Radiocor

Borsa: il blitz della Boe calma i mercati, Milano recupera e chiude a -0,52%

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 28 set - Sono ancora le banche centrali a dettare il passo sui mercati: stavolta e' stata la Bank of England che, con un inatteso annuncio di sostegno ai titoli di Stato da 65 mld di sterline, ha ridato fiato ai listini europei, appesantiti da un mix di fattori esplosivo. A fine giornata l'Europa e' contrastata ma chiude vicina ai massimi, complice anche il buon andamento di Wall Street, fa peggio il Ftse Mib che chiude in calo dello 0,52%, comunque ben sopra i minimi di giornata. L'annuncio della BoE di un acquisto seppur a termine dei Gilt britannici, colpiti dalle vendite dopo il maxi-piano fiscale del Governo, ha ridotto il rialzo dei rendimenti in tutto il Vecchio Continente e Oltreoceano, contribuendo a risollevare l'azionario dai minimi. Questo in un contesto in cui il prezzo del gas ha ripreso a volare (+11% a 207 euro al MWh a fine giornata) mentre le autorita' tedesche - secondo i media - hanno detto che i danni a Nord Stream potrebbero rendere il gasdotto inutilizzabile. Sempre sul fronte energetico sale anche il petrolio dopo il calo delle scorte Usa (+2,8% il Wti a 80,64 dollari, +2,12% a 88,08 il Brent). Sull'azionario, bene oil e utility, deboli le banche, in coda Leonardo (-5,39%) che ha l'11% del fatturato in sterline, male St (-2,56%) con Apple (-4% a Wall Street) pronta a fare marcia indietro sugli aumenti di produzione. Sul valutario, l'euro recupera terreno a 0,963 dollari (0,9598 ieri in chiusura), dopo i minimi da 20 anni raggiunti lunedi'. La moneta unica vale anche 139,2 yen (139,05), mentre il rapporto dollaro/yen e' a 144,45 (144,82), dopo un top a 144,85 vicino alla soglia psicologica dei 145 yen. Seduta ad alta volatilita' per la sterlina, con l'annuncio della BoE e dopo che l'agenzia di valutazione Moody's ha rilevato che i tagli fiscali promessi dalla premier britannica Liz Truss saranno 'negativi' per il merito creditizio del Paese: un pound vale 1,074 dollari (dopo un massimo a 1,084 e un minimo a 1,0539, nuovo minimo da 20 anni) da 1,076 ieri in chiusura. I rendimenti dei titoli di Stato britannici a 30 anni, che erano saliti al livello piu' alto dal 1998 al 5,14%, sono scesi sotto il 4%. Sotto quota 250 punti base lo spread BTp-Bund, che in precedenza era salito ai massimi dalla primavera del 2020, con rendimento dei decennali italiani che nel corso della seduta hanno aggiornato i massimi dal settembre 2013 al 4,88% prima di ripiegare.

Chi

(RADIOCOR) 28-09-22 17:40:50 (0555)NEWS,ENE,PA,IMM,ASS 3 NNNN

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti