Fintech

Spend management, Soldo chiude round da 180 milioni di dollari

Le risorse saranno utilizzate per l’espansione a nuovi mercati e per una piattaforma integrata per tutti i processi e i Paesi

di Pierangelo Soldavini

2' di lettura

Ampliare la presenza in maniera diretta nei mercati europei e offrire una singola piattaforma che gestisca le specificità dei singoli processi aziendali tenendo conto allo stesso tempo delle diverse normative nazionali. È questo l’obiettivo per Soldo, principale piattaforma europea di spend management aziendale, con le risorse raccolte nell’ultimo finanziamento. La società ha infatti chiuso un round di serie C da 180 milioni di dollari guidato da Temasek, il fondo di venture capital del Governo di Singapore, e che ha visto la partecipazione di nuovi investitori come Sunley House Capital, Advent International, Citi Ventures, e la riconferma di attori come Accel, Battery Ventures, Dawn Capital e Silicon Valley Bank per il debt financing.

Il nuovo investimento arriva dopo che la società ha visto quadruplicare il volume di spese aziendali complessive gestito rispetto al round B, effettuato solo due anni fa.

Loading...

A oggi Soldo conta oltre 26mila clienti, dalle piccole e medie imprese a imprese globali, in più di trenta paesi in Europa, dato che il Vecchio continente rimarrà il focus almeno per i prossimi due anni. A questi clienti la fintech, fondata a Londra da Carlo Gualandri, fornisce una piattaforma che offre una visibilità in tempo reale del controllo dei costi di tutte le divisioni aziendali. «Il nostro compito è ricostruire la logica di ogni singolo processo aziendale, spesso basato su criteri obsoleti e usi consolidati, facendo comprendere le potenzialità di razionalizzazione ed efficientamento delle spese, operazioni che si trasformano in risparmi consistenti per l’azienda», spiega Gualandri. Le inefficienze nel controllo delle spese si tramutano in costi che Soldo stima attorno al 2% del fatturato per le imprese europee, dando vita a un mercato potenziale da 170 miliardi di dollari per lo spend management.

«Soldo è la risposta digitale, all’insegna della razionalizzazione, alla costosa complessità che esiste nel mondo delle aziende», sottolinea il founder e Ceo di Soldo sottolineando come quello delle spese aziendali costituisca un universo che va dalla gestione di bonifici e carte di credito fino alla rendicontazione di ogni singola transazione, dal report delle spese alla riconciliazione fino all’analisi del budget di spesa. Per questo Soldo, che già oggi combina carte aziendali emesse del circuito Mastercard con un software gestionale completo, punta a «uno spend management a 360 gradi che sia condensato in un’unica piattaforma che permetta al cliente di integrare e gestire nello stesso ambiente tutti i fattori specifici di ogni singolo processo e delle peculiarità nazionali a livello normativo e fiscale», conclude Gualandri.

Da questo punto di vista l’open banking abilita nuove prospettive permettendo a un attore come Soldo di accedere ai dati delle diverse banche di cui l’azienda è cliente integrando tutti i conti in un’unica piattaforma e permettendo la scelta di dove far partire i singoli pagamenti.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti