Radiocor

Borsa: Europa alla riscossa ma a Piazza Affari (+2,3%) non c'e' pace per Saipem

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 24 giu - Seduta di riscatto per le Borse europee al termine di una settimana caratterizzata da forte nervosismo e incertezza, in cui i listini europei si sono portati ai minimi dell'anno. A Piazza Affari il Ftse Mib e' salito del 2,33%, a Francoforte il Dax40 dell'1,6% e a Parigi il Cac40 del 3,23%. A livello continentale, e' stato positivo l'andamento della maggior parte dei settori con tech, media e pharma a guidare la volata. L'andamento positivo di Wall Street ha dato ulteriore spinta nel pomeriggio, permettendo agli indici europei di allungare rispetto alla mattinata. Dopo gli interventi del presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, al Senato e alla Camera degli Stati Uniti nei quali ha ribadito che l'impegno della Banca centrale contro l'inflazione e' 'incondizionato' e che gli Stati Uniti hanno un'economia 'molto forte', che si e' 'ripresa pienamente', la presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, ha detto che l'aumento dell'inflazione e' una preoccupazione seria, la situazione e' seria ma non disperata, confermando che 'la Bce manterra' l'ordinata trasmissione della nostra politica monetaria in tutta l'area dell'euro'. Intanto, la Banca centrale di Pechino (Pboc) ha incrementato l'iniezione di liquidita' nel sistema bancario (quasi 9 miliardi di dollari nell'operazione odierna). A Piazza Affari, si e' mossa in controtendenza Saipem (-21,81%), alla terza seduta consecutiva di passione dopo l'annuncio dei termini dell'aumento di capitale da 2 miliardi di euro che partira' lunedi'. Giornata di acquisti, invece, per Recordati (+7,64%), che ha chiuso in testa al Ftse Mib, seguita da Interpump (+6,64%) e Italgas (+5,3%). Sul mercato valutario l'euro si rafforza leggermente e vale 1,0552 dollari (1,0534 in avvio e 1,0517 ieri in chiusura) e 142,539 yen (141,92 e 141,55), quando il dollaro tratta a 135,091 yen (134,7 e 134,594). Torna a salire il prezzo del greggio che era stato penalizzato dai timori per un calo della domanda in caso di recessione: il contratto consegna Agosto sul Brent sale del 3,17% a 113,54 dollari al barile e quello di pari scadenza sul Wti del 3,68% a 108,11 dollari al barile. Infine, ad Amsterdam il future luglio del gas naturale e' tornato a scendere (-3,26% a 129 euro al megawattora) dopo il rialzo registrato in seguito all'allarme tedesco sulle forniture dalla Russia.

Fla-

(RADIOCOR) 24-06-22 17:38:31 (0522)NEWS,ENE,PA,ASS 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti