L’intesa DEL 1939

Molotov-Ribbentrop, 80 anni fa la firma su un patto «innaturale»

Il 23 agosto 1939, la notizia della firma del trattato tra la Russia sovietica e la Germania nazista

di David Bidussa


default onloading pic
Mosca, 23 agosto 1939. La firma del Patto Molotov-Ribbentrop (Marka)

2' di lettura

Il 23 agosto 1939, la notizia della firma del trattato Molotov-Ribbentrop, ovvero tra Russia sovietica e Germania nazista, e poi le foto cordiali tra il ministro degli Esteri della Germania nazista e il gruppo dirigente sovietico, con Stalin dietro a controllare che la firma ci fosse per davvero, segnano per molti aspetti un “prima” e un “dopo”. Ma è anche vero che, perché quella scena diventasse uno spartiacque, ci vollero molti anni.

Ventidue mesi dopo (il 22 giugno 1941) quel patto si romperà in conseguenza dell'invasione tedesca, le alleanze si rovesceranno e tutto sembrerà ritornare al suo posto. A lungo la firma di quel Trattato sembrerà una parentesi, un'interruzione della storia che riprendeva il suo corso naturale.

Forse può sorprendere, oggi, dire che quell'atto - per quanto scioccante - non segnò immediatamente una distanza incolmabile. Non lo fu per i democratici impegnati in guerra. Perché questo accada occorre sapere che non ce la si può fare da soli contro chi si percepisce come l'avversario irriducibile della propria idea di civiltà. In questa condizione non erano le democrazie europee nel 1939. Lo si sarebbe visto e percepito con chiarezza dieci mesi dopo, nel giugno 1940, sulla spiaggia di Dunkerque, mentre abbandonavano il continente alle armate vincenti dei totalitarismi.

Così il ritorno dell'Urss dalla loro parte nel giugno 1941 e, con l'Urss, del movimento comunista internazionale che in quei 22 mesi era stato al più neutrale, se non entusiasta dell'alleanza con la Germania nazista, sembrava ristabilire l'ordine naturale delle cose. Così fu accolto.

La scena del patto aveva sancito una doppia immagine: da una parte l'Urss come paese-guida del e sul movimento comunista; dall'altra i comunisti europei, consenzienti per la gran parte (solo pochi non condivideranno quella decisione: nel comunismo italiano, la figura più emblematica fu Leo Valiani; in quello francese, lo scrittore Paul Nizan), confermavano la loro immagine di “obbedienti”.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...