le commissioni, e un uomo afroamericano Derek Fordjour che si ferma a 240mila £ entro la stima di 150-300mila £ grazie alle commissioni. Simone Leigh realizza 725mila £ grazie alla spinta del premio vinto in Biennale a Venezia, mentre Lucy Bull con un lavoro del 2018 sfiora 280mila £ da una stima di 60-80mila. Rachel Jones ottiene 400mila £ dalla tela a colori acidic ‘Spliced Structure' mentre la corsa milionaria del ‘tocco magico di Gagosian' Anna Weyant sembra finalmente calmarsi un poco pur sempre a 400mila £ da una stima di 150-250mila £ col ritratto ‘Ingrid with flowers' del ‘lontano' 2020, che ricorda le peggior imitazioni fatte da Van Meegeren. Rimane al palo invece un dipinto dal tema erotico di Cecily Brown, altra ‘creatura' di Gagosian precedente regina della speculazione, da una stima di 1-1,5 milioni.

Simone Leigh (B. 1967). «Untitled V» (Anatomy of Architecture series). Aggiudicato 724.500 £ ( stima 300-500.000 £)

L'asta parigina

Per alleggerire un'asta di ‘solo' 81 lotti, si è pensato bene di terminare la maratona con un catalogo di 25 lotti venduti a Parigi. Si tratta per lo più di artisti francesi del secondo ‘900 o comunque stranieri ma legati all'arte informale di quel periodo, come il giapponese Shiraga che rimane però invenduto da una stima di 1,2-1,8 milioni di euro. Fra gli italiani resta al palo un lavoro di Francesco Lo Savio monocromo giallo (stima 350-500mila €), mentre passano di mano sotto le stime due sculture rispettivamente di Fausto Melotti e Arnaldo Pomodoro.

Pierre Soulages, «Peinture 143 x 202 cm, 4 décembre 1970. Aggiudicato 2.082.000 euro (1,5 -2 milioni euro)

Guidano i realizzi due opere che superano la soglia dei 2 milioni, il 93enne Pierre Soulages con un lavoro del 1970 a campi neri e marroni di oltre due metri, e una spugna rosa di Yves Klein. Risultati oltre il milione di euro anche per Riopelle con un lavoro astratto che si ferma a 1,4 milioni da una stima di 1-1,5 milioni e Jean Helion con la tela ‘L'escalier' che raddoppia la stima alta a 1,1 milioni. Complessivamente le aste da Christie's hanno confermato un buono stato di salute del mercato nonostante l'instabilità economica e politica, forse grazie alla spinta dell'inflazione, superando la battuta di arresto della settimana precedente a Hong Kong.

Yves Klein (1928-1962). «Anthropométrie de l'époque bleue, (ANT 124)», aggiudicato 27.197.000 £ (stima a richiesta)

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti