Tecnologia d’emergenza

Smartworking, Dad e internet in vacanza a Pasqua? Ecco le soluzioni più efficienti

Fuga degli italiani nelle seconde case, per passare una Pasquetta più piacevole. Ma dove vai, se internet non ce l'hai?

di Alessandro Longo

(Adobe Stock)

4' di lettura

Fuga degli italiani nelle seconde case, per passare una Pasquetta più piacevole. Ma dove vai, se internet non ce l'hai? Soprattutto se si vuole fare anche smart working e didattica a distanza. E poi, comunque c'è un copri fuoco da rispettare e ristoranti chiusi. Allora anche nella seconda casa la sera si vorrebbe vedere un film o una serie tv in streaming o giocare online. Consigliamo quindi alcune soluzioni ad hoc per stare su internet a una velocità decente, prezzi accettabili e con molti GB, da utilizzare.

Seconde case sì, però

Ricordiamo intanto, ai distratti, che dal 16 gennaio 2021 e ancora durante Pasqua è possibile fare “rientro” alla propria residenza, domicilio o abitazione. Qui incluse anche le cosiddette “seconde case”. Pertanto è possibile raggiungerle anche in un'altra Regione o Provincia autonoma, anche se rossa o arancione. Buone notizie, insomma. Le regioni possono però adottare prescrizioni più severe. E di fronte alla risalita dei contagi, alcune hanno introdotto una stretta per i non residenti. A partire da Val d'Aosta, Alto Adige, Sardegna e Campania.

Loading...

I consigli generali

Ciò considerato, ci sono tre soluzioni. Potremmo prendere un'offerta solo sim, magari con modem Wi-Fi (“saponetta”) 4G incluso (niente 5G per ora, in questa modalità). Oppure un'offerta normale, con minuti inclusi, e inserirla in un modem acquistato a parte. Terza possibilità, meno popolare ma comunque interessante, un fixed wireless access tutto a consumo.«Personalmente consigliamo di usare un'offerta di un operatore mobile virtuale, con tanti GB e minuti inclusi. Sono più economiche di quelle solo internet degli operatori normali. Unico svantaggio, va comprato a parte il modem, ma ormai si trova a prezzi bassi», dice Alessandro Voci, dell'osservatorio SosTariffe.Online lo si compra da 50 euro circa in su.

Velocità fino a 4G+ a 300 Mbps (molto) teorici.

Per chi vuole a tutti i costi il 5G non ci sarebbe che prendere uno degli operatori che lo offre, con tariffe voce e dati (Fastweb, Tim, Vodafone, Wind 3) e mettere la sim in un cellulare 5G con cui poi collegarsi in tethering. Una soluzione però macchinosa: “il tethering è una connessione di fortuna, non posso immaginare navigare sempre così”, conferma Voci. Tanto più che il 5G potrebbe non arrivare nelle seconde case, poste al solito fuori dai grandi centri urbani.Prima di comprare sim e attivare l'offerta, bisogna però scoprire quale operatore funziona meglio nella seconda casa. Con più copertura e una rete di livello superiore (4G, 4G+). «In teoria si può vedere la copertura sulla mappa di OpenSignal e su quelle presenti sui siti dei vari operatori, ma è sempre un terno a lotto”, dice Voci.Già perché le mappe sono approssimative e soprattutto tengono in conto solo la copertura outdoor. Magari vogliamo navigare – con il computer o la tv - proprio in quella stanza dove il segnale va e viene. SosTariffe.it consiglia il passa parola – chiedere ai vicini cosa funziona meglio – oppure fare qualche test con diverse sim, una dopo l'altra finché non si trova l'operatore migliore (ma così subiamo i costi della sim e di attivazione, a fondo perduto).Se è un operatore virtuale, scopriamo qual è la rete a cui si appoggia (qui una lista aggiornata ).

Il caso del fixed wireless access

Nel caso del fixed wireless access sarà l'operatore a dirci se c'è una copertura di segnale decente. Essendo una connessione “fissa” (ci si collega a un'antenna punto-punto), la qualità dovrebbe essere più garantita e la velocità reale persino più alta (fino a 30 Mbps).Lo svantaggio è che i costi iniziali e i canoni sono nettamente più alti rispetto alle offerte 4G.Qualche offerta per le seconde case Tra i più economici ora c'è Spusu (rete Wind 3), 50 GB (e 100 GB di riserva) a 5,98 euro al mese, più 2mila minuti e 500 sms. Più 9,9 euro per la spedizione della sim. Very Mobile di Wind 3 costa 7,99 euro (più 5 euro tra sim e attivazione) per 100 GGB, minuti e sms illimitati. Attenzione però che c'è un limite di velocità a 30 Mbps, come per Ho mobile di Vodafone che costa 8,99 euro per 70 GB (minuti e sms illimitati). Senza limiti Iliad, 50 GB per 7,99 euro al mese (minuti e sms illimitati). Si sale a 9,99 euro al mese per 100 GB con Spusu e Iliad. Offerte solo internet di Vodafone costano 11,99 o 19,99 euro al mese, per 50 o 100 GB; più 1 euro al mese per avere anche il modem. Con Tim stesso prezzo per i 100 GB. Wind 3 dà 60 GB a 8,99 o 100 GB a 12,9 euro. Ma ci sono anche GB illimitati a 14,99 euro al mese. Incluso il modem sempre.Eolo dà una connessione a consumo fixed wireless access, quindi che si sospende quando si vuole, con costo di attivazione di 99 euro e ricariche di taglio variabile: «2 giorni al costo di 6,90€, 1 settimana a 9,90€, 2 settimane a 19,80€ oppure navighi tutta la stagione con l'offerta speciale di 3 mesi al prezzo scontato di 99,00€”. Velocità fino a 30 Mbps.La velocità sale a 100 Mbps con Linke, con prezzo iniziale di 99 euro che include i primi tre mesi; poi si possono prendere blocchi di tre mesi prepagati, alla bisogna, allo stesso prezzo.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti