ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùFintech

Nexi risale dai minimi di 3 anni, ma la trimestrale non ha dato la scossa

Rimbalzo consistente per le azioni della società che negli ultimi giorni erano tornate ai minimi da maggio 2019

di Andrea Fontana

(13693)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Rimbalzo consistente per le azioni Nexi che negli ultimi giorni erano tornate ai minimi da oltre due anni: in una giornata di acquisti trasversali ai vari settori sui listini azionari, le azioni del gruppo dei sistemi di pagamento guadagnano oltre il 6% e tornano sopra i 9 euro mentre anche il concorrente francese Worldline sale del 4% a Parigi. I risultati trimestrali diffusi la scorsa settimana da Nexi, che hanno evidenziato un incremento del 7,1% dei ricavi e del 17,4% del margine operativo lordo insieme alla conferma della guidance 2022, non sono stati sufficienti per far ripartire il titolo nelle ultime sedute e la performance da inizio anno era di -40% alla chiusura del 19 maggio (nel comparto -22% Worldline e Mastercard).

Per analisti «scenario macro fa temere per i consumi»

Gli analisti di Barclays, dopo la conferma della guidance di +7-9% per i ricavi 2022 da parte della società, hanno evidenziato che nel terzo trimestre 2021 Nexi aveva realizzato una forte performance sul 2019 e che quindi è necessaria nei prossimi mesi una forte accelerazione per poter raggiungere gli obiettivi stimati: Barclays stima un incremento annuo dei ricavi nella parte bassa dell'intervallo previsto dalla società, mentre aspetta il Capital Market Day di settembre per vedere le proiezioni del management sul medio termine. Secondo Mediobanca Securities, lo scenario macroeconomico più debole che fa temere per i consumi e quindi per i pagamenti dovrebbe essere compensato dai fattori strutturali favorevoli per Nexi: il trend di lungo termine della digitalizzazione dei servizi pagamento in Italia, il ritorno alla piena normalità dei consumi dopo le restrizioni per il Covid e le sinergie derivanti dal consolidamento di Sia. Intanto si attende entro il 31 maggio la conclusione delle trattative con Bper per definire i nuovi accordi commerciali tra i due gruppi.

Loading...


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti