ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIl racconto delle sfilate/ giorno 3

Tod’s illumina l’Hangar Bicocca, Gucci fa sfilare 68 coppie di gemelli

Milano emoziona con la riflessione sull’identità firmata da Alessandro Michele. I debutti di Marco De Vincenzo da Etro e di Filippo Grazioli da Missoni, interessanti inizi da esplorare

di Angelo Flaccavento

Gucci (foto: Matteo Canestraro)

3' di lettura

Giunti al terzo giorno di sfilate, Milano finalmente emoziona. «Sempre più lavoriamo come a teatro», racconta Alessandro Michele a conclusione dello show Gucci, commovente esplorazione del topos del doppio e della gemellitudine. Capita di rado che la moda tocchi in maniera così puntuale un nodo tanto intimo e profondo. Bastano sessantotto coppie di gemelli identici, e un colpo d’occhio straordinario. Il meccanismo narrativo è rivelato nel finale, accompagnato da una struggente composizione per archi – realizzata di proposito, proprio come a teatro – quando si solleva la cortina che divide per lungo la passerella e i modelli escono dalle due aperture della quinta di fondo, si prendono per mano e, percorsa tutta la pedana, si separano.

La collezione Gucci per la PE 2023

La collezione Gucci per la PE 2023

Photogallery28 foto

Visualizza

Altri designer in passato hanno toccato il tema del doppio: Marc Jacobs da Louis Vuitton, Jun Takahashi da Undercover, ma questa volta è diverso. La reazione del pubblico è gutturale: groppo in gola e lacrime. Simile a un rito iniziatico di ricongiungimento con l’altra metà a lungo cercata, l’usuale camminata in passerella innesca pensieri che da sempre percorrono la mente umana. Pensieri che Alessandro Michele, figlio di una madre gemella che condivideva la casa con la sorella identica e la di lei famiglia, sollecita con sentimento e intensità, e una verve teatrale sintetica piuttosto che ridondante.

Loading...

«La moda che faccio, invece è chiara da leggere: mi piace citare, con una evidenza quasi pornografica», spiega a proposito della collezione. A questo giro sono gli anni 80 dei club e i tardi 70 del folk lisergico, inframezzati da esplorazioni grafiche di silhouette ad alto tasso di sensualità. Il corpo è il centro dell’attenzione, intensificato dal doppio, ma a questo giro, consapevolmente, tutto passa in secondo piano rispetto alla messa in scena, perché oggi è solo il racconto che conta.

Il tema del twinning è nell’aria, e nel giro di un’ora torna da Sunnei, dove però è pretesto per una differente e non meno pregnante riflessione: la capacità della moda di mutare la percezione della persona. In borghese o nella moda ludica di Sunnei, i gemelli sono uguali nella sostanza, ma appaiono diversi.

Da Tod’s non si rischia, ma non è nemmeno il luogo. Walter Chiapponi, capace direttore creativo, crea un guardaroba perfettamente normale di pezzi intonsi, liquidi, realizzati in materie d’eccezione. Abiti che non fanno spettacolo ma si vogliono mettere, e spettacolare è comunque la location, l’austero ma vivo Hangar Bicocca.

La collezione Tod’s per la PE 2023

La collezione Tod’s per la PE 2023

Photogallery27 foto

Visualizza

Ad eccezione delle sorprese “gemellari”, e di Versace, la cui scorrazzata nel gotico chiesastico è estrema per carica erotica e capacità di giocare con la moda e le sue iconografie, anche trite, la temperatura della fashion week milanese è alquanto tiepida, nonostante i numerosi debutti al timone di maison storiche, e l’implicita speranza della tanto agognata disruption – ma forse il termine non è più del momento.

La collezione Versace per la PE 2023

La collezione Versace per la PE 2023

Photogallery30 foto

Visualizza

Da Missoni, Filippo Grazioli riparte dalla fisicità, da zig zag e fiammati, dal bianco e nero e dai colori primari. Convince la scelta di un linguaggio più teso e muscolare, il registro sensuale, ma la prova appare ripetitiva. Però è un inizio, da valutare con tutta l’indulgenza del caso, e di certo c’è un punto di vista.

La collezione Missoni per la PE 2023

La collezione Missoni per la PE 2023

Photogallery22 foto

Visualizza

Ha un punto di vista preciso anche Marco De Vincenzo, che da Etro porta il suo gusto per la psichedelia e i pattern ipnotici, e fa fuori i sentori hippie o bohemien a favore di un velato clubbing. Ma l’omicidio non riesce del tutto: De Vincenzo osa in modo frenato, scopre le proprie carte senza cassare il passato, e alla fine il segno non è incisivo come avrebbe potuto essere. L’invito, per lui e per gli altri, e per i ceo che li dirigono, è a mollare gli ormeggi: il rischio paga. Da Sportmax, ad esempio, l’esplosione di fluorescenze e bulbi, al netto dell’ hommage a Margiela e Comme des Garçons, è energizzante.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti