Beauty look

Tripudio di colore nel make up sulle passerelle milanesi per la prossima estate

Blush, gloss e ombretti vivaci: si torna a sorridere e a gioire - dopo i lockdown - alla Milano Fashion Week che si è appena conclusa

di Monica Melotti

(AFP)

4' di lettura

La Milano Fashion Week, appena conclusa, è tornata audace ma al tempo stesso bon ton. Messi da parte i look minimalisti e leggermente tristi in tema piena pandemia, le sfilate sono state un inno alla gioia, alla voglia di riprendere la normalità ma con il sorriso sulla bocca e la luce negli occhi. E i beauty look hanno confermato questa tendenza.

«La prova è il ritorno del blush, vivace e ben in vista - dice Luca Mannucci, make up artist ed esperto in armocromia -. Non più applicato al centro del viso, ma sulla parte alta, un'ispirazione anni 80, per delineare meglio gli zigomi e rendere il viso più scavato. I colori sono accesi: arancio, corallo, pesca, terracotta, perfetti per un contrasto con un incarnato matte, come quello che abbiamo visto in passerella. L'effetto glow, infatti, che ha dominato per tanti anni, viene messo da parte a favore di un effetto opaco, non realizzato con la cipria, ma con fondotinta e correttori dal finish polveroso».

Loading...

E continua: «La bocca ritorna in primo piano, una chiara risposta all'obbligo della mascherina e soprattutto la voglia di mostrarla. Via libera ai colori arancio, rosso carminio, bordò, alle nuance gotiche. La sorpresa? Il ritorno del gloss, sia nella sua versione classica e trasparente, sia in quella rossa. In questo tripudio di colori, ma è giusto precisare che in passerella hanno sfilato anche dei nude make up, gli occhi vengono esaltati da eyeliner grafici e colorati: verde, blu acquamarina e rosa, il colore trendy della prossima primavera. Dominano i winged eye bicolor: verde lime e turchese, giallo e arancio. L'azzardo? L'eye liner liquido e l'ombretto bianco, apre moltissimo l'occhio, ma tende anche a evidenziare i difetti, quindi riservato solo alle giovanissime».

Un make up colorato

La prossima primavera, ce lo auguriamo tutti, sarà un'esplosione di colori, di luce e di gioia. E questa allegria arriva anche dalle passerelle, i colori vivaci sono stati il fil rouge nel make up. Ombretti vibranti e colorati under eye da Del Core; un cat eye bold che si allunga ben oltre la linea naturale della palpebra da Missoni, da Giorgio Armani, invece, la guru Linda Cantello ha messo un tocco di verde sulle palpebre, uguale per tutte le modelle. Stupisce ancora una volta Donatella Versace, per lei Pat McGrath ha realizzato un winged eye dal grafismo deciso in verde acido e azzurro, o in giallo e arancio, di grande impatto, che si contrappone a labbra glossate e naturali.

Make up colorato e trecce per la prossima estate dalle sfilate milanesi

Make up colorato e trecce per la prossima estate dalle sfilate milanesi

Photogallery15 foto

Visualizza

John Richmond, invece, punta sui tipici cat eye con una virgola in sù, alcuni hanno un tocco punk dato dalle linee bianche orizzontali delineate verso l'esterno. Etro guarda agli anni 70, ma non in modo scontato, le modelle sfoggiano una spruzzata di “polvere di stelle” sotto lo sguardo, piccole borchie applicate a mo' di lentiggini che ben si sposano ai capelli lunghi e leggermente mossi stile hippie. Fendi decreta il ritorno del rossetto rosso laccato, abbinato a un impercettibile smokey eye, all'insegna del colore e della ritrovata sensualità. Il tocco da maestro, realizzato da Peter Philips, è il blush, un aranciato dal mood Eighties mescolato al caramello per un effetto gold che dona un look multidimensionale. L'arancio è stato scelto anche da Max Mara, ma per la bocca, un rossetto color mandarino capace di dare energia anche al viso più spento.

Un nuovo nude look

Un make up discreto è stata la riposta al tripudio di colori, ma il nude make up non è scialbo e minimal, nella sua semplicità ha un guizzo di colore. Alberta Ferretti per ravvivare il make up bon ton ha scelto ciglia extra long con il mascara applicato sia sopra che sotto e un fard color pesca sulle guance. Look nude anche da Hugo Boss ma all'interno dell'occhio spicca una punta di arancio mentre all'esterno una sottile linea verde acqua per rendere il make up giocoso. Da Emporio Armani il make up resta nude senza eccessi, ma ravvivato da un occhio bagnato e un gloss trasparente.

La filosofia no-make up è un mantra anche da Blumarine, da N. 21 con un incarnato fresco e luminoso e da Salvatore Ferragamo: minimal ma leggermente glow. Da Elisabetta Franchi il nude make up si accende ispirandosi ai toni della terra, su occhi e labbra.

Hairdo

È stato il trionfo delle trecce in tutte le salse. Treccine afro da Ermano Scervino e Antonio Marras, il look è stato curato dal team Wella. Da Etro l’anima hippie che pervade la collezione si rispecchia nelle treccine stile anni 70. Trecce protagoniste anche da Vivetta “tiratissime” e lunghissime, impreziosite da scrunchies colorati, l'accessorio trendy della prossima estate, sulle teste delle modelle-pattinatrici. Trecce minuscole da Giorgio Armani, comode quando si vuole raccogliere i capelli. Tra gli accessori hanno anche dominato i cerchietti bon ton, non più nella stravista versione bombata, ma sottilissimo. Lo ha scelto Max Mara, un cerchietto in diversi colori, per un look anni 60 da indossare con i capelli sciolti sulle spalle, mossi, ricci, lunghi o cortissimi.

E poi il trionfo dei corti sbarazzini effetto wet e del gioco di intrecci con code e chignon. Il wet look è stato intercettato da Missoni, dove GHD ha realizzato un hair look “out of the shower”, dando un tocco wet ai capelli lunghi, mentre sui capelli corti l'effetto era più texturizzato e strutturato. Wet look anche da Elisabetta Franchi dove team artistico di Toni&Guy Italia ha creato un hairstyle pulito ma anche grafico: un wet look dal carattere forte con righe laterali profonde a sinistra e con un pò di volume sulla parte destra per valorizzare il viso.

Tante code basse e rigorosissime da Alberta Ferretti, liscia e leggermente messy caratterizzata da riga in mezzo e ciuffi lasciati liberi; coda bassa anche da Ferragamo, realizzate dal team Wella, con la parte alta ben mantenuta, lasciando invece morbida la parte finale, con lunghezze libere. Ritorna anche il caschetto intercettato da Prada, un caschetto shag leggermente scalato sulle punte da portare messy, mentre da Dolce&Gabbana il caschetto viene portato in tutte le texture possibili: super liscio, mosso e a onde piatte, il cosiddetto flob.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti