Scooter

Suzuki Burgman 400 my 2022, l'arte incontra la tecnologica

Atteso in concessionaria a luglio, il nuovo Burgman si lega ai Giochi di Tokyo con il progetto Arthletes.

di Simonluca Pini

2' di lettura

In occasione del lancio del nuovo Suzuki Burgman 400, la filiale italiana ha pensato di legare la competenza tecnica, la cultura giapponese, il gusto italiano e l'attualità con il progetto artistico Arthletes. Ispirato alle prossime Olimpiadi di Tokyo, vede la firma di quattro artisti chiamati ad interpretare quattro caratteristiche fondamentali del nuovo Burgman 400. Qualità come eleganza, sportività, stabilità e sicurezza, sono state abbinate ad altrettanti sport olimpici: tuffi, atletica leggera, ginnastica artistica e scherma). Il tutto, riassunto in quattro opere uniche che diventeranno poi altrettante livree per un Burgman da collezione.

Nuovo Suzuki Burgman 400, scheda tecnica
Lo scooter della casa di Hamamatsu, in commercio dal 1998 e già rinnovato due volte nel corso di oltre 20 anni, si presenta con nuove colorazioni opache (grigio, nero e silver) abbinati a cerchi blu, per enfatizzare il look sportivo, fanaleria full Led e luci Drl anteriori. Novità anche sotto la sella con gli aggiornamenti del motore, ora Euro5 e migliorato nella coppia ai medi-bassi regimi. Ora il propulsore monocilindrico da 400 cc, monta la doppia candela per migliorare la combustione, ottimizzare le prestazioni e abbassare i consumi. Tutto questo ha portato ad una velocità massima di 135 km/h. Confermata invece la ciclistica, con un telaio tubolare e monoammortizzatore posteriore con precarico regolabile su sette posizioni, impianto frenante con doppio disco anteriore, nuovo controllo di trazione e Abs. Il peso complessivo in ordine di marcia arriva a 218 kg.

Loading...

Progetto Arthletes
Per celebrare la nascita del nuovo scooter della casa di Hamamatsu, Suzuki Italia ha pensato di legare in un nuovo progetto di lancio competenza tecnica, cultura giapponese, gusto italiano e attualità. L'ispirazione nasce dalle prossime Olimpiadi di Tokyo. Nell'immaginario Suzuki Burgman 400 è “l'Atleta elegante” e con il Model Year 2022 Suzuki Italia vuole sottolineare i valori dell'atleta, realizzando una mostra di opere realizzate in esclusiva da quattro artisti italiani che hanno dimostrato grandi affinità con la cultura giapponese. A curare la mostra a livello autoriale saranno Lorenza Salamon, gallerista, e Ale Giorgini, in qualità di coordinatore degli artisti.

La tecnica scelta è quella dell'illustrazione, per le sue capacità di essere attuale in ogni epoca storica, e di suggestionare un ampio pubblico pur rimanendo espressione artistica autoriale. Per la mostra Suzuki ha chiesto a Gianluca Folì, Riccardo Guasco, Francesco Poroli e Van Orton di interpretare quattro caratteristiche fondamentali del nuovo Burgman 400 –– eleganza, sportività, stabilità e sicurezza –– abbinandole ad altrettanti sport olimpici (tuffi, atletica leggera, ginnastica artistica e scherma) da rappresentare in 4 opere uniche che diventeranno poi altrettante livree per un Burgman da collezione. “L'idea innovativa del progetto Arthletes nasce dal concept “l'atleta elegante”– dichiara Enrico Bessolo, Direttore Commerciale Suzuki Italia – grazie alle illustrazioni desideriamo mostrare il “fil rouge” che lega sport, Olimpiadi, Giappone e il nostro scooter attraverso un percorso espositivo che vedrà 4 opere uniche rappresentate da altrettanti illustratori”.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti