Urbanistica

Pronto entro il 2023 il waterfront di Genova progettato da Renzo Piano

L’obiettivo del sindaco Bucci: nel 2022 già navigabili tutti i canali d’acqua e operativo il Palasport. Investimento privato tra 240 e 260 milioni

di Raoul de Forcade

2' di lettura

Entro aprile 2022 tutti i canali d’acqua del nuovo waterfront di Levante a Genova saranno navigabili e sarà inaugurato il nuovo Palasport; entro giugno 2023, invece, saranno completati gli edifici del progetto. Sono gli obiettivi indicati dal sindaco di Genova, Marco Bucci, alla presentazione del primo plastico raffigurante il progetto dell’architetto Renzo Piano.

«Ad aprile 2022 - ha detto Bucci - tutti i canali d’acqua saranno pronti, il che vuol dire consentire già gli ormeggi e renderli disponibili per il Salone Nautico. Diventerà la marina più bella e importante del Mediterraneo con assistenza per barche da 5 a 130 metri e magari oltre».

Loading...

Investimento fino a 260 milioni

Saranno oltre duemila gli alberi del parco urbano sul mare previsto dalla Fiera di Genova all’inizio di Corso Italia. Massimo Moretti, direttore generale del gruppo Cds, che sta procedendo nella realizzazione dell’opera, spiega che l’investimento privato complessivo per realizzare il waterfront di Levante sarà di circa 240-260 milioni di euro.

«Genova e la Liguria - sottolinea il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti - in questi anni stanno ridefinendo il rapporto tra mare e città costiere, innovando e guardando al futuro nel pieno rispetto del territorio. Il waterfront di Levante è una delle tessere più importanti di questo ampio insieme di progetti di rigenerazione urbana».

Diminuisce la volumetria

Il progetto diminuirà di circa due terzi la volumetria preesistente, passando da 370mila a 120mila metri cubi e dimezzerà la superficie costruita passando da 60mila a 34mila metri quadrati. Prevede anche un parco urbano avrà un’ampiezza di 16mila metri quadrati, la nuova darsena di 14.700 metri quadrati.

Le superfici agibili saranno 62.510 metri quadrati di cui 15.960 di residenze e spazi comuni, 10mila di uffici, 8.900 di studentato e residence-hotel, più i 27.650 per il nuovo Palasport, che nasce dalla ristrutturazione, operata mentenendone l’impostazione originaria, del vecchio palazzetto. Tre ponti, di cui due mobili e due carrabili, garantiranno i collegamenti con la zona del padiglione Jean Nouvel, sempre utilizzato per il Salone nautico di Genova.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti