CONTENUTO PUBBLICITARIO

Piani di migrazione e soluzioni per ecosistemi complessi: i punti chiave di Corvallis per rendere sicura la digital transformation delle imprese anche nel contesto internazionale

3' di lettura

Il messaggio dalle istituzioni arriva chiaro. Nello scenario attuale, è fondamentale compiere azioni per mitigare il rischio cyber e garantire una strategia di sicurezza digitale a protezione degli asset critici.

In particolar modo, come delineato nel decreto dello scorso marzo e approfondito nella circolare attuativa emessa dall'Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale, la Pubblica Amministrazione deve diversificare prodotti e servizi tecnologici di sicurezza informatica per contrastare l'incremento di rischi determinato dall'attuale contesto di crisi internazionale.

L'impatto di questo scenario coinvolge, però, tutti gli attori del tessuto economico italiano: imprese, professionisti ed enti pubblici devono essere messi nelle condizioni di rafforzare le proprie difese cyber.

Ma come procedere per realizzare questo obiettivo?

Grazie alle competenze al 100% italiane e a 36 anni di esperienza nella system integration e nell'accompagnare le organizzazioni nel proprio percorso di innovazione, Corvallis, parte del polo cyber del Gruppo Tinexta, delinea alcuni punti chiave per una strategia di cybersecurity efficace , in grado di proteggere e abilitare l'innovazione e facilitare i processi di business grazie anche al suo rinnovato approccio Cyber UX

«La sicurezza digitale nel contesto attuale è tema complesso e ridurre la risposta alla mera sostituzione di una tecnologia con un'altra può non essere misura semplice o sufficiente», commenta Giorgio Pianesani, Cybersecurity, Industry & Public Sector Head of Sales di Corvallis. «Quello che fa realmente la differenza, in particolar modo per la sicurezza di organizzazioni complesse, è un approccio strategico alla cybersecurity. Approccio basato su solide componenti di advisory per la valutazione del perimetro digitale e degli asset critici e a maggior valore per costruire una strategia di difesa olistica dello spazio cyber in grado di ottimizzare risorse e tempi di implementazione» . Tutto ciò è reso possibile anche grazie all'adozione di un approccio UX che utilizzando tecnologie basate su Intelligenza Artificiale e Machine Learning consente la realizzazione di progetti veloci, a basso impatto organizzativo riducendo il rischio di “ingessare” i processi di business delle organizzazioni complesse.

Azioni necessarie e urgenti, ma che non devono essere dettate dalla frenesia: nel percorso di rafforzamento della sicurezza digitale e di introduzione di nuovi elementi di difesa in sostituzione o in ampliamento di quanto esistente è fondamentale predisporre accurati piani di migrazione, che sappiano integrare senza soluzione di continuità il nuovo nell'ecosistema digitale esistente.

Per questo, la fase di assessment ed evaluation è fondamentale, così come la valutazione puntale e accurata degli asset critici e del perimetro digitale, in modo tale da individuare le componenti fondamentali da proteggere e ottenere così un risparmio effettivo in termini di risorse e una maggiore efficacia delle azioni di difesa.

La tecnologia resta punto focale per garantire la sovranità digitale che il mercato e il sistema Paese a più alto livello auspicano per poter assicurare le condizioni di continuità ed evoluzione sicura al business.
Così, scegliere soluzioni e servizi conformi alle norme europee su data residency, data protection e GDPR diventa conditio sine qua non per compiere effettivi passi avanti nel difendere i propri asset critici.
Oltre a questo, affidarsi a fornitori con servizi basati e gestiti in Italia favorisce la stabilità e fornisce nuove garanzie alle imprese – soprattutto quando operanti in settori critici per il Paese.

Non sono percorsi semplici e devono essere guidati dalla competenza. L'esperienza maturata in settori complessi, quali i comparti finanziari, assicurativi, bancari, dei servizi e della pubblica amministrazione, guida la rotta di chi, come Corvallis, affianca i propri Clienti in oltre 2000 progetti all'anno e ha l'obiettivo di rendere fluido il processo di integrazione e implementazione di soluzioni per la sicurezza digitale delle organizzazioni.

È proprio sulla competenza che è bene investire, sia a livello di scelta dei partner esterni che per quanto riguarda lo sviluppo del know-how delle proprie persone. Anche in ambito cybersecurity, è proprio la formazione continua di dipendenti e collaboratori che consente alle organizzazioni di rafforzare la propria postura di difesa digitale.

Una strategia efficace di cybersecurity, quindi, può permettere alle imprese non solo di proteggere con efficacia il proprio business in un contesto internazionale caratterizzato da forte instabilità e crescenti minacce, ma anche abilitare reali opportunità di innovazione. La sicurezza è l'elemento costitutivo della digital transformation che stiamo vivendo e sostiene l'evoluzione dell'intero sistema Paese. Corvallis, nell'accresciuto ruolo di Secure System Integrator è al centro di questa evoluzione e al fianco delle imprese per difendere i propri processi di business.

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti