MADE IN GERMANY

Vw Golf 8, l’abbiamo provata: ecco cosa offre, come va e quanto costa

di Massimo Mambretti


default onloading pic

3' di lettura

Evoluta fuori, rivoluzionata completamente dentro e ottimizzata sotto le vesti. Sinteticamente si può descrivere in questo modo a Golf 8, perché si distacca dalla precedente più per quello che non balza all'occhio al primo impatto e perché, teoricamente, non promette di comportarsi in maniera molto differente dalla precedente. Infatti, si basa sempre sull'architettura Mqb e, di base, è sempre dinamicamente rassicurante e istintiva da guidare, sebbene nuove tecnologie la lancino anche nel mondo della guida semi-assistita di livello 2, mentre inedite regolazioni che includono persino 15 step per impostare lo smorzamento delle opzionali sospensioni adattive generino un comportamento ancora più determinato, una guidabilità più precisa e incrementino il confort, a prescindere dal motore che batte dentro il cofano.

Tuttavia, è quello che si trova dentro la Golf 8 che l'allontana realmente dalla precedente ma che la linea non trasmette con convinta decisione. Infatti, rimane inconfondibilmente quella della Golf sebbene la silhouette ribassata assieme al frontale affilato generi un profilo aerodinamico rivolto a ottimizzare l'efficienza.

Volkswagen Golf 8, tutte le foto della prova su strada

Volkswagen Golf 8, tutte le foto della prova su strada

Photogallery22 foto

Visualizza

Golf 8: la rivoluzione è digitale
Nell'abitacolo l'avanzata digitalizzazione ha portato in dote un arredamento inedito, che dice addio alla consolle centrale e a moltissimi interruttori fisici. Infatti, rimangono solo quelli sul volante mentre sono a sfioramento lo slider con cui si gestiscono, per esempio, il volume o lo zoom del navigatore e altri otto piccoli “pulsanti” disseminati sulla plancia. Ed è proprio quest'ultima che determina un panorama inedito e spettacolare, grazie all'Innovision Cockpit che domina la scena. Il wadescreen è formato dai display da 10,25” della strumentazione configurabile e quello del sistema operativo Mib che approda al formato 3.2 (quindi, per il momento è un passo avanti anche a quello che ha da poco debuttato con la rinnovata Passat) che sulle versioni meglio allestite passa da 8”25 e a 10”25. Il sistema integra un assistente personale al quale ci si rivolge dicendo Ciao Volkswagen e al quale si parla con linguaggio naturale ma che, al momento, può accedere a un minore numero di informazioni rispetto a quelli in circolazione da più tempo. A prescindere da ciò domande e risposte si susseguono con tempestività e, in alcuni casi, persino in maniera sorprendente. Infatti, riconosce chi fa le domande. Quindi, se chi sta al volante dice ho caldo abbassa la temperatura solo sul lato sinistro, mentre se fa la stessa domanda uno dei passeggeri l'abbassa sul lato destro e, nel caso del climatizzatore, se chi si “lamenta” siede dietro abbassa la temperatura solo nella zona posteriore dell'abitacolo.

Volkswagen Golf 8, ora è connessa e ibrida

Golf 8: l'hardware c'è già, il software se serve si compra
Poi, i confini della digitalizzazione arrivano anche allo shopping online, grazie alla Sim residente e ai servizi legati al mondo Volkswagen. In questo caso, una volta registrata la carta di credito, è semplice non solo pagare parcheggi o utilizzare la vettura come punto di consegna per pacchi e corrispondenza, ma anche decidere di acquistare successivamente e anche solo a tempo determinato, per esempio, il cruise control adattivo e il navigatore o, ancora, la tecnologia Matrix per integrare la fanaleria Full Led, che è di serie su tutte le Golf 8. Poi, ovviamente, Mib 3.2 integra anche Android Auto e Apple CarPlay, con quest'ultimo accessibile anche via wireless prontamente e istintivamente. E, a dispetto di quanto si può inizialmente immaginare, non richiede un gran apprendistato nemmeno scorrere i menu del sistema operativo sia toccando il display sia sfruttando i comandi gestuali.

Golf 8: i prezzi e la famiglia
La nuova Golf in vendita a prezzi che vanno da 27 a 39mila euro debutta negli allestimenti Life e Style ai quali si aggiungono in fase di lancio due edizioni speciali in tiratura limitata 1st Edition, e con i motori a benzina Tsi a tre cilindri da 1 litro con 110 cv e di 1,5 litri con 130 e con 150 cv, nel caso della versione mild hybrid con rete a 48 V e cambio Dsg a sette marce. A questo schieramento si affiancano sle turbodiesel Tdi di 2 litri con 115 e 150 cv, con quest'ultima che di serie offre anche il cambio a doppia frizione. Da segnalare che in fase di lancio nei prezzi sono inclusi il sistema d'infotainment con navigatore e display da 10”25, wireless app connect e il natural voice control.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...